postato il 28 Settembre 2011 | in "Rassegna stampa"

Rassegna stampa, 28 settembre 2011

Nel bel mezzo della crisi e nel generale quadro della politica immobilista, qualcosa si muove. Da mesi, ormai, ve lo abbiamo raccontato anche noi nella nostra rassegna, il mondo cattolico (fatto da associazioni, movimenti, intellettuali e uomini politici) ha cominciato a ridialogare al proprio interno, cercando un terreno di interlocuzione comune, per superare definitivamente l’infruttuosa stagione della “diaspora” post-Dc (trovare un intervento di Casini a tal proposito, assai interessante). Un riassunto generale della situazione ce lo fornisce De Marchis su Repubblica, che ci spiega come – specie dopo la prolusione di Bagnasco di qualche giorno fa – appaia evidente e ormai prossima la nascita di un nuovo “soggetto” politico, che raccolga i cattolici dispersi e desiderosi di portare una ventata di nuovo ossigeno alla stantia politica italiana: “dalle macerie del Pdl e dalla resistenza dell’Udc”, scrive il notista politico, “nascerebbe questa nuova forza”; non una nuova Dc, ma la sezione italiana del PPE (ma è così berlusconiana come strategia direte voi! E invece no: perché noi abbiamo sempre lavorato per creare un Partito Popolare, “altri” si sono impegnati per far nascere un Partito Populista). Come ci spiega Alessandro Da Rold su Lettera43, infatti, il convegno che si terrà a Todi il prossimo fine ottobre sarà il momento chiave (per usare le parole di Francesco Bonini, editorialista del Sir) per «articolare una proposta» per superare «il senso di blocco che segue quasi 20 anni di alternanze, tra il centrodestra e il centrosinistra, in cui l’alternativa non è l’alternanza, cioè la sostituzione dell’attuale maggioranza di governo con l’attuale opposizione, ma la ristrutturazione del sistema».

E le associazioni unite sfidano i partiti: “Se il dialogo fallisce, faremo da soli” (Goffredo De Marchis, La Repubblica)

Macaluso – Bagnasco parla. Ma il Pd capisce? (Emanuele Macaluso, Il Riformista)

Democrazia vaticana (Alessandro Da Rold, Lettera43)

E dal faccia a faccia, Giulio esce più forte (Amedeo La Mattina, La Stampa)

Alla cena con Bossi torna il pressing sulle pensioni. Il Senatur incita l’amico Giulio a misure «nordiste» (Marco Cremonesi, Corriere della Sera)

Trichet: i governi rispettino i patti. L’Italia? Con la crescita può farcela (Marika De Feo, Corriere della Sera)

Commenti disabilitati su Rassegna stampa, 28 settembre 2011


Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour