postato il 9 Febbraio 2010 | in "Economia, In evidenza, Spunti di riflessione, Trasporti"

Alitalia, la voce dei risparmiatori

Clouds over the Alps, di SainzUn post da noi pubblicato di recente, dal titolo “Alitalia: uno scandalo, una truffa o semplice pressapochismo italiano” ha scatenato un vivace botta e risposta tra i commentatori.

Nell’articolo Gaspare Compagno sottolinea: “Sia il premier che il ministro dell’Economia dichiararono ai telegiornali per tutta l’estate del 2008 che i risparmiatori sarebbero stati tutelati. E invece no, perché il rimborso delle obbligazioni avviene con titoli che verranno rimborsati nel 2012 senza interessi”.

Cancellato emendamento dell’Udc. Avevamo evidenziato la nostra attenzione su questo tema. Doveroso, quindi, un aggiornamento su quanto accaduto oggi, 11 gennaio: la maggioranza ha cancellato l’emendamento dell’Udc al milleproroghe, che prevedeva la proroga del termine per richiedere i rimborsi e il risarcimento integrale e non più parziale per i risparmiatori che hanno perso le loro azioni Alitalia. “Come al solito – ha dichiarato il presidente dei senatori Udc Gianpiero D’Alia – l’esecutivo si preoccupa di tutelare i grandi gruppi economici a discapito delle fasce deboli, sembra un Robin Hood al contrario: ruba ai poveri per dare ai ricchi”.

Il dibattito. Ecco alcuni commenti all’articolo precedente.

Paolo da Modena racconta: “sono tre anni che mandiamo mail al parlamento italiano. Con le azioni Alitalia ho perso il 93% dei miei risparmi”.

Mario (Kafka) scrive: “a convincermi ad acquistare le obbligazioni Alitalia non furono solo le parole di Berlusconi ma anche i bilanci di Alitalia che, seppure in perdita da anni, avevano tuttavia un patrimonio netto positivo. Purtroppo gran parte di quel patrimonio è stato semi-regalato (flotta) o regalato (marchio, slot), o il cui valore reale è stato sacrificato per tenere l’azienda in piedi (ma in perdita per altri mesi) per presentarla alla vendita come e quando l’acquirente (CAI) la voleva. E’ vero che è stata salvata una parta dell’azienda, però ciò a discapito dei risparmiatori obbligazionari”.

E ancora, Mirko: “ne abbiamo sentite di ogni tipo:
– “I risparmiatori Alitalia non ci rimetteranno nemmeno un centesimo” ci venne detto.
– Per un anno ci siamo fatti abbindolare dalla chimera della 166 che recitava di un possibile concambio alternativo ad un indennizzo tramite i conti dormienti per obbligazionisti ed azionisti.(dimostratosi inconsistente)
– La Class Action che dopo tanti rinvii è stata recepita priva di efficacia retroattiva.
– Poi gli obbligazionisti sono stati estrapolati da questa tutela per ricevere un indennizzo tramite cedole del tesoro in misura comunque inferiore al 100%.
– Poi una ulteriore mossa a sorpresa, con il decreto anticrisi, noi azionisti abbiamo visto cancellata la tutela prevista dalla legge 166, affibbiata una rocambolesca interpretazione della norma dell’art.2497 codice civile (stranamente a 6 anni dalla sua formulazione diventa meritevole di interpretazione restrittiva a favore dello Stato) in cambio di un minirimborso che nella migliore delle ipotesi corrisponde a 1/3 del capitale investito e da ricevere nel 2012. Questa è stata una soluzione capestro che ha fatto subire un ulteriore danno anche morale. Un ricatto inaccettabile.Uno stato che dopo le tante rassicurazioni e promesse, quando deve assolvere ai propri impegni, continua a cambiare le carte in tavola non è meritevole di fiducia da parte dei cittadini”.

Il tema in rete:

Alitalia: delusione dei risparmiatori

I risparmiatori hanno diritto a un risarcimento

Piccoli azionisti e obbligazionisti truffati

1.519 Commenti

Commenti

  1. … pezzati, casini oggi ha detto: «basta demagogia e false promesse, si apre fase di responsabilità» …

    … bene … come primo passo, chiedete scusa a tutti i risparmiatori alitalia che avete preso cinicamente in giro con interrogazioni, odg, emendamenti e proposta di legge 4478 compagnon e chiudete questa squallida pagina aperta il 9 febbraio 2010 … e che il 2013 cancelli per sempre dalla storia d’italia voi e tutti quelli come voi … gettare la pietra e nascondersi dietro un cespuglio è il gioco più vile che sia mai stato inventato in politica …


  2. @ Salvatore: ti ho già detto che nn sei tu a decidere. Se nn ti piace , nessuno ti obbliga a commentare. Ti rammento solo che ti avevo predetto tutto ciò anni fa.
    Inutile che fai la voce grossa. Nn mi impressionavi prima sul fol e nn mi impressioni ora. nn decidi tu.
    Buon anno.


  3. … pezzati, non ho che farmene del tuo ipocrita buon anno … commenterò in questa pagina la farisaica campagna pro risparmiatori alitalia dell’udc fino a quando non la vedrò definitivamente sparire dal vostro vocabolario come sarebbe normale che avvenisse in un mondo di persone oneste e sincere …


  4. Salvatore, è inutile, rinunci e percorra altre strade.
    Questa pagina, come le ho fatto notare poco sopra, non ha più controllo nè moderazione.
    Vi prendono parte lei, io che la prendevo in giro, Pezzati.
    In linea di principio ha ragione a chiedere conto degli impegni presi; nei fatti diventa ridicolo e inutilmente umiliante per lei continuare a rivolgere domande che non hanno risposta, perchè probabilmente non c’è nessuno che le riceve.
    Non a caso ho scritto che “la prendevo in giro” perche non lo sto facendo ora nè lo farò in futuro su questa pagina.
    Credo proprio che non interverrò più in futuro.
    Lei è un bersaglio troppo facile, ha speculato sulla parola di un politico e ora pretende una presunta giustizia da altri politici, si è costruito un mondo tutto suo, dove solo i suoi meschini interessi trovano posto. E’ giusto che in questa pagina non trovi luogo il dolore di tutto il mondo ma solo il suo personalissimo privatissimo dolore e che sia lei a suonarsela e cantarsela.
    Buon anno a tutti i lettori (cioè a lei e a Pezzati) e addio a tutti (cioè a lei e a Pezzati)
    http://www.youtube.com/watch?v=Ri6wgcPM8Gk


  5. … pestalozzi, credo che per prendere in giro ci voglia oltre al soggetto attivo che cerca di prendere in giro anche un altro importante soggetto … quello passivo che si lascia prendere in giro non sapendo di essere oggetto di un tentativo di presa in giro … nel suo caso, il soggetto passivo non c’è mai stato in quanto, pur tacendo, sapeva benissimo che lei cercava inutilmente di prenderlo in giro … il soggetto in questione ha più volte detto apertamente di non volere interloquire sul perché e sul come ci sarà il completamento del parziale rimborso perché è più che mai convinto che questa macroscopica ingiustizia, se non lo farà prima la politica o il mef, sarà comunque prima o poi sanata dalla magistratura … detto questo e accertato che l’unico a prendersi meschinamente in giro è stato proprio lei, comunico che, ispirandomi a tenente dunbar di “balla coi lupi” ed al tenente drogo del “deserto dei tartari”, non lascerò questa pagina del blog di casini fino a che non sarà chiusa definitivamente d’ufficio …


  6. @ barti: buon anno anche a te.

    @ salvatore: bravo, resisti come l’ultimo giapponese che, non sapendo che la guerra era finita, ancora stava di guardia nella sperduta isoletta del pacifico.
    Mi sa che starai su questa pagina per un tempo infinito. Parli come se potessi decidere qualcosa: illuso.
    E sulla magistratura: non ci farei troppo conto per il rimborso che lei chiede. Se anche i 7 manager verranno dichiarati colpevoli (se e quando lo saranno), saranno loro i colpevoli e non altri. Il risultato sarà che loro dovrebbero pagare per tutti…. voglio proprio vedere da dove tirerebbero fuori i soldi…

    detto ciò, mi associo al buon barti, e credo mi asterrò dal rispondere ulteriormente a domande senza alcun costrutto poste da lei, sig. Salvatore. Prenderla in giro già mi aveva stufato ai tempi del FOL, in fondo non si dovrebbe prendere in giro chi è meno dotato e crede alle favole.


  7. … discorsi troppo superficiali, offensivi, senza senso e gratuiti … come questo ricorrente epiteto del minus habens o del meno dotato che si ritorce su chi lo usa impropriamente e maldestramente … ripeto … finchè la pagina esisterà, qualcuno leggerà le mie argomentazioni basate sui fatti e non sui tuoi dubbi, pezzati … la campagna elettorale è appena aperta e vedrete che la questione dei risparmiatori alitalia sarà nuovamente cavalcata …


  8. Roma, 6 gennaio 2013 (Adnkronos) – “No a posizioni astratte o dogmatiche”, anche su Alitalia. Lo dice Mario Monti, a SkyTg24, evidenziando che quello della ex compagnia di bandiera “e’ uno dei pochi problemi che non e’ emerso” durante il suo governo.

    °°°
    … e come poteva emergere se l’udc aveva deciso di seppellirlo ..? …


  9. Roma, 6 gennaio 2013 (Adnkronos) – “No a posizioni astratte o dogmatiche”, anche su Alitalia. Lo dice Mario Monti, a SkyTg24, evidenziando che quello della ex compagnia di bandiera “e’ uno dei pochi problemi che non e’ emerso” durante il suo governo.

    °°°
    … come sarebbe non è emerso il problema alitalia … a parte l’odg 9/04829-A/080 compagnon accolto il 16.12.2011 dal ministro giarda, proprio prima della chiusura della legislatura è stato posto prepotentemente il quesito sulla consistenza del fondo dei conti dormienti destinato principalmente alla tutela dei risparmiatori alitalia ed alla copertura della pdl 4478 compagnon …


  10. Roma, 6 gennaio 2013 (Adnkronos) – “No a posizioni astratte o dogmatiche”, anche su Alitalia. Lo dice Mario Monti, a SkyTg24, evidenziando che quello della ex compagnia di bandiera “e’ uno dei pochi problemi che non e’ emerso” durante il suo governo.

    °°°
    … come sarebbe non è emerso il problema alitalia …? … a parte l’odg 9/04829-A/080 compagnon accolto il 16.12.2011 dal ministro giarda, proprio prima della chiusura della legislatura è stato posto prepotentemente il quesito sulla consistenza del fondo dei conti dormienti destinato principalmente alla tutela dei risparmiatori alitalia ed alla copertura della pdl 4478 compagnon … senza contare l’apertura in pompa magna il 23.05.2012 presso il gup di roma del procedimento penale contro 7 manager_mef accusati di bancarotta fraudolenta per dissipazione della nostra compagnia di bandiera …


  11. i piccoli risparmiatori alitalia non rimetteranno neppure 1 euro
    grazie tremonti grazie silvio


  12. lo spillo La famiglia Pierfurby fa decollare il caso Alitalia
    Redazione – Mar, 08/01/2013

    Con il ritorno delle elezioni si torna anche a parlare di Alitalia. Molte cassandre vedono la compagnia sull’orlo del fallimento: non è vero, perché Alitalia sta oggi molto meglio di 5 anni fa. Certo, è ancora in rosso. Ma le altre linee aeree europee sono in condizioni analoghe. Alitalia almeno non pesa più sulle tasche dei contribuenti. Però fa comodo presentarla come un fallimento del governo Berlusconi e annunciare l’arrivo di Air France per la conquista dell’ennesima preda italiana. A guidare le danze è il Messaggero. Quotidiano romano e dunque molto vicino alle cose Alitalia. Ma anche quotidiano di Francesco Gaetano Caltagirone, suocero di Casini. E dunque molto vicino anche alla lista Monti.

    http://www.ilgiornale.it/news/interni/spillo-famiglia-pierfurby-fa-decollare-caso-alitalia-872347.html

    ___

    … ma il caso alitalia “e’ uno dei pochi problemi che non e’ emerso” durante il governo monti …


  13. … Parigi aveva messo sul piatto 3 miliardi di euro compresi i debiti per il 100% di Alitalia. A casa AirFrance avrebbe lasciato 2.120 persone. Con Berlusconi a Palazzo Chigi e Passera alla guida dei patrioti, il piano Fenice divise la compagnia in due: bad company con 3,2 miliardi di debiti da una parte e nuova Alitalia ripulita anche dagli esuberi (con una legge speciale furono concessi a piloti e hostess scivoli lunghi sette anni) dall’altra. In mezzo anche 40 mila risparmiatori che avevano sottoscritto i cosiddetti Mengozzi-bond, dal nome dell’ex a.d. di Alitalia che li aveva emessi, che si videro rimborsata una frazione del capitale investito. Il nuovo a.d. di Intesa, Enrico Cucchiani, sull’idea che l’istituto debba essere una banca di sistema ha idee probabilmente diverse da quelle di Passera. Dunque anche Ca de Sass sarebbe da annoverare tra i venditori. Così come Roberto Colaninno, tramite la sua Immsi che da giorni vola in Borsa sull’ipotesi della cessione …

    http://www.huffingtonpost.it/2013/01/08/alitalia-i-patrioti-pronti-ad-arrendersi-allo-straniero_n_2432875.html?utm_hp_ref=italy

    °°°
    … una cosa, però, è certa … il 21.01.2013 c’è l’ultima udienza presso il gup di roma per il procedimento penale apertosi il 23.05.2012 contro 7 manager_mef accusati di aver provocato il crac della vecchia alitalia mediante delittuosa dissipazione dei beni pubblici … se il mef non interviene per tempo, c’è il concreto rischio di un rinvio a giudizio … se si apre un processo pubblico contro la gestione mef della ex compagnia di bandiera, gli argini della legge che hanno costretto oltre centomila risparmiatori alitalia a cedere allo stato i loro titoli a prezzi stracciati potrebbero non reggere alla pressante pressione dei conseguenti legittimi mugugni … tutto questo riguarda la nuova alitalia visto che l’eventuale adc potrebbe essere foraggiato anche dalla vecchia alitalia …


  14. … notizia ferale per il buon ippari: compagnon non è ricandidato … [thanos – 14.01.2013] …

    http://www.finanzaonline.com/forum/obbligazioni-titoli-di-stato/1389791-risparmiatori-alitalia-traditi-dai-politici-68.html

    °°°

    ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI ANNO 2013
    CANDIDATI DELLA LISTA

    FRIULI VENEZIA GIULIAn°
    Nome
    cognome
    luogo e data di nascita
    2
    ANGELO
    COMPAGNON
    POVOLETTO (UD)
    05.11.1949


  15. @ salvatore: colpa mia, riconosco il mio errore, in quanto mi ero fidato delle dichiarazioni rilasciate dal compagnon (e ribadite il 10 febbraio) in cui affermava che non si candidava.
    Ecco un link che riporta all’UDC del friuli venezia giulia, con la dichiarazione di COmpagnon: http://www.udc-fvg.it/Pdf07/120210_Congresso.pdf

    dai, che ora sei contento, visto che dopo 4 anni, ho sbagliato per una volta anche io. 😀
    (certo il mio errore non è costato 80.000 euro, ma questo èun altro discorso).


  16. … a me non interessa proprio nulla che tu faccia errori di valutazione, caro mario thanos pezzati … da essi, anche se fossero centinaia, non potrò certo recuperare i miei risparmi statali investiti tra il 2006 ed il 2008 nel riassetto della compagnia aerea statale che purtroppo non è andato in porto per il semplice motivo che, come dice lo stesso ufficio commisariale dell’a.s. nella propria nota del 21.12.2012 pubblicata sul sito della procedura, si è costituito parte civile nell’interesse dei creditori, azionisti aderenti compresi, in quanto alcuni ex amministatori tra il 2001 ed il 2007 avrebbero dissipato beni della vecchia alitalia per oltre 4 miliardi di euro senza che il mef muovesse un dito, motivo per cui è stato aperto il procedimento penale n. 1809/09 gup roma la cui ultima udienza è prevista per il 21.01.2013 allorchè dovrà essere adottata la decisone per il rinvio a giudizio o per l’archiviazione del caso … a me interessa, invece, che compagnon riproponga la 4478 che questa volta avrà tutto il tempo per essere approvata dall’abc … perchè di nuovo l’abc ci sarà a prescindere da chi sarà scelto per fare il premier …


  17. @ salvatore: adesso non è che puoi chiedere miracoli :D:D:D:D

    anche a me piacerebbe sposarmi ocn megan fox, ma non accadrà.


  18. … nessun miracolo, mario thanos pezzati … io sono un pensionato felicemente sposato con tre figli maggiorenni “bamboccioni” e la seconda casa “bambocciona” a carico … devo suicidarmi per questo e per avere depositato momentaneamente nelle casse della nostra gloriosa compagnia statale di bandiera, poi chiusa d’ufficio in a.s. perchè portata al dissesto da manager rivelatisi inaffidabili anche perchè lasciati operare senza vigilanza alcuna dal 2001 al 2007, i risparmi derivanti dalla buonuscita di 40 anni di contributi inpdap, o posso continuare a vivere sperando nella 4478 compagnon …? … credo che l’abc provvederà in tal senso anche in turni di premierato prestabiliti tipo consoli romani … del resto, grillo ieri sera a “servizio pubblico” di santoro ha detto che siamo in guerra … è la verità … siamo davvero in guerra … occorre richiamare in causa il Senatus Populusque Romanus (SPQR) …


  19. Crac Alitalia, Stato chiede danni agli ex manager: “Restituire 3mld €”

    ROMA – Lo Stato è pronto a chiedere i danni ai 17 ex manager di Alitalia che causarono un danno erariale per 3 miliardi di euro. Il Corriere della Sera scrive che l’indagine della Corte dei conti sull’amministrazione della compagnia aerea tra il 2001 ed il 2007 è conclusa e il danno stabilito. Un conto decisamente non da poco, quei 3 miliardi, che ora lo Stato vuole riavere indietro.

    Antonella Baccaro scrive sul Corriere della Sera:

    ”Seguendo la procedura, ai 17 amministratori individuati dall’indagine è arrivato un «invito a dedurre», che è un atto che deve necessariamente precedere, a pena di nullità, la citazione in giudizio del presunto responsabile. Nell’atto il procuratore ha esposto gli elementi di fatto e di diritto sulla cui base ha fondato la contestazione di responsabilità e l’ammontare del danno, invitando i destinatari a far pervenire proprie deduzioni e osservazioni difensive, nonché prove a proprio discarico, entro 60 giorni. Se le controdeduzioni non saranno ritenute valide, il procuratore procederà all’atto di citazione vero e proprio”.

    Insomma se i 17 “invitati” non riusciranno, entro 60 giorni, a mostrare la propria estraneità a quanto contestato si vedranno citati in giudizio e saranno a rischio processo. Tra gli “invitati”, scrive il Corriere, ci sarebbero anche Francesco Mengozzi, in Alitalia dal 2001 al 2004, e Giancarlo Cimoli, per il periodo tra il 2004 e il 2007, ed altri consiglieri di nomina pubblica.

    Il Corriere della Sera ricorda inoltre che per Cimoli e Mengozzi la Procura di Roma chiese il rinvio a giudizio per la bancarotta di Alitalia nel 2008 già lo scorso 7 novembre. Poi il Corriere della Sera parla delle altre condanne:

    “Risalendo nel tempo, nel febbraio 2011, la Corte dei Conti aveva già condannato Cimoli a restituire all’Erario 150 mila euro, vale a dire parte dei 750 mila euro di premio che il cda di Alitalia gli assegnò tra il 2004 e il 2006. Per la magistratura contabile tale «emolumento variabile» fu assegnato al manager «nonostante il mancato raggiungimento e la mancata definizione degli obiettivi cui la spettanza di dette somme era subordinata»”. Pubblicato il 19 gennaio 2013 14.37

    http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/crac-alitalia-stato-chiede-danni-agli-x-manager-restituire-3-miliardi-di-euro-1452625




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Omar Cao: Caro Presidente è ora che prenda Lei l’iniziativa. io sono...
  • Maurizio paladini: Io ci sono. Un partito di centro che guarda a sinistra....
  • Pippo Bufardeci: Caro Pierferdinando è l’impostazione che ha...
  • Giorgio Sorbara: Lucido, come sempre. Speriamo dia una mano.
  • Massimo Biondi: Forza senatore! Noi siamo ancora in tempo per salvarci e lei...
  • CAMILLA PAOLO: Alle Europee cosa VOTIAMO?
  • Enzo M.: Bravo Presidente, A difesa della democrazia e del voto...
  • Giorgio: Potrebbe il senatore Casini ricordarci quando il Parlamento avrebbe...
  • Adolfo Scarano: Avendo numerosi cugini i Caracas ed essendo nato li, vedendo...
  • Gianni: sempre lucida e attuale l’analisi ma si aspetta sempre da lei...
udc tour