postato il 24 Aprile 2010 | in "In evidenza, Riceviamo e pubblichiamo"

25 Aprile: Festa della Liberazione

25aprile ‘Riceviamo e pubblichiamo’ di Marta Romano

Eccoci giunti alla vigilia del 25 Aprile 2010, 65° anniversario della Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazifascista . Una festa che, anche a distanza di molti anni, divide ancora l’Italia e gli italiani.

Sinceramente pensavo che il nostro Paese fosse già talmente diviso al proprio interno che quest’anno l’anniversario di quest’importante avvenimento sarebbe stato meno influente. E invece no.

Un’Italia che piange e che ricorda le vittime di ambedue le parti non riesce a cancellare le urla e le ripetute polemiche che questa ricorrenza evoca.

Eppure, forse, c’era qualche italiano che, come me, si era lasciato illudere dalla speranza di vedere un Paese diverso, unito sotto un unico patrimonio di cultura, tradizioni e storia. Alla vigilia di quest’importante ricorrenza, mi accorgo che era un’utopia. E’ ancora un sogno pensare che tutto il Paese possa ricordare e piangere i caduti di quella che può essere definita una vera e propria guerra civile per la Libertà.

Una Libertà raggiunta attraverso dolore e sofferenza, ma con un denominatore comune: l’UNITA’.

Unità e compattezza che mancano oggi, assieme alla volontà di dialogo e discussione per il raggiungimento del tanto agognato bene comune.

Ecco perché, a distanza di 65 anni da quel famoso 25 Aprile, non posso che essere preoccupata per il mio Paese. Una nazione che preferisce l’astensione alla libertà di voto, dove il dissenso dilaga e assumono sempre più importanza partiti populisti ed estremisti. Il tutto mentre cresce la disoccupazione, specialmente giovanile.

E allora, alla vigilia di quest’importante giorno, esprimo un desiderio.

Vorrei un’Italia diversa, più democratica e più serena, dove ci sia un dialogo libero e costruttivo.

Vorrei un’Italia dove lavoro e sviluppo non fossero soltanto i sogni di una giovane ragazza, ma realtà.

Ma, più di tutto, il mio desiderio è quello di vedere, un giorno, l’Italia ricucita dai troppi strappi che ne hanno lacerato l’anima. Soltanto nell’unità può esserci un futuro.

3 Commenti

Commenti

  1. Cara Marta
    a quanto pare il senno che dimostra una giovane ragazza
    non lo dimostrano tanti parlamentari e Ministri italiani.
    La Lega che in modo evidente persegue fini non compatibili con l’unità dello Stato, è solo una minoranza anche al Nord,
    ma grazie a Berlusconi è diventata padrona dell’Italia.
    Diciamolo agli italiani che Berlusconi ha fatto promesse alla Lega,
    oppure se non corrisponde al vero, Berlusconi dica alla Lega che non intende assecondarla nel suo disegno secessionista.


  2. La Resistenza non fu solo un fatto di armi ma fu un fatto popolare. Fu reazione alla guerra, alla dittatura, alla fame, alle infamie naziste, alla “secessione” della repubblica di Salò. Il suo valore è fondante in quanto unisce il popolo e non lo divide. E’ aspirazione alla pace, alla libertà, alla democrazia, al benessere. Alcide de Gasperi ha sempre ritenuto preziosa e non volle mai rompere la solidarietà nata tra le forze popolari durante la Resistenza. Espressione di questa è la pacifica Carta Costituzionale che ha permesso a tutti di potersi esprimere liberamente. Al di là dei meriti o dei demeriti, ha sbagliato chi ha sognato velleitarie rivincite ed ha sbagliato chi ha cercato di impossessarsi a fini di parte un avvenimento che appartiene a tutto il popolo italiano.


  3. Brava Marta, speriamo che lavoro e sviluppo economico diventino nei prossimi anni una certezza per l’Italia altrimenti i ragazzi che si trasferiranno all’estero aumenteranno.




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour