postato il 6 gennaio 2016 | in "Esteri"

Dai sauditi aut aut agli Usa ma è una mossa azzardata

Il Mediterraneo ha bisogno della pace in Palestina, non rassegnamoci allo status quo

Mess

L’intervista di Marco Ventura a Pier Ferdinando Casini, pubblicata su Il Messaggero

I sauditi, con l’esecuzione dell’Imam sciita Nimr Al Nimr, « hanno voluto dire agli Stati Uniti: o con noi o con l’Iran. L’America deve tornare nella sala di regia del Medio Oriente. Ma anche l’Europa deve tornare a essere un soggetto attivo nell’area». Anche per dare soluzione all’emergenza migratoria.

Queste le conferme che ha ricavato Pier Ferdinando Casini, presidente della commissione Esteri del Senato, dalla visita in Israele e Cisgiordania dove ha incontrato il capo dello Stato, Rivlin, amico di lunga data, il predecessore Shimon Peres, i principali esponenti di maggioranza e opposizione e i leader dei Territori, poi una giovane israeliana accoltellata dagli estremisti palestinesi e, nello stesso ospedale, il piccolo Ahmad, 5 anni, sopravvissuto miracolosamente all’assalto incendiario di fanatici ebrei nel quale sono morti tutti i familiari.

Presidente Casini, Medio Oriente e migrazioni: che rapporto c’è?
«L’Europa per troppi anni non ha pensato al Mediterraneo, che è la fonte di tante opportunità ma anche di giganteschi problemi. L’Italia è stata lasciata sola quando gli arrivi si centralizzavano a Lampedusa. Poi, all’improvviso, tutti hanno capito che si aprivano altre rotte e che la meta predestinata erano i Paesi del Nord Europa.»
Svezia e Danimarca hanno deciso di riprendere i controlli alle frontiere, il sistema di Schengen è in pericolo. Che fare?
«Oggi vogliamo creare nuove illusioni, immaginando che ci difenderanno i muri? Liberi tutti di fare ciò che vogliono, ma sia chiaro che questa è un’altra fuga dalla realtà. O l’Europa concorre in prima persona alla stabilità del Medio Oriente, o sarà travolta dai suoi problemi».
Parliamo di Israele. Che cosa l’ha colpita di più?

«Una frase di Rivlin: noi ebrei palestinesi non siamo condannati, ma destinati, a vivere assieme. Oggi c’è chi ritiene che nel caos del Medio Oriente il rapporto Israele-Palestina sia diventato l’ultimo dei problemi. Un grande errore, che ci fa rassegnare alla ineluttabilità di una guerra permanente».
Altre lezioni da questo viaggio?
«Bisogna evitare che una propaganda deleteria trasformi un conflitto di nazionalità come quello tra Israele e Palestina in un conflitto religioso. Chi lo fa, superficialmente o intenzionalmente, pone le premesse di un incendio di dimensioni catastrofiche. Israele, con tutti i suoi difetti, è l’unica vera democrazia del Medio Oriente. Dobbiamo non dimenticarcene e intensificare la collaborazione. Un esempio concreto? L’Italia può contribuire a formare un grande hub energetico nel Mediterraneo con la regia dell’Eni, che riunisca Israele, Egitto e Cipro. O l’Europa si rende conto della centralità di una politica del Mediterraneo, o dovremo rincorrere oggi il leader turco Erdogan e domani qualcun altro per tenere sotto controllo i flussi migratori.»
Israeliani e palestinesi hanno fatto abbastanza contro gli estremisti?
«Non sono io a dover dare le pagelle, ma c’è sempre da fare di più. Il mondo palestinese deve evitare nelle scuole e nelle Tv di educare e incitare all’odio: sono tante le menti deboli che possono prendere un coltello e aggredire un loro vicino. Israele da parte sua deve capire che con la politica degli insediamenti si alimenta solo l’odio e si rende inaccettabile la condizione di vita dei palestinesi.»
Lo scontro principale sembra essere oggi tra Iran e Arabia Saudita…

«Le esecuzioni in Arabia Saudita vanno condannate senza esitazione. Ma in realtà dopo l’accordo sul nucleare iraniano la nuova leadership saudita colpisce al cuore la strategia americana e sembra dire: o con noi o con loro. Con questa mossa va a carte quarantotto l’idea di Vienna di una coalizione globale contro l’Isis. I sauditi stanno facendo una mossa azzardata, destinata a incendiare le stesse minoranze sciite nei Paesi del Golfo.»
Il disimpegno americano dal Medio Oriente è un errore?
«Il vero errore è stato quello di non vedere per anni le connivenze, le complicità e gli aiuti che hanno alimentato l’Isis. Il vuoto americano ha rimesso in gioco la Russia nello scacchiere, col risultato che oggi Mosca si propone come mediatrice tra le parti.»
Che cosa possono fare a questo punto gli Stati Uniti?
«In quest’area non vogliono più mettere gli scarponi nel terreno e trovarsi impantanati in situazioni “irachene”, frutto peraltro dei loro errori. Ma un mondo senza regia ha ancora bisogno che gli Stati Uniti svolgano un ruolo determinante. E se penso a certi europei compiaciuti e contenti del “ritiro” americano, mi preoccupo davvero… Un mondo senza registi potrebbe risultare peggiore di quello precedente. L’impotenza degli Stati Uniti rischia di coincidere con l’impotenza dell’Occidente e gli europei non hanno la forza per sostituirli. Neanche nel Mediterraneo.»
In Libia, l’Isis attacca i pozzi petroliferi…
«Solo un rapido insediamento del nuovo governo libico di unità nazionale può fermare l’Isis ed evitare che si insedi stabilmente e minacci le nostre città, trasformando la Libia in un avamposto del traffico di foreign fighter e di armi per la Guerra Santa. Già vediamo sintomi preoccupanti in Bosnia e nei Balcani».

1 Commento

Commenti

  1. mi permetto un commento dovuto a anni di supremazia dell’informazione a scoppo propagandistica orientato a dividere l’opinione europea in pro o contro da due campi degni delle battaglie napoleoniane!gli usa fanno bene di dare come accessorie uno scontro continuo dove due leaders si incontrano per consacrare l’arbitro americano , davvanti ad un tè alla menta allora che gli estremismi si organizzano sotto coperto la nostalgia che lei tratienne diplomaticamente perche ha amici in queste parte non è augurabile! perche le realta sono tutt ‘altre e era tempo di considerare i veri problemi, i protagonisti di peso che hanno ragione di dismostrarsi incontornabili , non penso che il cane a cinque zampe bastera e anche avra il sopra di quelli che sono i veri maestri del gioco e sopratutto che hanno una identita forte e hanno dimostrato di fare a casa loro cio che a loro gradisce il cane a cinqie zampe non potra nemeno abbattere il dragone siriano ne il suo custodio irachiano e nemeno dargli un morso ! si sa anche che al medio oriente abbadiare porta poco ne darsi in spettacolo e nonn penso anceh con prossime elezione che gli usa siano disposti a fare la ballerina di servizio! neanche con i gentili commenti italiani doc!




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • carlo: Non si apre il modulo per iscriversi
  • Vittoria Buttiglione: Macron si è rivelato inaffidabile e senza rispetto, a...
  • vincenzo venuta: Facciamo seguire alle parole I fatti. Solo Il 20% scappa...
  • lucia: Mi sembra giusto.va bene accogliere ma se un paese non ce la fa ci...
  • Luciano Gorini: Caro Casini, per anni ho votato e fatto votare il suo nome e...
  • Renato Meduri: Il commento abbastanza rispettoso lo avevo già mandato. Se...
  • Renato Meduri: Leggere l’intervista di Pierferdinando Casini, per uno...
  • Lino Bertuzzi: Non credo che Berlusconi si farà ammazzare da Salvini. Del...
  • Maurizio Ribechini: segnalo breve intervista a Casini di poche ore fa…...
  • Omar Caiti: Caro Presidente, condivido la sua analisi. Un pochino meno la...
udc tour