postato il 26 Marzo 2010 | in "Elezioni, Politica"

Il premier è un leader dimezzato. Si vede che è confuso

Pier Ferdinando Casini

“Allearsi con Bersani? Deve mollare Di Pietro”

Pubblichiamo da ‘la Stampa’ l’intervista a Pier Ferdinando Casini di Carlo Bertini

Passiamo dai giuramenti di Pontida, ai falò di Calderoli e al trasferimento del Senato federale a Torino. E c’è ancora chi pensa che siamo governati da una maggioranza di persone serie. La cosa è stupefacente». Pier Ferdinando Casini sta per trasferirsi da Milano in Piemonte per dare man forte a Mercedes Bresso e fa un sobbalzo quando sente le parole con cui Berlusconi invita a non votare l’Udc anche se alleato con il centrodestra in alcune regioni chiave come Lazio e Campania. «Si vede che non ricorda di avermi implorato di stringere alleanze e che mi considera l’unico suo nemico se mentre sta a Bruxelles si occupa di noi invece che della crisi greca. Mi sembra confuso e disperato e da lunedì sarà un leader dimezzato se a vincere sarà la Lega contro la quale siamo noi l’unico baluardo».

Visto che lo stato dei rapporti è questo, se la sentirebbe di dire che non sarà mai più alleato con il Pdl?
«Se la direzione di marcia è quella del populismo in salsa leghista, cioè Berlusconi, o la riedizione dell’Ulivo Bersani-Di Pietro, noi andremo soli anche alle prossime politiche».

E allora, visto che lei ha definito “penosa” questa campagna, perché voi dell’opposizione avete subito l’agenda dei temi dettata dal premier?
«Noi abbiamo parlato di sanità, lavoro, famiglia. Ma questa è la stagione dei fuochi di artificio, manca solo la promessa sul bollo auto. Beninteso, sono gli ultimi fuochi, la gente è ormai disincantata rispetto alla politica delle promesse. E più Berlusconi ci attacca, chiedendo il voto utile, più sono contento, perché in molti si chiederanno: ma utile a chi? A lui e alla difesa dei suoi interessi?».

Faccia una previsione: in quante regioni vincerete e che percentuale prenderà l’Udc?
«Noi abbiamo fatto una scelta semplice: andare da soli in molte realtà, al Sud contrastare una deriva di malgoverno, da Loiero a Bassolino; e al Nord bloccare la Lega. In Piemonte e in Liguria si sta cercando in modo fuorviante di spostare l’attenzione sui temi etici: la Lega sta alzando in modo vertiginoso il suo tasso di arroganza, non solo con noi, anche con il Pdl. Galan in Veneto si è spostato per fare spazio a Zaia e ora Bossi gli ha detto che lui è buono giusto per andare a pescare, non gli vogliono dare neanche un ministero. E allora dico ai piemontesi: prima di farvi padanizzare pensateci bene».

Preferisce non azzardare pronostici?
«Noi avremo una doppia contabilità, una è quella dei voti e cercheremo di consolidare quel 6,5% delle europee. Ma poi i voti si pesano: se in alcune regioni avessimo una piccola flessione ma fossimo determinanti, ci metterei la firma. Per il resto, credo che in Piemonte sono molti i liberali e moderati che non hanno nessun interesse ad omologare la loro regione al Veneto».

Se Cota e la Bonino invece la spuntassero, sarebbe un fallimento della vostra strategia?
«No, non si potrebbe trarre una conclusione del genere guardando solo a due regioni su tredici».

Viceversa, se vincessero la Polverini e Caldoro, voi avreste contribuito a rafforzare il premier. O no?
«Se stessi nella logica di elezioni politiche sì, ma la rifiuto. E’ una critica che ci lascia del tutto indifferenti, perché è apparso chiaro che le alleanze variabili sono l’unico modo per non essere logorati né da una parte né dall’altra. E non penso sia in gioco il governo nazionale, anche perché più Berlusconi andrà avanti più gli sarà difficile giustificare non aver fatto nulla. La stessa rissa permanente tra Fini e Berlusconi dimostra che forse non aveva tutti i torti chi in tempi non sospetti aveva qualche dubbio e si è assunto la responsabilità di non accettare posti».

Fini le ha mai dato ragione su questo punto in privato?
«No comment. Io procedo dunque per la mia strada con un’opposizione seria, poi è chiaro che il salto di qualità che noi faremo dando vita ad un nuovo partito dipenderà anche dalle modalità con cui si determineranno i fatti in casa d’altri. E con questo intendo lo sgretolamento dei partiti maggiori e lo scoppio delle contraddizioni tra Lega e Pdl, perché da domattina il vero oppositore del premier sarà Bossi».

E con il Pd potrà mai costruire qualcosa di stabile?
«Bisogna essere onesti, Bersani ha cercato di mostrare ragionevolezza, ma il suo problema serio è la compagnia di giro che si porta dietro, se avrà coraggio di creare una discontinuità rispetto all’Ulivo. Perché se la strategia della nuova segreteria è passare da Veltroni che si libera di Rifondazione Comunista, al recupero del Prc di Bersani, c’è da mettersi le mani nei capelli. Deve avere il coraggio di solcare strade nuove, altrimenti pure se vincesse non riuscirà a governare. Dovrà mollare gli alleati impresentabili e con i quali non è possibile una convergenza politica nei fatti».

8 Commenti

Commenti

  1. Ottime dichiarazioni, con la vera speranza che alle parole seguano i fatti.


  2. Vero, con Idv non si ragiona, sono solo dei fanatici, demagoghi e falsi, ma il Pd pure si deve togliere non solo l’etichetta sinistra,
    ma deve cambiare proprio il modo di porsi di fronte al paese,
    riformismo si
    democrazia si,
    tentazioni uliviste no.


  3. il premier è malato……è malato di onnipotenza, bisogna assolutamente sostituirlo prima che ci porti allo stesso stato della grecia. visto che questi non riescono a governare con una maggioranza schiacciante a questo punto meglio qualcosa tipo l’ulivo


  4. @davide
    e dire che Silvio si è definito migliore di Alcide De Gasperi
    di sicuro eccelle in presunzione


  5. dato che l’UDC si dichiara cattolica, mi domando come si possa fare alleanze con il PD dove ci sono atei all’interno. Io credo che un cattolico possa fare coalizioni di fondo solo con chi è cattolico. Con chi non è cattolico posso trovarmi d’accordo su punti specifici e votarli insieme ma non fare alleanze di fondo. La debolezza di tali coalizioni l’ha ampiamente dimostrata il precedente governo.


  6. Caro Casini nel Lazio è stata fatta una scelta molto, molto , sbagliata , allearsi con la Polverini, non tanto per la candidata , ma per la sua composizione degli alleati.

    Sicuramente se Casini avesse assisatito alla chiusura della campagna elettorale a Cassino con Cerrapico e company , avrebbe detto: ma chi me lo ha fatto fare?! Fernando Miele


  7. GRANDE CASINI!!!!

    SOno contentissimo di legere queste dichiarazioni.
    L’UDC dovrebbe essere incisivo e acuto in tutte le sue interviste, prorpio come è Casini in questa.

    Ottimo il passaggio in cui Casini smaschera il dippiogiochismo falso e odioso di Berlusconi nei confronti di UDC: in segreto implora noi centristi di allearsi col PDL, ma in pubblico ci ripudia e ci derubrica come forza inutile. il Tutto mentre dovrebbe preoccuparsi di questioni ben più importanti, come la crisi in Grecia.

    BENE COSì ON.CASINI, ANDIAMO AVANTI PER LA NOSTRA STRADA!!
    un saluto da Trieste


  8. E dopo il voto la Lega mettera’ i puntini sulle “i”




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour