« torna in homepage

Archivio ultimi post:

postato il 10 giugno 2016 da redazione | in "Esteri"

Cile: Col Presidente Michelle Bachelet

L’olio donato in nome di Lumi Videla

Al Palacio de La Moneda con il Presidente della Repubblica, Michelle BacheletPubblichiamo dal Corriere della Sera l’articolo di Fabrizio Caccia

Due giorni fa, entrando al Palacio de La Moneda di Santiago, il presidente della commissione Affari esteri del Senato, Pier Ferdinando Casini, ha portato con sé un regalo speciale per Michelle Bachelet, la presidente della Repubblica del Cile: una bottiglietta di vetro da 250 ml con dentro un olio molto particolare.
Un olio con una storia lunga più di 40 anni. Si chiama «Luminoso», ma non c’entra il colore. Ha preso il nome da una ragazza, Lumi Videla, il cui corpo martoriato fu rinvenuto all’alba del 3 novembre 1974 nel giardino dell’ambasciata italiana a Santiago. Lumi Videla era una giovane militante del Mir, il movimento di resistenza al regime militare di Augusto Pinochet, il generale a capo del golpe dell’11 settembre 1973, che portò alla destituzione violenta e alla morte, quello stesso giorno, del presidente cileno Salvador Allende.

Il corpo senza vita di Lumi Videla venne ritrovato accanto ai quattro alberi d’ulivo del giardino della residenza dell’ambasciatore dell’epoca, Tomaso de Vergottini. Un avvertimento chiaro della dittatura all’Italia, che dopo il golpe aveva cominciato subito ad accogliere nella sua ambasciata centinaia di persone in cerca di asilo. Quella morte era l’ammonimento feroce del regime a non offrire più, da parte nostra, salvacondotti agli oppositori. Ma un coraggioso drappello di diplomatici, pur senza immunità per la brusca interruzione dei rapporti tra i due Paesi, resistette. E davanti alle quotidiane minacce degli uomini della Dina, i servizi segreti di Pinochet, malgrado tutto non si piegò, continuando a dare assistenza ai rifugiati. Così, oggi, dal seme di quelle quattro piante d’ulivo, non lontano da lì, è nato un uliveto intero.
Simbolo di pace ma anche frutto della memoria, per ricordare l’audacia dell’ambasciatore de Vergottini, di sua moglie Sofia e del giovane consigliere Emilio Barbarani che all’assassinio della ragazza dedicò un libro («Chi ha ucciso Lumi Videla?»). Ed ecco che l’ambasciatore di oggi, Marco Ricci, ha voluto chiamare «Luminoso» l’olio nato dai semi di 40 anni fa e, insieme a Casini (in missione in Sudamerica fino a domani), ha portato in dono alla Bachelet la prima bottiglia della produzione.

0 commenti
postato il 10 giugno 2016 da redazione | in "Esteri"

Missione in Sud America

Missione in Sud AmericaA Montevideo gli incontri con i presidenti della Camera e del Senato dell’Uruguay, Gerardo Amarilla e Raúl Sendic. Successivamente, gli appuntamenti con esponenti del governo locale, con rappresentanti della comunità residente italo – uruguayana e con il Sindaco di Montevideo, Daniel Martinez. La visita si è conclusa alla SIM, la scuola italiana di Montevideo.
Poi lo spostamento a Santiago del Cile e la visita al Museo de la Memoria dove sono custodite le testimonianze dei tragici anni del regime. Mentre al Cimitero Municipale della capitale cilena abbiamo deposto una corona di fiori sulla tomba di Patricio Aylwin, primo presidente del Cile eletto democraticamente dopo la dittatura di Augusto Pinochet e gia’ presidente dell’Internazionale democratico-cristiana (Idc), insieme ai figli dello statista cileno e a una delegazione di funzionari e collaboratori. Nella sede del Parlamento cileno di Valparaiso, gli incontri con il Presidente della Camera, Osvaldo Andrade, e il Presidente del Senato, Ricardo Lagos Weber.
In serata al Palacio de La Moneda con la Presidente della Repubblica, Michelle Bachelet.
Poi di volta a Buenos Aires: nella capitale argentina lunghi e cordiali incontri col Ministro degli Affari esteri dell’Argentina, Susana Malcorra e con la Vice Presidente della Repubblica, e presidente del Senato, Gabriela Michetti. Infine, alla Casa Rosa l’incontro col Presidente dell’Argentina, Mauricio Macri.

0 commenti
postato il 30 maggio 2016 da redazione | in "Esteri, Europa"

Bisogna prepararsi all’invasione: il governo lanci un vero Sos

CatturaL’intervista di Giovanni Rossi a Pier Ferdinando Casini, pubblica su Il Resto del Carlino

IL MEDITERRANEO dei dannati sputa vite e cadaveri: negli ultimi giorni 13.000 migranti salvati, almeno 700 annegati. Donne e bambini soprattutto. Ma anche uomini stremati da mesi di stenti, violenze, torture. L’abisso sotto gli occhi dell’Europa. Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Affari esteri del Senato, stavolta tradisce una preoccupazione elevatissima: «Se al primo anticipo d’estate sbarcano 13.000 migranti, allora dobbiamo prepararci a un’invasione».

Martin Kobler, inviato Onu in Libia, sostiene che quest’estate non ci sarà «un’ondata».
«Il problema non è quanto accaduto fino alla scorsa settimana, ma quanto è successo appena il meteo ha incoraggiato le partenze. E nel 2015 era aperta la rotta balcanica. L’Italia adesso è molto più esposta».
Come dice il presidente Mattarella, è stato ingenuo pensare che bastasse sigillare i Balcani…
«Se a chi scappa da guerre e conflitti, come in Siria e Afghanistan, si aggiungono i disperati del Corno d’Africa e dei Paesi subsahariani, la pressione è talmente forte da dover necessariamente trovare un sbocco».
Nessuna soluzione?
«Ci sono quattro risposte, ma possono produrre un risultato solo se si danno tutte insieme. Più controlli alle frontiere esterne, pattugliamenti massicci e rafforzati con autentico impegno europeo, una seria politica di respingimenti, l’approvazione del Migration Compact. Che il premier Renzi ha già proposto all’Europa».
Applausi. E le risorse?
«Il nostro premier sa come farsi ascoltare. Stavolta però credo debba gridare più forte. Renzi lanci un vero Sos. Se i ritmi degli sbarchi sono questi, l’Italia non può farcela. È questa la vera priorità politica: più delle elezioni amministrative, più del referendum».
L’Europa delle risorgenti barriere non ha voglia di spendere per i ‘nostri’ sbarchi.
«Chi costruisce muri ha capito poco. L’unico modo per contenere i flussi – almeno quelli a prevalenti motivazioni economiche – è finanziare massicciamente i Paesi che non ce la fanno. In alcune aree dell’Africa operano entità statali pressoché fallite e il racket dell’emigrazione si allarga e prolifera proprio perché più potente».
Chi lo spiega alla Merkel?
«Gliel’ha detto Renzi, glielo ripeterò anche io, tra poche ore, all’assemblea del Ppe, assieme al ministro dell’Interno Alfano. Rinviare una risposta strategica complessiva – di controllo navale e finanziamento alle realtà più esposte – produrrà solo maggiori spese nell’emergenza, oltre che perdite di vite umane e colossali inganni per chi arriva e diventa merce di scambio».
Demolisce la cooperazione?
«Due giorni fa sono stato al centro profughi di Rosarno, in Calabria. Cinquemila migranti in un paese di dodicimila. Situazioni indecenti nonostante il prodigarsi di preti e volontari veri. Simili concentrazioni finiscono solo per ingrassare un’economia parallela che gioca al ribasso in zone già depresse. Senza contare i crescenti appetiti di una cooperazione con tante mafiette che puntano a convenzionarsi con il Viminale perché sui migranti vorrebbero prosperare. Non possiamo permetterci incrostazioni simili».
In Libia l’Italia è impantanata?
«No, ha giocato bene le sue carte diventando il primo sponsor del governo al-Serraj».
Siamo alleati di fatto con Germania e Turchia, che sulla chiusura balcanica hanno fatto asse. E se visto lo stallo tra Tobruk e Tripoli gli Usa si defilassero
«Non lo faranno. Anzi, proprio in queste ore, assieme agli inglesi, stanno esercitando pressioni fortissime sul generale Haftar perché Tobruk si sottometta a Tripoli. Se Haftar lo farà avrà il ruolo che merita. Non può pensare di esercitare un contropotere. Tanto più che le brigate di Misurata, fedeli a Tripoli, proprio oggi sono arrivate a 12 chilometri dal centro di Sirte, principale roccaforte dell’Isis. Stanno sminando. Poi daranno l’ultimo assalto. Parte dei miliziani Isis è già in fuga via mare, sui gommoni. Anche per queste evenienze servono un pattugliamento massivo e un accordo interlibico. Senza il quale il racket degli scafisti continuerà a inondarci di profughi».

0 commenti
postato il 20 maggio 2016 da redazione | in "Esteri"

Tunisia: Svolta di Ennahda, modello da esportare nel Mediterraneo

A Tunisi per partecipare al congresso del partito Ennahda

IMG_5021

 

Oggi a Tunisi Ennahda compie una straordinaria rivoluzione politica e culturale nel mondo arabo.
Abbandona il concetto di Islam politico e abbraccia l’idea di partito civile, distinguendo tra religione e politica. Ghannouchi compie una svolta che può essere il modello da esportare nel Mediterraneo.

 

 

0 commenti
postato il 9 maggio 2016 da redazione | in "Immigrazione"

Aprire le porte ai migranti un dovere morale e pure convenienza

casiniL’intervista di Osvaldo Baldacci a Pierferdinando Casini pubblicata su Il Giornale di Sicilia.

II Papa latinoamericano e il presidente statunitense gridano agli europei smarriti che serve più Europa, e hanno ragione. Chi fa demagogia in Italia dovrebbe capire che se l’Europa si dissolvesse l’Italia rischierebbe di diventare un enorme campo profughi per migranti, chiusa dai muri. Un’Europa forte, con valori chiari, è un elemento imprescindibile del nostro futuro. Ne è convinto Pierferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri del Senato.

Presidente, venerdì tutta la leadership europea era riunita in Vaticano per consegnare il Premio Carlo Magno a Papa Francesco, il quale ha rivolto parole alte ma anche incandescenti. Che ne pensa?
«Il Papa coglie il terribile vuoto di leadership che c’è in Europa e lo colma in un’epoca in cui gli stessi leader europei sembrano alla ricerca di una fonte d’ispirazione che hanno perso. È simbolica la consegna del premio al pontefice da parte di tutta Europa che va a cercare conforto dalle parole del Papa. D’altro canto già Giovanni Paolo II è stato un gigante della nostra epoca in Europa, ma comunque il più grande tra altri giganti, come Helmuth Kohl e Mitterrand, e c’erano anche personalità come Andreotti e Ciampi. Oggi invece a parte la figura della Merkel appare solo un deserto».
Il Papa parla anche da capo della Chiesa, dopo che l’Europa ha rifiutato di riconoscere le proprie radici cristiane.
«Per un malinteso senso del multiculturalismo ci si rifiutò di inserire nella costituzione poi bocciata il richiamo alle radici cristiane. Quello è stato un errore capitale, la proiezione di una illusione grande come una casa, cioè che in nome dell’accoglienza noi dobbiamo abdicare alle nostre bandiere. Pensare che per accogliere altri dobbiamo essere privi di identità è follia. Anzi, solo la consapevolezza della nostra identità, solo se sappiamo chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo possiamo accogliere gli altri, tanto più se questi hanno un’identità forte come quella islamica».
Quindi cosa dobbiamo fare secondo lei?
«Occorre una grande semina dei nostri valori, che è il presupposto per accogliere. Inoltre quando accogliamo dobbiamo avere chiari dei valori indisponibili, punti dai quali non si recedere: ad esempio la parità delle donne, la tutela dei minori, la libertà religiosa. D’altro canto vorrei aggiungere che c’è chi fa la battaglia contro le moschee, ma io invece preferisco le moschee agli scantinati dove si trovano ammassate centinaia di persone senza alcun controllo e che magari vengono trasformati in luoghi di propaganda. Nelle moschee invece ci possono e ci devono essere verifiche, controlli delle autorità, sermoni in italiano».
Accogliere è anche un problema di gestione delle risorse…
«Accogliere è un’esigenza non solo morale ma anche economica, gli indici demografici sono un dato da cui non possiamo scappare, con la denatalità dell’Europa e la grande crescita dei Paesi alle nostre porte. Bisogna scegliere tra integrazione o invasione».
In Italia i sentimenti di ostilità all’Europa e all’immigrazione sembrano crescere. [Continua a leggere]

0 commenti
postato il 2 maggio 2016 da redazione | in "Esteri"

Maro’: risultato coesione maggioranza-opposizione

maròLa decisione che proviene dal Tribunale dell’Aja sul ritorno in Italia del Fuciliere di Marina Salvatore Girone suscita una grande soddisfazione in tutti noi. Non è solo un grande risultato ottenuto dal Governo ma da tutto il Parlamento, maggioranza e opposizione, che ha mostrato una straordinaria prova di coesione nazionale. Adesso la strada è intensificare la collaborazione diplomatica con l’India per risolvere il contenzioso ancora esistente

0 commenti
postato il 30 aprile 2016 da redazione | in "Politica"

Nessuna nostalgia

La lettera di Pier Ferdinando Casini al Direttore di Quotidiano Nazionale

11370467404_f60a564cea_oCARO DIRETTORE,

dopo aver letto l’edizione del Quotidiano Nazionale di ieri, non ho resistito alla tentazione di spiegare il mio pensiero al giornale della mia città, che pubblica una foto storica del comizio del Polo delle libertà del 1996 a Piazza San Giovanni. Proprio da quella foto e dai miei capelli neri traggo una prima considerazione: non c’è nulla di più patetico di 60enne che voglia dimostrarne 30!
Il tempo è passato e riproporre il centrodestra di 20 anni fa non sarebbe solo una nostalgia,ma soprattutto un errore colossale.
Stiamo vivendo tempi terribili; il Mediterraneo è in fiamme e i paesi del Centro e Nord Europa hanno la tentazione di alzare nuovi muri. La politica sta morendo e il populismo, le battute ad effetto, il cosiddetto popolo della rete rischiano di portare in trionfo Trump negli Usa, Le Pen in Francia, Podemos in Spagna, nuovi idoli che potrebbero vincere le elezioni, ma di certo non risolverebbero problemi destinati ad aggravarsi.

All’Italia non servono coalizioni che ripropongano, dalla giustizia all’economia, più o meno le stesse ricette di Beppe Grillo. C’è già l’originale e ogni copia sarebbe solo inutile. All’Italia serve un’area liberale moderna che abbia la visione di ciò che sta accadendo nel mondo e di come si può tutelare l’interesse nazionale; serve una nuova idea di Europa a noi indispensabile, perché la gente che ragiona ha capito che il nostro Paese sarà il primo a pagare il fallimento europeo, magari diventando un gigantesco hotspot per i rifugiati.

Si è interrotto negli anni scorsi un cammino per i moderati italiani. Non so se sarà possibile ricostruire un’idea comune del futuro, ma so che una deriva populista e demagogica non ci porta da nessuna parte. Per questo la scelta di Berlusconi a Roma è stata importante, ma è solo il primo passo di un percorso ancora da intraprendere.
Il vero favore a Renzi – mi si consenta di rispondere a polemiche un po’ ridicole – sarebbe quello di consegnargli l’esclusiva su questa area, inseguendo pifferai magici con spartiti tanto accattivanti quanto autolesionistici.

 

0 commenti
postato il 29 aprile 2016 da redazione | in "Politica"

Il Cavaliere graffia ancora. Prossimo passo, pace con Alfano

Non è più tempo di risentimenti

_H2A0494

L’intervista di Ugo Magri a Pier Ferdinando Casini pubblicata su La Stampa

Berlusconi che scarica la destra: cosa fa venire in mente a un moderato come lei, Casini?
«Che la tigre magari non è più quella di trent’anni fa, però sa ancora graffiare. E soprattutto va nella direzione giusta».
Partiamo dalla tigre: come mai improvvisamente s’è risvegliata?
«Ma è ovvio. Salvini e la Meloni applaudono le esternazioni di magistrati come Davigo, svillaneggiano l’azienda di Berlusconi, sostengono che lui s’è venduto a Renzi per salvare le tivù, come possono poi pretendere che lui si accodi? Forse avevano fatto i conti con la sua caricatura. Invece con questa mossa Silvio ha dimostrato di essere lucido e ancora in campo».
In campo per cosa? Per riproporre se stesso come ai vecchi tempi?
«No, qui non si tratta di riprodurre le ricette del passato, perché quel passato non esiste più. Viviamo momenti difficili. Se pensiamo a ciò che succede nel Mediterraneo, alle guerre che ci mandano ogni mese migliaia di rifugiati, alle barriere che l’Austria vuole rialzare ai nostri confini, al rischio che l’Italia si trasformi in un gigantesco “hot spot” per gli immigrati, una cosa appare chiara: se l’Europa ha un torto è che non si fa rispettare abbastanza. E se la Merkel non piace, allora per l’Italia sono mille volte peggio i populisti nazionalisti che vogliono prenderne il posto».
Stavamo parlando dell’appoggio di Berlusconi a Marchini e lei tira fuori la Merkel. Perché?
«Perché i moderati non si possono più nascondere. Se ancora pensano che, per resistere, debbono inseguire o scimmiottare i populisti, vuol dire che faranno la fine dei socialisti e dei popolari austriaci i quali, sommati insieme, si sono fermati al 22 per cento. Invece con la scelta di Berlusconi a Roma c’è la possibilità di far pesare la differenza abissale che esiste tra moderazione e populismo. Cioè una questione che va oltre i destini personali di Marchini, di Bertolaso, di Casini. Qui si sta decidendo una certa idea della politica e dell’Italia».
Salvini e i Cinquestelle però insinuano che, in questo modo, Berlusconi fa un regalo a Renzi.
 «È esattamente l’opposto. Se i moderati italiani non rialzeranno la testa, quella sarà la volta che Renzi si approprierà definitivamente dei loro elettori. Non si fa alcun favore al premier, lo si fa all’Italia che ha bisogno di ragionevolezza e buonsenso».
Davvero crede che quest’area moderata possa rimettersi insieme?
«Certo, è un cammino pieno di incognite. Ma con la candidatura di Parisi a Milano, e con quella di Marchini a Roma, incomincia una stagione in cui i moderati la smettono di demonizzarsi reciprocamente. E’ più facile alle elezioni amministrative perché una parte collabora con Renzi, un’altra è all’opposizione. Però non credo che Berlusconi voglia stare nella politica italiana per favorire la vittoria dei Cinquestelle. Se non ricordo male, la firma sotto il patto del Nazareno ce l’aveva messa Berlusconi, mica Alfano».
Ha ottima memoria. Ma quelli che lei vorrebbe rivedere insieme hanno passato gli ultimi anni a litigare…
«Oggi i risentimenti sono un lusso che non ci possiamo permettere. C’è un’emergenza che riguarda i nostri figli e il futuro dell’Italia. Davanti a una simile situazione, che Alfano e Berlusconi non si parlino è una cosa fuori dal mondo e anche poco credibile, perché dopo essere stati insieme tutta la vita non è che improvvisamente possono pensarla all’opposto».
Lei ha buoni rapporti con entrambi. Tenterà di farli dialogare?
«Io il mio percorso l’ho fatto, non vivo né di rimpianti né di rivalse. Per cui posso impegnarmi perché tra tutti i moderati si riallacci un filo»

0 commenti
postato il 27 aprile 2016 da redazione | in "Politica"

E’ l’ora di un asse anti populista con Renzi

L’intervista di Fabrizio de Feo a Pier Ferdinando Casini pubblicata su Il Giornale
11370467404_f60a564cea_o

Presidente Pier Ferdinando Casini, lei davvero vuole fare il partito unico con Berlusconi e allearsi con Renzi?
«Diciamo che quella è la sintesi che ha fatto Repubblica più che la riproposizione esatta del mio pensiero. Ma è evidente che è arrivata l’ora di riaprire un dialogo. Scongelare i rapporti può essere utile sia a lui che a noi. Siamo di fronte all’ultima chiamata per i moderati».
Cosa risponde a chi ritiene che intraprendere un percorso del genere significa «consegnarsi» a Renzi?
«Io faccio un ragionamento disincantato osservando la realtà. Prima di tutto non si può andare avanti con questa assurda incomunicabilità tra Berlusconi e Alfano. Punto secondo non si può continuare a ragionare come se lo scenario politico fosse lo stesso di venti anni fa».
Qual è la differenza maggiore rispetto ai tempi in cui il centrodestra ha costruito la sua esperienza di governo?
«Innanzitutto sono cambiati gli equilibri elettorali con Renzi che oggi è nelle condizioni di dare lui le carte. E poi il bipolarismo di un tempo è finito con l’affacciarsi sull’orizzonte politico europeo di forze che abbinano caratteristiche lontane dalla nostra storia: il sentimento anti-europeo e il giustizialismo. E penso alla Le Pen come a Podemos mentre in Italia è evidente che sono i 5Stelle la forza trainante, con buona pace di Salvini e Meloni. Così come non si può ragionare senza tenere conto della minaccia terroristica e di ciò che sta accadendo nel Mediterraneo a poche centinaia di chilometri da noi. Fattori che creano una instabilità che i partiti populisti non fanno che enfatizzare e cavalcare».
Quindi lei vede come inevitabile la costituzione di un asse anti-estreme tra forze del Ppe e del Pse?
«Non sarebbe certo un unicum italiano. É ciò che in Germania stanno sperimentando da tempo e lo stesso Europarlamento è governato così. Oggi l’incontro tra democristiani e socialisti è necessario per non essere sommersi dal populismo. In questo senso trovo irresponsabile chi in Italia tifa per la caduta della Merkel che ci consegnerebbe a soluzioni di governo tedesche per noi molto più negative».
Perché lei lancia adesso questo appello a Berlusconi?
«Nessun appello, ma in queste Amministrative è successo qualcosa di importante. Berlusconi a Milano ha indirizzato il centrodestra verso un candidato di garanzia democratica come Stefano Parisi. A Roma ha rifiutato di farsi schiacciare sulle estreme e diventare subalterno a Salvini e alla Meloni, dimostrando che non intende morire su quel versante, anche se io avrei preferito un ticket tra Alfio Marchini e Guido Bertolaso. Spero ci sia ancora la possibilità di un accordo. Ora, però, è arrivato il momento di sposare il Ppe come chiave identitaria e distintiva e riaprire davvero un cantiere così da dare forza e credibilità ai moderati e fermarne la dispersione».
Quale ruolo immagina per Berlusconi in questo contenitore?
«Berlusconi ha vinto quando si è posto come collante di sensibilità diverse. Io a Berlusconi voglio bene proprio perché mi sono diviso da lui mentre tutto il mondo lo applaudiva. Una cosa va riconosciuta: ha il merito storico di aver saputo convogliare il separatismo di Bossi verso il regionalismo e di aver costruito le condizioni per le quali Fini ha fondato Alleanza Nazionale, rinnegando il fascismo. Oggi bisogna trovare tutti insieme la forza, nel momento in cui il Ppe è più debole e l’Europa mostra di non saper più funzionare, di percorrere nuovi schemi. Ricordo bene quando Berlusconi – così come Prodi – dicevano che se non si fossero controllati i confini esterni saremmo finiti a costruire i muri interni. Questa profezia si sta avverando».

0 commenti
postato il 26 aprile 2016 da redazione | in "Politica"

Partito unico con Berlusconi e insieme sosteniamo Renzi

CatturaL’intervista di Tommaso Ciriaco a Pier Ferdinando Casini pubblicata su Repubblica

«La scelta di Bertolaso dimostra che Berlusconi non si rassegna a una sterile subalternità rispetto ai due populisti Salvini e Meloni. I moderati di Forza Italia e quelli che invece sostengono Renzi devono tornare a parlarsi».
Nel giorno in cui Silvio Berlusconi detta con una lettera al Giornale la nuova linea centrista («FI è come il Ppe») – e Giorgia Meloni giudica «finita la coalizione» – Pier Ferdinando Casini propone di sfruttare questo strappo per dar vita al Ppe italiano. «Ora o mai più, è l’ultima chiamata».

Casini, il caos di Roma può segnare la svolta?
«Io sostengo Marchini, ma l’aver resistito alla candidatura della Meloni è il segno che Berlusconi non vuole essere subalterno al populismo nazionalista e al becero qualunquismo antipolitico degli alleati. Oggi l’alleanza di centrodestra è sbilanciata a favore delle componenti estreme, che vogliono creare in Italia una succursale del lepenismo. Quelli che plaudono a Davigo sono Salvini e Meloni, dovrebbero riflettere i moderati di Forza Italia che propongono un vassallaggio completo a questi signori. Mi auguro che nasca un ripensamento che eviti la dispersione dei moderati».
Su quale terreno, quello del sostegno al governo?
«Si può discutere se la scelta giusta per un moderato sia sostenere Renzi, come faccio io, o se è meglio un’opposizione non populista al governo. Questi due filoni, in ogni caso, hanno grandi possibilità di incontrarsi, avendo più affinità di quanto si immagini. Pensate ad esempio al Jobs act e alla giustizia».
Quindi dialogo tra FI e Renzi?
«Non so dove porterà, ma certo chi sta oggi all’opposizione ha firmato ieri il Patto del Nazareno. C’è molto su cui lavorare. Ed è l’unica possibilità per Berlusconi di essere protagonista».
Protagonista o leader?
«La sua forza è quella di prendere ancora milioni di voti, però è fuori ormai dal Parlamento. Il tempo passa per me e anche per lui…».
E a Renzi conviene parlare con Berlusconi?
«Il dialogo è essenziale anche per lui, che mi sembra sia impegnato in una marcia tutt’altro che trionfale contro i cinquestelle. La sinistra interna lo boicotta, i costituzionalisti lo combattono. Da solo difficilmente riuscirà a occupare il fronte moderato».
E può farlo con FI, accreditata a un misero 6%?
«Non è un dato reale. Sono al 6% perché non si capisce da che parte sta Forza Italia. Io preferisco il Berlusconi che riceve Weber e dialoga con il Ppe».
Ppe italiano tutti assieme? 
«È la mia strada. Il Ppe vive una crisi profonda. O chiude baracca, oppure cerca di costruire contenitori moderati nella singole realtà nazionali».
Lei parla con l’ex Cavaliere?
«L’ho visto due o tre mesi fa a una cena. E sentito per Pasqua. Comunque non servono conciliaboli segreti, ma un percorso di unità dei moderati, sotto le insegne del Ppe, alla luce del sole. E poi scusi: non ha più senso l’incomunicabilità tra Berlusconi e Alfano. Ha visto cosa gli hanno fatto Salvini e Meloni? Molto meglio Angelino…».

0 commenti
postato il 22 aprile 2016 da redazione | in "Esteri"

Migranti: estendere a Libia modello Turchia

Conferenza stampa con il vice presidente del governo libico di unità nazionale, Ahmed Maitig ed il presidente della Commissione esteri della Camera, Fabrizio Cicchitto.
_H2A0467

L’ idea é quella di estendere la cooperazione che l’Europa ha realizzato in Turchia anche in Libia e nei Paesi limitrofi. La strada é questa. E’ inutile vagheggiare operazioni militari che hanno già dato pessimo esito in passato.
Il governo al Sarraj, insediato a Tripoli, lavora per riunire i libici. Non servono interventi militari stranieri, ma piano di sostegno Ue.

Clicca qui per il video

0 commenti
postato il 11 aprile 2016 da redazione | in "Esteri"

Regeni: Ora Mogherini faccia muovere l’Europa

unita
L’intervista di Umberto De Giovannangeli a Pier Ferdinando Casini pubblicata su L’Unità

«Fa bene l’Italia con il governo Renzi a  pretendere dall’Egitto verità e giustizia sul caso Regeni. Un Paese che sta cercando di esercitare una leadership nel Mediterraneo, non può dimenticare che nel corpo martoriato di Regeni c’è la dignità di una Nazione».
Ad affermarlo è Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri del Senato. Attraverso L’Unità, Casini rivolge un invito all’Alto rappresentante per al politica estera dell’Unione europea, Federica Mogherini: «Io mi auguro che come il ministro Gentiloni ha provveduto al richiamo del nostro Ambasciatore, così la responsabile della diplomazia europea studi, proponga e attui analoghe iniziative ritorsive. Non chiediamo questo alla Mogherini in quanto italiana, glielo chiediamo come europea».
Presidente Casini, è ormai crisi aperta tra Italia ed Egitto. Condivide la decisione del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni di richiamare per consultazioni il nostro ambasciatore al Cairo?
«Si tratta indubbiamente di una linea rischiosa ma d’altra parte non aveva- mo, non abbiamo alternative. Non è detto che in questo modo otterremo quanto giustamente intendiamo prefiggerci. Ma se seguissimo una linea diversa vorrebbe dire che rinunceremmo per cinismo politico a difendere la dignità del Paese. C’è di più. L’Italia è un grande Paese che col governo Renzi sta cercando di esercitare una funzione di leadership nel Mediterraneo. Ed anche per questo che l’Italia non può dimenticare che nel corpo martoriato di Giulio Regeni c’è la dignità di una Nazione. Mi lasci aggiungere che in questa ottica, il richiamo dell’ambasciatore Massari è il primo, dovuto passo. Al quale devono però farne seguito altri, se le autorità egiziane continueranno nell’opera di depistaggio e di mancata collaborazione. Misure che non siano solo simboliche. Ad esempio, si potrebbe inserire l’Egitto nella “black list” aggiornata dalla Farnesina dei Paesi ritenuti non sicuri, sconsigliandone i viaggi ai nostri turisti e ricercatori. Non sarebbe peraltro una forzatura, perché la vicenda di Gilio Regeni dimostra che oggi l’Egitto tutto è tranne un Paese sicuro».
Attorno a questa rivendicazione di verità e giustizia, attorno alla difesa della dignità nazionale, è possibile, a suo avviso, costruire una iniziativa comune che superi, a livello politico, le divisioni tra maggioranza e opposizione. È quanto dalle colonne de l’Unità si augura e propone Walter Veltroni.
«Non solo me lo auguro ma lo ritengo opportuno e fattibile. Io in Parlamento, a parte i toni come sempre scomposti dei Cinque Stelle che sono perennemente accecati dall’antirenzismo, ho registrato una ampia convergenza nazionale, e sono convinto peraltro che una linea diversa non poteva essere seguita. Si potrebbe discutere se il richiamo dell’Ambasciatore dovesse essere fatto una settimana prima o una dopo, ma stiamo davvero parlando del nulla, perché l’essenziale è che l’Italia abbia reagito dopo la conferma, molto triste, che le autorità egiziane non volevano collaborare. Noi siamo stati pazienti».
Qualcuno aggiungerebbe anche troppo…
«Non sono di questo avviso. Era giusto esserlo, pazienti, perché l’Egitto è un Paese amico e perché abbiamo sperato che anche nel regime maturasse la consapevolezza dei danni che questa triste vicenda provocherà all’Egitto, perché tutti abbiamo da perderci, ma loro più degli altri, e non solo per le misure ritorsive, ad esempio intervenendo sul turismo, ma per l’immagine che passa nella Comunità internazionale, che sta incominciando a maturare che questo regime, guidato dal presidente al-Sisi, è addirittura peggiore di quello di Mubarak. In due mesi, dall’Egitto abbiamo avuto solo ricostruzioni inverosimili, offensive, dichiarazioni pasticciate e nessuna risposta vera. E questo, lo ribadisco, è assolutamente inaccettabile».
Presidente Casini, in gioco c’è la verità sul caso Regeni o anche altro?
«L’Italia sta sollevando una questione di diritti umani e civili che riguarda tutti. Per questo l’Europa non può chiamarsi fuori. L’Europa è chiamata con i fatti e non con le chiacchiere, a sollevare il problema con le autorità egiziane. Io mi auguro che come il ministro Gentiloni ha provveduto a richiamare il nostro Ambasciatore per consultazioni, così la responsabile della politica estera dell’Unione europea, Federica Mogherini, studi, proponga e attui analoghe misure ritorsive. Sia ben chiaro: noi chiediamo questo alla Mogherini non in quanto italiana, in quanto europea. Perché l’Europa nel Mediterraneo rappresenta una comunità di valori e di ideali che non sono in vendita».

0 commenti
postato il 10 aprile 2016 da redazione | in "Esteri"

Regeni: Se Egitto non collabora fermiamo i turisti

L’Europa vari misure serie assieme a noi
casini
L’intervista di Marco Ventura a Pier Ferdinando Casini, pubblicata su Il Messaggero.

E se il richiamo dell’ambasciatore non bastasse a convincere l’Egitto a collaborare?
«Esaurito l’elenco delle misure simboliche, bisognerà adottarne di nuove – avverte Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri del Senato -. Per esempio, si potrebbe inserire l’Egitto nella ‘lista nera’ dei paesi pericolosi compilata dalla Farnesina, sconsigliarlo come meta per i nostri turisti e ricercatori. La vicenda di Giulio dimostra proprio questo: che nessuno può sentirsi più al sicuro in Egitto».

Richiamare l’ambasciatore è stato giusto?
«Renzi ha difeso il decoro della nazione. Come ho detto subito al Tg arabo di Al Jazeera, noi italiani siamo tristi di questa decisione perché siamo, ci sentiamo, amici dell’Egitto, lo consideriamo un partner essenziale. Però siamo anche delusi: per due mesi siamo stati deliberatamente presi in giro con l’invenzione di verità di comodo presto rivelatesi improbabili, con un depistaggio perfino nei confronti dei nostri magistrati. Gli egiziani hanno sbagliato a considerare la visita a Roma poco più che una scampagnata».

Adesso tocca fare di più?

«Il richiamo dell’ambasciatore è un atto simbolico ben meditato e la scelta dei tempi probabilmente giusta, anche se io l’avrei fatto prima. Ma è una scelta che impone conseguenze: o gli egiziani capiscono che facciamo sul serio, oppure siamo obbligati a procedere con nuove misure».

L’indicazione dell’Egitto meta pericolosa va fatta subito?
«Sì, se nell’arco dei prossimi giorni non ci saranno risposte positive dal Cairo. Il regime egiziano e Al Sisi rischiano di sottovalutare la situazione, di non capire che da quello che forse considerano un granellino può venire giù una valanga. Il caso Regeni è solo la goccia che fa traboccare il vaso rispetto ad altri comportamenti egiziani poco convincenti: nello scenario libico il generale Haftar e il Parlamento di Tobruk, condizionati dal Cairo, continuano a opporsi al governo voluto dall’Onu e insediato a Tripoli. C’è chi continua a sostenere l’idea di tripartizione della Libia con la Cirenaica appannaggio dell’Egitto. Non è più solo un problema, noto, di diritti civili, ma anche di politica e scelte strategiche dell’Egitto».

 Stavolta riusciremo ad avere dalla nostra l’Europa?
«Chiediamo che la Ue su questa vicenda sia corresponsabile con l’Italia. L’Europarlamento l’ha già fatto con una mozione. Federica Mogherini ha un’occasione irripetibile per dare un contributo da commissario europeo. Le parole sono tante, ora bisogna passare ai fatti».

Anche noi abbiamo parecchio da perdere nel braccio di ferro…?
«Certo. Nello scontro tra due paesi amici a perdere sono entrambi, anche se l’Egitto ha da perdere più di noi. La contabilità di ciò che si può perdere non può però farci arretrare davanti ai valori indisponibili. Pur nel naturale cinismo della politica estera, che notoriamente non è un ballo per dilettanti, gli europei devono saper riconoscere i confini da non superare. Regeni è l’Italia, e la verità su Giulio è un valore insuperabile».

Renzi dice che non finirà come con i marò…
«Il rischio purtroppo c’è, perché le decisioni non dipendono solo da noi. Il governo sta mettendo tutta la determinazione, ma il pericolo che ci si vada a impantanare come con l’India esiste. E proprio considerando la relazione esemplare che c’era tra Italia ed Egitto, ulteriori reticenze da parte egiziana fotograferebbero un regime che non può permettersi alcun atto di verità. Da amici di Al Sisi diciamo: attento, i tuoi tanti nemici traggono alimento da questa vicenda per delegittimarti».

Si arriverà a sanzioni economiche?
«Scoraggiare i turisti dall’andare in Egitto sarebbe una misura concreta: gran parte del flusso di turisti è italiano e già è diminuito per il terrorismo. Sarebbe concreto pure il blocco di nuovi accordi commerciali e economici, e sarebbe un concreto dato negativo per l’Egitto operare nel Mediterraneo in una condizione di freddezza con un paese come l’Italia. Tanto più se l’Unione Europea sarà compartecipe delle nostre decisioni».

0 commenti
postato il 4 aprile 2016 da redazione | in "Politica"

Il governo merita, ma Renzi non sia altezzoso

8181931983_b50588157a_oL’intervista di Alessandro Trocino a Pier Ferdinando Casini pubblicata su Il Corriere della Sera

ROMA «Renzi ha fatto bene finora. Ma abbandoni certi toni da uomo della Provvidenza e certi slanci troppo autoreferenziali». Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Affari esteri del Senato, fa il punto della situazione, dopo l’affaire Guidi. Non è un momento facile.

«Dopo due anni di governo, è fisiologico che si sia attenuato un certo entusiasmo e che si cominci a fare le pulci a tutto. Ma il governo merita di andare avanti».
In che direzione?
«Senza nervosismo e senza inutili esibizionismi. Renzi ha tanti nemici, ma non deve aggiungere il più pericoloso: lui stesso, quando assume atteggiamenti altezzosi. Dico a Renzi di stare sereno».
Lo «stai sereno» non portò bene a Letta.
«Ma è copyright di Renzi, quindi non si offenderà. Il solipsismo non ha mai portato bene. L’uomo solo al comando non fa bene a nessuno: in politica c’è bisogno di tutti. Dia dignità a chi in questi anni lo ha aiutato avendo come unico scopo il bene dell’Italia».
Chi nominare dopo la Guidi?
«Quando la Merkel vinse, nominò Schauble ministro dell’Economia, nonostante i pessimi rapporti. Capì che è meglio avere un alleato scomodo nel governo, piuttosto che un uomo di paglia in un dicastero fondamentale».
Renzi è spesso accusato di favorire il suo «giglio magico».
«Mi auguro che vada oltre l’Arno. Capisco che si senta rassicurato da chi conosce meglio. Ma per guidare un Paese bisogna saper guardare lontano».
Se fosse un centrista non le dispiacerebbe, ovviamente.
«Mi farebbe piacere solo che fosse una persona intelligente. La contabilità non mi interessa».
Tecnico o politico?
«E una distinzione da età della pietra. La vera distinzione è tra chi è autorevole e chi balbetta».
Ha fatto bene la Guidi a dimettersi?
«Sulla sua onestà non ho dubbi. Ma non poteva fare diversamente. Mi ha fatto sorridere amaramente leggere i tweet antipolitici del suo compagno».
Qualcuno dice che i poteri forti si muovono contro Renzi.
«I poteri forti in Italia non esistono da tempo. Il modo con cui Renzi è arrivato al potere è la dimostrazione che, se c’erano, sono liquefatti. Basti pensare alla demolizione del governo Monti».
E i magistrati?
«Mi piacerebbe che diventassimo un Paese normale, dove le azioni della magistratura non fanno necessariamente parte di un complotto e non sono una verità rivelata. Se poi negassimo che ci sia in Italia, a fronte di una stragrande maggioranza di magistrati perbene, una minoranza politicizzata, vinceremmo il Nobel dell’ipocrisia».
C’è un problema di moralità nel governo?
«Chi è senza peccato scagli la prima pietra. Si chiede a Cantone di dare certificati di buona condotta: penso a quanti filibustieri si preoccuperanno di avere un timbro vidimato da lui. La moralità deve far parte del codice genetico della nazione e non prevede l’appalto a salvatori della patria».

0 commenti
postato il 29 marzo 2016 da redazione | in "Esteri"

Tunisia: l’incontro con il Presidente Essebsi

Nella missione parlamentare anche le visite al Primo Ministro, Habib Essid; al Presidente dell’Assemblea dei Rappresentanti del Popolo, Mohamed Ennaceur e al Ministro degli Esteri, Khemaies Jhinaoui.
Missione in Tunisia

Questa mattina a Tunisi, con una delegazione parlamentare, abbiamo incontrato il Presidente della Repubblica, Beji Caid Essebsi. E proprio oggi il Parlamento tunisino ha votato una legge contro la tortura: un fatto indicativo dello sforzo che i paesi arabi moderati stanno facendo per superare certe pratiche che sono inaccettabili.

Commenti disabilitati su Tunisia: l’incontro con il Presidente Essebsi
postato il 29 marzo 2016 da redazione | in "Esteri"

Cristiani costretti alle catacombe

L’Europa non ammaini la bandiera dei nostri valori

Pier Ferdinando CasiniL’intervista di Roberta D’Angelo a Pier Ferdinando Casini pubblicata su Avvenire

Era a Tunisi per la messa di Pasqua del vescovo Antoniazzi il presidente della Commissione esteri del Senato Pier Ferdinando Casini quando c’è stata la strage in Pakistan.
«Sono in un Paese dove c’è una certa tolleranza religiosa. Ma se penso ai cristiani della Nigeria o a quelli dell’Africa subsahariana, o a quelli del medioriente, e al Pakistan, penso che oggi siamo in una fase della storia in cui essere cristiani in gran parte del mondo significa tornare alla logica delle catacombe dell’antica Roma, significa nascondersi. E questo deve far prendere atto alla società occidentale che deve reagire. Penso che tutti dobbiamo fare un po’ un esame di coscienza, perché ce lo dimentichiamo troppe volte».
Che intende per reagire?
Siamo una società secolarizzata e utilitaristica, dove alla fine quello che capita al vicino e le notizie delle persecuzioni cristiane che suscitano tanta pietà e indignazione ce le dimentichiamo in 48 ore. Si brucia l’indignazione nello spazio di un mattino.
Questo è stato un problema diffuso quando i drammi erano solo lontani da noi. Ma ora che ci si avvicinano?
Serve una strategia vera. Ma non là. Bisogna iniziarla a casa nostra. Davanti a decine di milioni di musulmani che vengono in Europa, ammainare i nostri simboli come condizione per una convivenza pacifica è un errore micidiale, storico. Diventiamo noi propagatori di un secolarismo generalizzato. Ma questa è esattamente la direzione opposta che bisogna prendere. Noi dobbiamo accettare la professione di fede degli altri, ma senza dimenticare le nostre radici. Non dobbiamo mimetizzarci qui, perché così diamo una enorme legittimazione alla persecuzione dei cristiani lì.
L’Europa la sua scelta laicista l’ha fatta da anni. [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Cristiani costretti alle catacombe
postato il 26 marzo 2016 da redazione | in "Esteri"

Caso Regeni: schiaffo alla collaborazione. “Vogliamo verità, non false piste”

Pier Ferdinando Casini
L’intervista di Giovanni Rossi a Pier Ferdinando Casini pubblicata sul Resto del Carlino

Pier Ferdinando Casini, ex presidente della Camera, oggi guida la Commissione Affari esteri del Senato ed è docente di Geopolitica mediterranea alla Lumsa di Roma. Le ultime soffiate dal Cairo sulla morte di Giulio Regeni, il 28enne ricercatore italiano dell’università di Cambridge trovato morto il 3 febbraio scorso in Egitto, lo lasciano basito: «Al Senato ho ereditato la stanza di Giulio Andreotti: ‘a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca’ diceva lui. E io concordo».

Siamo alla versione numero 5. Incidente stradale, tossicodipendenza, rapporti con servizi segreti, apparati deviati decisi a danneggiare al-Sisi. Ora un commando di rapinatori specializzati in stranieri.

Non è un’offesa all’intelligenza?

«Capisco le difficoltà degli egiziani, ma servire ai media una pista così improbabile, con i rapinatori – guarda caso – tutti morti e con i documenti di Giulio Regeni che – guarda caso – ricompaiono intatti a casa della sorella di uno dei presunti assassini, è uno schiaffo all’asserita volontà di cooperazione». [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Caso Regeni: schiaffo alla collaborazione. “Vogliamo verità, non false piste”
postato il 25 marzo 2016 da redazione | in "Esteri"

A chi tocca dopo Bruxelles?

Ospite di Otto e Mezzo, insieme a Marco Travaglio, nello spazio di approfondimento di Lilli Gruber, in onda su La7
ok

Commenti disabilitati su A chi tocca dopo Bruxelles?
postato il 24 marzo 2016 da redazione | in "Esteri"

Contro terrorismo serve strategia Ue, no intervento in Libia

L’intervista di Sonia D’Ottavio ai microfoni del Tg2

Commenti disabilitati su Contro terrorismo serve strategia Ue, no intervento in Libia
postato il 23 marzo 2016 da redazione | in "Esteri"

«Ormai è chiaro che siamo in guerra, serve fermezza»

«Necessari un controllo delle frontiere europee e scambi di informazioni»
11370467404_f60a564cea_o

L’intervista di Filippo Passantino a Pier Ferdinando Casini pubblicata sul Giornale di Sicilia

Considera gli attacchi terroristici a Bruxelles «il fallimento del lavoro dell’intelligence», reputa necessario«un controllo esterno delle frontiere europee molto chiaro». Il presidente della Commissione Esteri del Senato, Pier Ferdinando Casini, spiega quali cortocircuiti dell’Unione europea hanno favorito i terroristi e indica le soluzioni, già suggerite in Parlamento al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, per prevenire episodi come quelli che ieri hanno macchiato di sangue il cuore politico dell’Europa: «L’Italia deve creare un asse con i grandi Paesi fondatori dell’Unione europea, come la Germania e la Francia – spiega -. Si tratta di una forma di collaborazione che consenta di mettere in comune l’intelligence, di difendere assieme le frontiere e di avere una polizia capace di coordinarsi realmente, cioè scambiandosi le informazioni».

Tornando ai fatti di Bruxelles, secondo lei, qual è la ragione di questi attacchi?
«Non credo alla coincidenza con l’arresto di Salah, perché nessuno in due giorni è capace di organizzare attentati di questo tipo. In realtà, penso che già fossero pianificati a prescindere dall’arresto. Le autorità belghe lo avevano capito. Infatti, c’era stato un monitoraggio più intenso nei giorni scorsi, ma non sono riuscite a impedirli, perché probabilmente la rete di terroristi è molto estesa tra Belgio e Francia, nell’asse Bruxelles-Parigi». [Continua a leggere]

1 commento


Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi post

    Ultimi commenti

    • tarquiny: tutti i grandi paesi che hanno fatto l’Europa la migliore e...
    • tarquiny: Altrimento detto lei vuole che il suo paese guida l’america e...
    • Sandra Granzotto: Sono un cittadino, moderato da sempre e che non ama gli...
    • tarquiny: la sua intervista richiede qualque riflessione, il ruolo di...
    • tarquiny: Benissimo, per rapresentare il vostro paese cosi come lei dice puo...
    • tarquiny: questa riforma puo essere intitolata: definire per 100 Senatori...
    • tarquiny M: mi permetto un commento dovuto a anni di supremazia...
    • cittadino: Allora se non vuoi essere corresponsabile della vittoria alle...
    • corrado casalino: Condivido quanto detto su Putin.
    • corrado casalino: Mi metto al sicuro. Perferdinando il mio Presidente della...

    Link utili

      udc tour