Archivio per ottobre 2012

Ospite di ‘Porta a porta’

postato il 23 Ottobre 2012
Commenti disabilitati su Ospite di ‘Porta a porta’

La legge di stabilità sarà modificata

postato il 22 Ottobre 2012

Monti disponibile fermo restando i saldi invariati


La preoccupazione del presidente Monti e’ che i saldi rimangano invariati e che gli sforzi enormi fatti dagli italiani non vengano messi a rischio. E noi siamo d’accordo con lui. Abbiamo esaminato assieme i contenuti della legge di stabilità  e  Monti si è mostrato senz’altro disponibile: noi apprezziamo l’idea del governo di procedere a un abbassamento dell’Irpef. Ma il governo non puo’ rischiare di compromettere oggi i grandi risultati ottenuti in Europa. Non possiamo compromettere l’equilibrio dei conti e temiamo che l’abbassamento dell’Irpef, insieme alle detrazioni, rischi di penalizzare le famiglie monoreddito con figli. Per questo abbiamo ipotizzato al presidente Monti un percorso che parta da qui, salvando i mutui per la prima casa.

Pier Ferdinando

 

7 Commenti

19 ottobre, Palermo

postato il 18 Ottobre 2012

Oe 17.00 – c/o Hotel Astoria (Via Montepellegrino)

Incontro pubblico

Commenti disabilitati su 19 ottobre, Palermo

19 ottobre, Agrigento

postato il 18 Ottobre 2012

Ore 10.30 – c/o Hotel Della Valle (via Crispi)

Conferenza stampa

Commenti disabilitati su 19 ottobre, Agrigento

Fiducia nei giovani? Dimostratelo con l’Erasmus

postato il 18 Ottobre 2012

di Alessandro Boggian

L’Erasmus, il famoso progetto nato per incentivare lo scambio culturale tra studenti appartenenti ai vari Paesi dell’Unione Europea promuovendo periodi di studio e di vita all’estero, rischia di chiudere per fallimento. Dopo aver fatto viaggiare più di 3 milioni di studenti, il fondo di finanziamento sembrerebbe essere rimasto al verde, lasciando così un velo di mistero sul futuro dell’intero progetto esistente fin dal 1987.

Il fondo sociale europeo “non ha più un euro”, questo è il grido d’allarme lanciato dal Parlamento Europeo circa la pesante situazione in cui versa il Progetto Erasmus che, dalla prossima settimana resterà con le casse vuote e, insieme ai fondi europei per la ricerca, rischierà di affondare in un mare di debiti (solo per il 2012 ammontano a 10 miliardi di euro): una enorme mole di fatture relative a progetti che sono già in esecuzione e che, per il momento, difficilmente saranno saldate. Nel Parlamento europeo sono stati presentati diversi emendamenti che esprimono la volontà di evitare i tagli prospettati dal Consiglio europeo sul programma Erasmus, ma il problema del buco da coprire, denunciato da Lamassoure, resta.

Il progetto Erasmus ha permesso di fare sino ad oggi una concreta esperienza all’estero, imparando lingue e costumi che hanno contribuito a dare ai giovani una visione più coerente e concreta di che cosa possa essere una ”identità” europea.

L’Europa deve rappresentare oggi più che mai un riferimento politico e sociale. E il progetto di mobilità studentesca Erasmus ha rappresentato sino a oggi una delle realtà fondanti di una nuova generazione di cittadini europei. Tanto che il numero di borse dovrebbe essere ampliato andando a garantire anche gli studenti con maggiori difficoltà socio-economiche di partenza.

Dunque, gli Stati membri dell’Unione dovrebbero mettere la propria quota per il raggiungimento della cifra prevista secondo i normali criteri di contribuzione. Ed è proprio qui che potrebbero sorgere delle difficoltà, visto lo stato di crisi economica in cui versano molti governi di Eurolandia. Con la bocciatura del bilancio correttivo della commissione per il 2012 verranno a mancare gli investimenti europei in quelli che sono sempre sbandierati come fattori di crescita: l’educazione, la riqualificazione professionale, la mobilità di lavoratori, studenti e ricercatori, le infrastrutture, la ricerca e l’innovazione.

Mi auguro che i fondi per il programma di scambi internazionali delle università del nostro continente siano ripristinati al più presto: è in gioco un progetto in grado di far crescere e vivere un Europa dei cittadini, non dei poteri forti. E’ in gioco l’identità stessa del sogno europeo. Non possiamo pensare di mettere Erasmus in pericolo. Come è inconcepibile che il Consiglio non voglia rendere disponibili le risorse necessarie per finanziare questi progetti.

Il sogno di quel ragazzo di Nizza che riuscì a mettere insieme una rete di 12 mila universitari in 70 città europee e che divenne realtà organizzata grazie all’appoggio del presidente francese François Mitterrand, rischia di naufragare per mancanza di risorse.

Speriamo che non sia così.

Commenti disabilitati su Fiducia nei giovani? Dimostratelo con l’Erasmus

Monti è il curatore fallimentare del bipolarismo muscolare

postato il 17 Ottobre 2012

Riceviamo e pubblichiamo di Attilio Biancalana
La nascita del governo Monti non può essere disgiunta dal contesto socio economico e politico in cui si è formato. Il Presidente Berlusconi (la cui credibilità personale e politica era scesa nel frattempo ai minimi termini) aveva preso impegni di risanamento economico con gli organismi europei che il suo governo non voleva/non poteva onorare. Da ciò l’iniziativa del Presidente della Repubblica di dar vita ad un governo in grado di assolvere a quel grave ed oneroso compito: rimettere i conti in ordine perchè la nazione italiana rischiava il fallimento. Il sen. Monti, che ha onorato gli impegni presi da Berlusconi, è il curatore fallimentare del bipolarismo italiano, ricattato dalle estreme (Idv e Lega) e fondato sulla feroce contrapposizione su tutto. Bipolarismo che aveva fatto tante promesse e suscitato tante illusioni ma che è sprofondato negli scandali e nella più assoluta inefficienza.

E’ paradossale che si rimproverino all’Udc serietà di comportamenti, capacità di analisi, coerenza politica e coraggio morale. L’equità e la ricerca del consenso sociale sono nel Dna dell’Udc (q
uando ha potuto lo ha sempre dimostrato) e proprio per questo che il partito deve lottare perchè la nazione italiana non scada nella miseria. Miseria che metterebbe in discussione anche la libertà e la democrazia nel nostro Paese.

Commenti disabilitati su Monti è il curatore fallimentare del bipolarismo muscolare


Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour