postato il 25 Marzo 2010 | in "Elezioni, Politica"

Paese devastato dalle liti, serve una riconciliazione nazionale

Intervista al Messaggero«Dal premier campagna rabbiosa, vuole abolire la par condicio per restare solo in tv. Ma è un segno di debolezza»

Pubblichiamo da ‘Il Messaggero’  l’intervista a Pier Ferdinando Casini di Claudio Rizza

Pier Ferdinando Casini non ne può più di questa Italia devastata dalle liti, del tutti contro tutti: «Serve una riconciliazione nazionale». Il problema, dice in un’intervista al Messaggero, non è occupare il centro, ma creare un partito che si ponga questo obiettivo. La campagna furiosa di Berlusconi è giudicata un grave errore che «aumenterà l’assenteismo». « Una volta il premier era lieve e simpatico, ora è rabbioso e arrogante». E aggiunge: «Guai ad abbassare il tasso etico di questo Paese». Il leader dell’ Udc vede una similitudine tra il Cavaliere e Sarkozy: troppe promesse non mantenute. E un pericolo grave: che stia cedendo la sovranità a Bossi, che con lui gioca come il gatto col topo. E dopo le elezioni si porrà il problema del rapporto tra i due. Quanto alla polemica sull’intervento del cardinal Bertone, Casini afferma che «i vescovi vanno sempre ascoltati, ma non secondo le convenienze, bensì secondo le convinzioni».

Presidente Casini, la campagna elettorale sta finendo. Per lei com’è stata?
«Brutta. Una campagna dove s’è parlato sempre e solo di questioni che nulla hanno a che vedere con le elezioni regionali. Tutti impegnati a politicizzarla».

Colpa di chi?
«Da un lato la sinistra, come referendum contro Berlusconi. Dall’altro Berlusconi come referendum pro o contro se stesso. C’è stata una coincidenza di fini».

Quindi, cosa prevede?
«Un grandissimo errore, farà aumentare l’assenteismo e dimostra ormai che questo bipolarismo è arrivato al capolinea».

Lei sta lavorando per il «dopo Berlusconi». In che senso?
«Intendo dire che i fuochi d’artificio sono alla fine, gli effetti speciali ormai stanno finendo. E che lo stesso Berlusconi dovrebbe riflettere su come sta affrontando gli ultimi giorni di campagna elettorale».

Troppo aggressivo?
«Una volta era lieve e simpatico, adesso è solo rabbioso e arrogante».

Un esempio?
«Francamente che il premier dica che io vado troppo in tv nel momento in cui lui la sta invadendo in modo vergognoso, è il segno che ha perso il contatto con la realtà»

E ora dice che vuole abolire la par condicio per cancellarvi.
«Vuole cancellare tutti, non solo me. Domani anche Bossi e Fini. E’ il segno di una grande debolezza. Se per vincere deve rimanere solo alla televisione certifica il suo fallimento».

L’opposizione accusa la Rai d’aver snobbato le Regionali, facendo un favore a Berlusconi che vuole solo parlare di sé e del suo governo.
«Condivido con Berlusconi il fatto che Santoro è un fazioso. Ma la differenza tra me e lui è che io non chiudo la televisione a chi la pensa diversamente dame. E anche su questo dovrebbe riflettere. E’ diventato il Grande Censore, non vuole che nessuno in tv lo critichi. Ricordo che quando scese in pista il suo slogan era “vietato vietare”. Metamorfosi sorprendente».

Comunque nella tv di Stato gli aspiranti governatori non si sono visti?
«La campagna elettorale si fa oggi solo nei tg. Tutti vedono come sono gestiti. Non dico altro. Prendo atto di una realtà che è scandalosa».

Il presidente Napolitano ha detto che bisogna rispettare tutte le istituzioni e che non pensa ad altro se non tenere unito il Paese. Che riflessione fa?
«Sul rispetto delle istituzioni credo sia»giusto indirizzare il monito a chi, anche in queste ore, continua la sua lotta personale con i magistrati. Può darsi pure che qualche ragione personale di attrito con i magistrati Berlusconi ce l’abbia, ma da qui ad attaccare tutti i giorni tutti i magistrati italiani…si abbassa il tasso etico di un Paese, che comunque ha nei magistrati un presidio di legalità».

E sull’unità nazionale?
«Il nostro slogan è stato “Ricuciamo l’Italia”. Questo ormai è un Paese di tutti contro tutti: destra contro sinistra, politici contro magistrati, Nord contro Sud e viceversa, italiani contro extracomunitari, lavoratori dipendenti contro gli autonomi…credo ci sia bisogno di un partito che riconcili l’Italia e gli italiani. Un partito che si ponga il problema non tanto di occupare il centro, la destra o la sinistra – tutte terminologie del passato che non rappresentano più nulla – ma che parli un linguaggio di riconciliazione nazionale. Siamo un Paese devastato dalle liti».

Il premier dice che le riforme si decideranno nei gazebo.
«Quando sento parlare di gazebo mi viene in mente quel ridicolo e mortificante giuramento dei governatori in piazza San Giovanni. Appoggio la Polverini, sono convinto che sia il candidato migliore, non ho nessun rilievo da fare alla sua campagna che ha condotto con forza, nonostante le difficoltà per gli errori del Pdl, ma l’unica cosa che non ho condiviso è stata la partecipazione al giuramento. Capisco che non ne potesse fare a meno, ma la giudico mortificante per chi l’ha subito e ridicolo per chi lo ha ascoltato».

Ma le riforme?
«Se si vogliono fare, prima di tutto bisogna chiarirsi le idee. Berlusconi le ha confuse: un giorno parla di presidenzialismo alla francese, un giorno all’americana., .mi sembra una delle tante boutade da campagna elettorale. Abbiamo finora sentito di tutto, manca solo l’abolizione del bollo auto, ma aspettiamo fiduciosi».

La cosa più bizzarra?
«Beh, quando il premier ha annunciato che “sconfiggerà il cancro”. Promessa meravigliosa, ma rischia di essere come la cura Di Bella, una presa in giro.

Che pensa di questa corsa dietro i vescovi per cercare di ingraziarsi il voto cattolico?
«Che Berlusconi faccia l’interprete di quello che dicono i vescovi, lascio giudicare ai cittadini sulla credibilità della cosa. Credo che i vescovi vadano ascoltati sempre, non secondo le nostre convenienze ma secondo le convinzioni: diritto alla vita, famiglia, solidarietà verso gli extracomunitari… La Chiesa è una ricchezza per la comunità nazionale. Credo che l’atteggiamento e lo stile con cui la Polverini ha ascoltato i vescovi, senza strumentalizzarli, sia l’esempio di ciò che tutti avrebbero dovuto seguire».

Su immigrazione ed extra comunitari non pare proprio che il Pdl e la Lega seguano il Vaticano.
«Quando si cede alla convenienza, uno la legge in un modo, l’altro in un altro. I vescovi vanno ascoltati sempre, punto e basta. Il monito è diretto a tutti, tra i governatori ci sono i praticanti e i non, deve esserci un rapporto corretto con tutti»

Crede alla sindrome francese?
«E’ una situazione molto diversa da quella italiana, ma c’è una costante: il troppo stroppia. Sarkozy ha fatto tante promesse e pochi fatti, vedo una certa simmetria con Berlusconi. Chiaro che la gente prima o poi arriva al redde rationem».

Stesso clima?
«Non lo so, voglio rapportarmi alle amministrative, ai candidati migliori, alla gente che va sostenuta. Qui a Roma non c’è lo scontro tra Berlusconi e la Bonino, ma tra la Polverini e la Bonino. Volerlo trasformare in scontro nazionale è utile solo alla Bonino».

Lei cosa spera da queste regionali?
«Siamo sopravvissuti alle politiche, migliorati alle Europee, speriamo di migliorare ulteriormente e di essere determinanti nelle regioni. Bisogna fermare l’avanzata della Lega che oggi sta diventando il problema della politica nazionale. Perché Berlusconi sta ormai cedendo a Bossi la sovranità della direzione della politica italiana, i leghisti si stanno sostituendo a Berlusconi».

Bossi si vanta d’avere nel cassetto milioni di voti.
«Bossi sta giocando come il gatto col topo. Sicuramente il giorno dopo le elezioni ci sarà il problema del rapporto tra Bossi e Berlusconi. Una ragione di più per cercare di rafforzare le componenti moderate. E’ chiaro che noi diamo fastidio al Cavaliere, perché lo contestiamo sul suo terreno tra i moderati. Anche se lui ormai moderato non lo è più, ma più populista della Lega».

Intanto l’occupazione è crollata dell’8,2%.
«Qui parliamo dei giudici, del complotto sulla lista Pdl, e non si parla mai delle questioni serie»

7 Commenti

Commenti

  1. dopo le regionali vogliamo un partito, l’Udc, che si metta immediatamente al lavoro per i cittadini delle regioni in cui si è votato, realizzando quello che ha promesso. basta politichese, servono proposte, progetti, che necessitano di applicazione. bisogna darsi da fare. non abbiamo più scuse.


  2. VOTO UTILE… la smetta il premier di parlare di voto utile in Puglia e nelle altre regioni! Ormai è anni che Silvio va avanti a slogan. Si è visto qualche cambiamento dopo questo bipartitismo? Mi sembra proprio di no!!! E allora vuol dire che il voto utile deve essere proprio il cambiamento di rotta… votare chi pensa soltanto ai NOSTRI problemi, ai problemi dei CITTADINI. L’UDC è sempre in crescita e quindi un motivo ci sarà? E/O comunque CHI VOTA UDC NON TORNA INDIETRO NELLE SUE SCELTE!
    Inoltre oggi sentivo al TG regionale della Calabria che Franceschini diceva di dare la fiducia a Loiero per altri 5 anni… perché? Questi 5 non gli sono bastati per iniziare a cambiare le cose, come aveva promesso ad inizio mandato? Noi puntiamo su Mario Mazza come rappresentanza della Locride e di tutta la Calabria… naturalmente con Scopelliti !!!


  3. Dopo tanti anni, praticamente tutte le votazioni, di voti a sinistra e a centrosinistra, ho deciso che alle prossime elezioni voterò Pierferdinando Casini. L’unico che sembra avere il senso del paese REALE e cioè quello che stiamo vivendo tutti noi comuni mortali. Penso che sia ora di rispondere alle domande su Berlusconi o ribattere alle cialtronerie di costui. Penso sia giunto il momento di parlare solo dei problemi che stiamo attraversano, il lavoro la famiglia il futuro dei nostri figli la salute e così via discorrendo. Per cortesia Voi che potete parlate dei nostri problemi e non sempre del solito imperatore e dei suoi problemi!!! Grazie


  4. Sembra che destra e sinistra abbiano perso il senso della realtà del Paese, lasciamoli nelle loro piazze, sterili manifestazioni che poco servono a costruire democrazia e riforme.
    Voglio guardare oltre queste regionali gestite in maniera svilente e volutamente confusionali confortato dal fatto che comunque esiste una realtà di centro vicina alla Nazione.


  5. sig.presidente premetto che nn sono di dx ma neanche di sx mi sento moderato come lei .sono della provincia di ascoli piceno dove la crisi si è fatta sentire in modo molto grave ,quotidianamente affrontiamo la giornata con la speranza di poter trovare una soluzione ai nostri problemi dal lavoro che nn c’è come ripiegare ai debiti e quantaltro .siamo in cigs da 1 anno e abbiamo avuto la proroga solo x altri 6 mesi chiediamo solo di nn essere lasciati soli in quest’inferno che altri hanno scatenato e che molti hanno sottovalutato come il ns sig. presidente del consiglio .Spero che nella mia regione si possa continuare a sperare x un futuro che diminuisca il divario che si è venuto acreare .Ci si vuole accecare con una fitta coltre di fumo negandoci xchè questo sta facendo il governo di vivere con tranquillità la nostra famiglia e nn dire cosa dò ai miei figli oggi .Continui a farsi da portavoce dei nostri mali sopratutto sul lavoro che è fonte di vita x la dignità della persona oggi tornata ad essere calpestata . Lui nn ha problemi ma la stragrande maggioranza degli italiani si .Spero solo che questo mio sfogo nn venga disilluso .Un padre di famiglia cassa integrato


  6. Si parla tanto di riforme, si parla male dei giudici, si parla di cambiare la costituzione, si parla di diminuire i parlamentari si parla un pò di tutto in modo generico, però io di una cosa sono certo che quello che i nostri avi hanno creato con il loro sacrificio ora si stà tentando a tutti i costi di di struggere e tra questi al primo posto c’è la libertà di pensiero. Condannando a morte il prima sistema politico a favore di quello attuale si è creato di fatto un mostro con tanti tentacoli. Oggi la ricerca del consenso elettorale non avviene più attraverso le idee o le ideologie di chi si propone ma attraverso gli industriali, i costruttori, gli imprenditori o quant’altri abbiano interessi personali a sostenere determinati candidati anzichè altri. Ma secondo voi ogni qualsivoglia politico che mostri il fianco ad un così scellerato sistema cosa dovrebbe fare dopo??? Sento tanto parlare di destra o sinistra ma la differenza netta tra i due è solo una, mentre uno ha interesse a costruire le centrali nucleari ed i termovalorizzatori gli altri puntano sù pale eoliche, pannelli solari e raccolta differenziata.E del popolo chi si interessa?? sembra non interessi a nessuno di loro anche se a volte ne parlano utilizzandolo come spoot propagandistico. La famiglia i giovani il lavoro la disoccupazione che entra in modo dirompente nel nostro paese, la cultura dell’essere seri e coerenti del portare avanti senza remore alcune le nostre idee è quello che ci ha contraddistinto sin’ora ed è quello che continueremo a fare. Come sempre distinti saluti a tutti.


  7. La grande verità espressa dal Presidente Casini
    è la convenzionalità
    delle etichette desta e sinistra,
    esistono solo i problemi del paese,
    liberiamoci dalle etichette del passato.
    Chi intende risolvere i problemi,
    lavorando per un’Italia moderna, efficiente,
    vivibile e riformista,
    si aggreghi,
    la politica deve servire a risolvere i problemi degli italiani,
    non a dividere i Paese,
    e nè a risolvere i problemi personali,
    di chi già è un privilegiato.




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour