postato il 13 Settembre 2012 | in "Lavoro e imprese, Politica"

Referendum su art.18 è contro il senso della storia

Tornare alle battaglie ideologiche sull’articolo 18 significa contrastare tutto quello che il governo Monti sta facendo con l’aiuto di Pdl, Pd e nostro.
Significa andare nella direzione opposta al senso della storia proprio nel momento in cui, grazie al governo Monti, l’Italia vede premiati i suoi sforzi anche a livello europeo.

Pier Ferdinando

5 Commenti

Commenti

  1. Il mondo è cambiato, l’Italia è cambiata, è cambiato il mondo del lavoro, noi tutti, ormai ce ne siamo fatti una ragione e cerchiamo in tutti i modi di adeguarci, purtroppo c’è ancora chi, per partito preso, non vuole rassegnarsi ad accettare questi cambiamenti epocali. Queste resistenze, prolungano soltanto la sofferenza, rendendo più difficile superarla, ma non cambieranno lo svolgersi degli eventi.


  2. Non sono d’accordo sul referendum. Penso sia ancora troppo presto per esprimere un giudizio definitivo sulla bontà della riforma dell’art. 18. Questa riforma infatti è ancora troppo giovane per capire se e quanti frutti darà.

    Ma è anche tempo di parlare con il linguaggio della serietà di questo argomento e di sgombrare il campo da una piccola bugia degna di una operazione di marketing di basso livello.
    Si dovrebbe finalmente avere il coraggio e l’onestà intellettuale di dire che l’art. 18, in vigore dal 1970, non ha mai impedito o frenato alcunché fino ad oggi. In questo momento di crisi però è stato deciso a tavolino che il vero nemico dell’occupazione fosse quello.

    Personalmente non sono d’accordo. Oggi esistono così tante e tali forme di assunzione “a tempo e a progetto”, che si è arrivati a porre il problema del precariato come un problema di notevole rilevanza sociale. Non vedo perciò in quale modo, ua norma che tutela le persone in caso di abuso da parte del datore di lavoro, possa essere un freno. Per chi ? Di che cosa ?

    Si abbia il coraggio di dire, con molta onestà, che doveva essere dato un forte segnale politico di discontinuità col passato e che si è scelto (insieme ad altre cose) di effettuare questa modifica allo Statuto dei lavoratori.


  3. @redazione, essendo questo il blog del leader del MIO PARTITO (da sempre), che reputo una formazione di persone per la stragrande maggioranza moderate e rispettose delle idee altrui, VI INVITO AD INTERVENIRE PER IMPEDIRE CHE SI TRASFORMI IN UN FAVVA-BLOG ALLA GRILLO. Come previsto, moderate veramente i commenti postati impedendo la pubblicazione di frasi provocatorie ed offensive del tipo “la reputo un fesso” o “sei un demente”. E’ chiaro che chi usa questi termini si scredita da solo agli occhi di chi li legge, ma non è giusto che si dia la possibilità a qualcuno di offendere altre persone con tanta disinvoltura intervenendo sulla rete da dietro un computer. Cittadino.


  4. se pensi che si esageri, ti invito a fare un giro sul profilo fb di casini.


  5. Io penso semplicemente che le regole debbano essere rispettate da tutti, nessuno escluso. Cittadino.




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour