postato il 29 Dicembre 2011 | in "Economia, Politica"

Con Monti siamo in buone mani

La conferenza stampa di fine anno del Presidente del Consiglio mi conforta ulteriormente: siamo in buone mani, nelle migliori possibili per guidare il Paese nella drammatica crisi europea. Abbiamo percorso solo un tratto di strada e mi auguro che il senso di responsabilità dei principali leader politici consolidi lo sforzo comune che abbiamo iniziato.

Pier Ferdinando

4 Commenti

Commenti

  1. Buongiorno On. Casini, chi le scrive è uno di quegli italiani che, considerati gli sfaceli della politica, aveva individuato in lei una speranza, un punto di riferimento nuovo che conducesse alla tutela ed al miglioramento delle classi più deboli. Leggo e apprendo dagli organi di informazione il suo continuo costante e perseverante compiacimento per l’opera proposta dal governo Monti. Sono in sintonia con lei quando asserisce che l’Italia andava salvata e di tanto sono fermamente convinto. Poi sostiene che “siamo in buone mani” con il Presidente Monti e altro del genere. Mi domando però come mai una persona attenta come lei e sempre vigile ai problemi del sociale non abbia sprecato una parola, una soltanto, a favore dei pensionati e di tutti coloro (migliaia e migliaia di lavoratori e dunque di famiglie) per effetti degli “esodi incentivati” tra qualche mese si troveranno senza stipendio e senza pensione e io sono uno di quelli che dovrei vivere per altri 5 o 6 anni senza alcuna retribuzione. Da parte sua non ho ascoltato, ripeto, neanche una parola, non ho letto un solo rigo che potesse indurre la Fornero a non esibire le lacrimucce ma a mettere in atto un minimo di umanità nei confronti di tanti onesti cittadini che, a differenza dei molti privileguiati e salvati dalla manovra Monti, hanno sempre pagato – e tutte – le tasse che lo stato richiedeva. Mi auguro che questa mia sollecitazione possa riaccendere quello spirito umanitario che l’ha sempre contraddistinta prendendo a cuore la questione degli “esodi incentivati”. La ringrazio per l’attenzione e la saluto augurandole buon 2012.


  2. Siamo in buone mani, come il paziente incancrenito lo è tra le mani del chirurgo che lo stà amputando. Oggi ha emanato una circolare, alla Pubblica Amministrazione, per dettare le indicazioni sul bilancio di previsione 2012, chiedendo ”Un’oculata riduzione degli stanziamenti complessivi per le spese diverse da quelle obbligatorie e inderogabili” ”secondo criteri volti principalmente al contenimento delle spese”. Nomine onorifiche, missioni, convegni e relazioni pubbliche, auto blu.
    Non mi sembra coerente, nè giusto, limitarsi ad una circolare per tagliare gli sprechi della P.A. Non dimentichiamoci che questi signori sono una delle principali cause dell’enorme debito pubblico che ci ritroviamo. Sono i buchi del colabrodo, ed è prioritario intervenire pesantemente per tapparli. Basterebbe pubblicare quanto percepito annualmente da ognuno di essi, quanto speso in missioni, quanto elargito in clientelismi, per rendersene conto.
    Se si continua così, non si salverà niente e nessuno.


  3. a quale lobby ti sei venduto con Caltagirone? Vergogna Pierferdinando…ti stimavo….





Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour