postato il 19 Luglio 2019 | in "Politica, Rassegna stampa"

«Una sceneggiata e comunque non si vota»

Nessun automatismo tra crisi ed elezioni, ci sono alternative in Parlamento

L’intervista di Alessandro Farruggia a Pier Ferdinando Casinipubblicata su QN

«Per questa vicenda il governo non cadrà. Può darsi che il confronto sia vero, che il malessere sia reale, ma a mio avviso il tutto si ridurrà a una sceneggiata. Non credo proprio che Salvini voglia tornare al voto con Berlusconi e i 5 Stelle tutto possono pensare tranne che andare ad elezioni. E quindi il temporale è destinato a passare». Così un politico di lungo corso come Pier Ferdinando Casini, deputato dal 1983, ex presidente della Camera, oggi senatore nel Gruppo per le Autonomie.

Presidente Casini, certo è che le contraddizioni tra i due alleati sembrano aver raggiunto un punto critico, e questo rischia di paralizzare il governo.
«Questa situazione va chiarita e in tempi brevi. O i due partner di governo riescono ad andare avanti in modo minimamente decoroso, o se devono continuare così tra litigi quotidiani e veti contrapposti, allora veramente è meglio che stacchino la spina e facciano cascare il governo. Sia chiaro, questo chiarimento non deve essere extraparlamentare, ma deve avvenire nelle sedi proprie. Una crisi di questa portata deve essere avere il suo epicentro nel Parlamento».

Ma se alla fine il governo cascasse, che scenari si aprirebbero? Salvini dice che in tal caso l’unica alternativa sarebbero le elezioni.
«Se cadesse il governo si aprirebbe una fase che nessuno oggi può dire quali esiti avrebbe. Il tema dell’alternativa è nelle mani delle forze politiche e del Capo dello Stato. Nessuno di coloro che è al governo ha la possibilità di decidere lo scioglimento delle Camere. Può concorrere a una soluzione piuttosto che un’altra, ma se in Parlamento emergesse una maggioranza, è chiaro che alle elezioni non ci si andrebbe».

Inciucione M5S-Pd?
«Un governo Pd-5 Stelle è pura fantasia. Non c’è la volontà di nessuno dei due. Sarebbe autolesionista per entrambi. Un governo Pd- 5Stelle è nella testa di qualcuno, ma dopo dopo le elezioni, non certo prima»

E quindi? Maggioranze alternative non se ne vedono.
«Ma non è detto che non ve ne possano essere. La fantasia politica in questi casi si esercita con una notevole varietà di ipotesi. Potrebbero esserci delle formule diverse da quelle di un governo politico».

Tipo?
«Per esempio si potrebbe avere un governo di scopo, limitato nella durata elettorale, con l’appoggio esterno di alcuni partiti. Fossi in Salvini non scommetterei sull’automatismo caduta del governo uguale elezioni. Tutti coloro che sperano che dalla vicenda si esca con elezioni anticipate secondo me sbagliano. E non a caso i mercati, che di solito sono gli osservatori più attenti, ci consegnano uno spread che continuare a calare».

Commenti disabilitati su «Una sceneggiata e comunque non si vota»


Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • GIANNA SERRA: mi piace ricordare il compianto GUAZZALOCA QUANDO PARLAVA DI...
  • Raffaele Reina: Complimenti sempre. Siamo cresciuti e cresciuti bene alle...
  • Pippo Bufardeci: E’ un’analisi perfetta. Lasciare ancora senza...
  • Pippo Bufardeci: Perfettamente in linea con la giusta strategia politica che...
  • Ezio Ordigoni: Credo che il Presidente Casini abbia delle ragioni
  • Lucia: Presidente lei è un ottimo intermediario e di mediazioni ne sa...
  • luigi addesa: Non c’è niente da fare quelli della prima repubblica sono...
  • Omar Cao: Caro Presidente è ora che prenda Lei l’iniziativa. io sono...
  • Maurizio paladini: Io ci sono. Un partito di centro che guarda a sinistra....
  • Pippo Bufardeci: Caro Pierferdinando è l’impostazione che ha...
udc tour