Archivio per marzo 2011

26 marzo, Milano

postato il 25 Marzo 2011

Ore 16.30 –  Auditorium (in corso San Gottardo, 39)

Presentazione del  candidato sindaco per la città di Milano Manfredi Palmeri, con Gianfranco Fini e Francesco Rutelli

Commenti disabilitati su 26 marzo, Milano

26 marzo, Napoli

postato il 25 Marzo 2011

Ore 10.30 – Teatro Augusteo (Piazzetta Augusteo)

Presentazione del candidato sindaco per la città di Napoli Raimondo Pasquino con Gianfranco Fini e Francesco Rutelli

Commenti disabilitati su 26 marzo, Napoli

Rassegna stampa, 25 marzo 2011

postato il 25 Marzo 2011
Continuano i grandi rompicapi del momento: si tratta e contratta su Libia e Giustizia. Se sul primo caso, l’accordo tra maggioranza e opposizioni sembra essere stato raggiunto, sul secondo i problemi sono maggiori: il Messaggero ci racconta di un blitz di Pdl e Lega e Francesca Forneria, su l’Unità, ci ironizza su (immunità anche dai fantasmi!).  E non è finita: ci sono anche i rebus del rimpasto (con i Responsabili che si scannano e Saverio Romano sempre più in difficoltà) e del federalismo (Calderoli parla di un accordo raggiunto con il Pd, ma il nostro Gianluca Galletti avverte: così pagheranno tutti di più). Infine, dal Corriere, leggete gli editoriali di Galli Della Loggia sul nuovo patriottismo che serve all’Italia e Maurizio Ferrera su un riformismo “sperimentale”.

Libia, sì della maggioranza sul filo. Voto bipartisan sul testo Pd-Terzo polo (Giovanna Casadio, La Repubblica)

Responsabilità civile delle toghe, blitz di Pdl e Lega in commissione (Il Messaggero)

Responsabilità delle toghe: primo sì tra le polemiche (Giovanna Grassi, Avvenire)

Calderoli: “Noi e il Pd? C’è stata una vera svolta” (Marco Cremonesi, Corriere della Sera)

Galletti: Ma la gente pagherà di più (Gianluca Galletti, QN)

Tutti contro tutti per 8.300 euro al mese (Mario Ajello, Il Messaggero)

Un nuovo Patriottismo (Ernesto Galli della Loggia, Corriere)

Serve un riformismo “sperimentale” (Maurizio Ferrera, Corriere)

Saverio e Cuffaro, vite parallele dall’entroterra al potere siciliano. Mannino: ambiziosi e imprudenti (Corriere)

Pac-Man e l’immunità dai fantasmi (Francesca Fornario, L’Unità)

I Responsabili si scannano (Fabrizio d’Esposito, Il Fatto Quotidiano)

Commenti disabilitati su Rassegna stampa, 25 marzo 2011

25 marzo, Cortona

postato il 25 Marzo 2011

Ore 16.30 – 4°incontro nazionale di Areadem

Partecipa alla tavola rotonda ‘150+1: l’Italia oltre il berlusconismo’

Commenti disabilitati su 25 marzo, Cortona

Ospite di “Otto e mezzo”

postato il 24 Marzo 2011

1 Commento

24 marzo, Roma

postato il 24 Marzo 2011

Ore 20.30- La7

E’ ospite di ‘8 e mezzo’

Commenti disabilitati su 24 marzo, Roma

Chi guida un Paese deve metterci la faccia

postato il 24 Marzo 2011

No a divisioni, il ruolo dell’Italia ne uscirebbe indebolito

Nella storia dei Paesi chi guida mette la sua faccia nei momenti facili e in quelli difficili. Ieri e oggi questo Paese meritava la presenza del Presidente del Consiglio perché non si può guidare il Paese e far prevalere i tatticismi.

La scelta  della missione in Libia era inevitabile. Stiamo intervenendo in un Paese dove Gheddafi era pronto a epurazioni, stava facendo massacri di civili, di chi si era ribellato. La comunità internazionale si è mossa tardi e male, c’è confusione nella catena di comando, ci sono polemiche che non fanno onore alla coalizione, c’è un protagonismo francese fuori luogo che non è del tutto estraneo ad interessi che nulla hanno a che fare con nobile politica ma andare in ordine sparso oggi significa indebolire il ruolo dell’Italia.

Pier Ferdinando

[Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Chi guida un Paese deve metterci la faccia

Rassegna stampa, 24 marzo ’11

postato il 24 Marzo 2011
Continua il rompicapo Libia: il Parlamento si è espresso favorevolmente all’intervento, anche se – come ci racconta Il Foglio – qualche difficoltà c’è stata. La linea del Premier (su cui torna anche Severgnini sul Corriere) sarebbe di sostegno alle operazioni militari ma anche, contemporaneamente, di cauta apertura a Gheddaffi: combattere senza fare la guerra, insomma. Anche perché, la preoccupazione per le ondate di immigrati sale e la Lega e Lampedusa – insoliti “alleati” di una comune battaglia – sono pronti ad alzare le barricate. Il rimpasto di governo, poi, o almeno l’inizio, è arrivato, con la nomina a ministro di Saverio Romano. Pur tra le riserve del Quirinale: su questo torna il Post, con un durissimo attacco: “non lasciamo passare la nomina mercantile del ministro Romano senza neanche alzare un sopracciglio. Abbiamo pensato di fermare Berlusconi, o di fermare ‘le sinistre’, e abbiamo votato accozzaglie di irresponsabili che oggi si ritrovano a trattare posti da ministro. Non si doveva. Ne siamo anche noi responsabili, dei Responsabili”. Già.

Libia, sì all’intervento. Passa il testo di Pdl e Lega (Maurizio Caprara, Corriere della Sera)

Sull’Odissea libica il Senato cincischia un po’, ma la linea del Cav. avanza- meno bombe e più profughi per tutti (Il Foglio)

Sorgi – Una nomina in cambio di due voti (Marcello Sorgi, La Stampa)

Romano ministro, il gelo del Colle (Luca Ostellino, Sole24Ore)

Rimpastino “responsabile”, Romano diventa ministro (Gian Luca Roselli, Libero)

I disponibili (Il Post)

La Cultura inquina (Massimo Gramellini, La Stampa)

Caso Ruby, la giunta vota il conflitto (Barbara Fiammeri, Sole24Ore)

Lampedusa, immigrati via sulla nave San Marco (Federico Geremicca, La Stampa)

Severgnini – Berlusconi sa leggere l’umore nazionale (Beppe Severgnini, Corriere della Sera)

Nava – Kosovo, Iraq, Libia (Massimo Nava, Corriere della Sera)

Stella – Quei numeri che non tornano nel patrimonio artistico italiano (Gian Antonio Stella, Corriere della Sera)

L’agenda digitale fissa le tappe (Sole24Ore, Nòva24, Luca Dello Iacovo)

Commenti disabilitati su Rassegna stampa, 24 marzo ’11

“Magica Italia”, ma a Lampedusa c’è ben poco di magico

postato il 24 Marzo 2011

Il Presidente del Consiglio è tornato agli spot. Non fraintendete, Berlusconi è ancora a Palazzo Chigi e non ha deciso di tornare ad occuparsi di televisione, più semplicemente è il nuovo testimonial dello spot “Magica Italia” con cui il ministero del Turismo, della fedelissima Michela Vittoria Brambilla, intende rilanciare il turismo italiano. Nello spot Silvio Berlusconi, sulle note di “un amore così grande”, racconta le bellezze italiane e annuncia ai turisti di tutto il mondo che c’è una “magnifica Italia da scoprire ed amare” con tanto di immagini della “magica Italia”: Venezia, Firenze, Roma, Napoli. Il ministero del Turismo ha scelto di puntare sull’arte e la cultura per rilanciare il turismo in Italia, anche perché bellezze naturali come le spiagge dell’Isola di Lampedusa in questo momento sono ben poco magiche.

La più grande delle isole Pelagie è infatti al collasso: gli immigrati presenti sull’isola sono ormai tanti quanto gli isolani cioè circa cinquemila, non ci sono strutture per ospitarli e le condizioni igieniche e sanitarie cominciano ad essere seriamente precarie. Ma l’emergenza Lampedusa non è solo umanitaria ma anche economica perché non solo l’isola sta affrontando uno sforzo economico senza precedenti, ma vede seriamente compromessa anche l’imminente stagione turistica estiva. Quanti turisti decideranno di passare le loro vacanze estive in un mega campo profughi? Molto pochi purtroppo. E mentre l’assessore al turismo della Regione Siciliana fa un bilancio catastrofico per Lampedusa, il governo si compiace nei suoi spot e continua a procrastinare gli interventi necessari per soccorrere l’ultimo lembo d’Italia. La priorità in questo momento drammatico non è l’aumento di posti al governo per soddisfare le voglie dei “responsabili” ma il soccorso a Lampedusa. Un soccorso che non passa solo dal trasferimento di alcuni immigrati o dall’evitare di costruire una tendopoli o altro tipo di campo profughi sul territorio isolano, ma che si deve concretizzare su più vasta scala con una azione del governo italiano che miri a fermare il flusso di immigrati tunisini, e non libici come la Lega tenta di far credere. Occorre una seria analisi della situazione tunisina che comporti un intervento, anche presso le istituzioni internazionali, per aiutare questo Paese che da solo non riesce a reggersi sulle sue gambe e che conseguentemente non è in grado di fermare l’emorragia di disperati verso le nostre coste. Purtroppo nulla di tutto questo è avvenuto. Lampedusa è ancora in piena emergenza mentre Berlusconi decanta le bellezze d’Italia proprio come un certo Nerone cantava Troia mentre Roma bruciava.

“Riceviamo e pubblichiamo” di Adriano Frinchi

1 Commento

“Piccinerie” leghiste e grandi testimonianze di Unità, la lezione del 17 marzo

postato il 24 Marzo 2011

Al consiglio comunale di Como l’ennesima e inopportuna furibonda lite sul Tricolore. Il consigliere PD Vittorio Mottola, dopo aver sottolineato con un discorso l’assenza della Lega Nord a tutte le celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia e avendo precisato che il “tricolore è l’unica cosa che rimane alle famiglie dei ragazzi italiani che muoiono in guerra”, ha regalato una bandiera italiana all’assessore leghista al decoro Diego Peverelli. La scena che ne segue è degna del film “l’Esorcista” quando all’indemoniato viene gettata addosso l’acquasanta: l’assessore al decoro getta in faccia al collega del PD il Tricolore, rimproverandolo per il gesto “provocatorio e antidemocratico” e lamentando il mancato rispetto delle posizioni leghiste da parte delle altre forze politiche. L’assessore, visibilmente infervorato, viene invitato a lasciare l’aula e lui, nel farlo, apostrofa il consigliere Mottola con un sonoro “vergognati, terun de m…”.

A parte le ovvie considerazioni su questa vicenda, verrebbe da pensare: “lasciamo perdere, sono fatti isolati prodotti da persone poco intelligenti”. Questa volta credo che un’affermazione del genere sia del tutto fuori luogo. Non siamo davanti ad un fatto isolato ma all’ennesimo gesto di irriverenza, per non dire franco vilipendio, che gli esponenti della Lega Nord manifestano nei confronti dei simboli dell’Unità Nazionale, dopo l’opposizione alla Festa Nazionale del 17 Marzo passando per il comportamento dei consiglieri regionali lombardi della Lega Nord, andati al bar a prendere il caffè mentre in aula veniva suonato l’inno di Mameli. Ciò che però fa veramente arrabbiare è che questi presunti secessionisti non si pongano il problema di “Roma Ladrona” quando si tratta di ricoprire incarichi pubblici lautamente retribuiti. Forse c’è un problema di coerenza.

Oltre le piccinerie di una certa politica però bisogna fare un’ulteriore riflessione. L’Italia è unita dal 1861, ma qualcuno ha mai pensato ad unire gli Italiani? La Lega Nord non è l’unica forza politica di chiaro stampo secessionista presente in Italia: penso ai sardi dell’IRS ma anche a chi, nel Sud, inneggia al ritorno del Regno delle Due Sicilie, e potrei citarne altri. Cosa c’è dietro?

La risposta probabilmente è da cercare in un’Italia profondamente eterogenea, fatta di realtà politiche, ambientali e socio-culturali differenti. E’ sufficiente pensare al divario Nord-Sud, che esiste e non si può certo negare o spiegare in maniera semplicistica, alle minoranze linguistiche forse non abbastanza tutelate, alle peculiarità geografiche che spesso, anziché diventare ricchezza, sono fonte di difficoltà e divisione. Che alcune forze politiche facciano demagogia credo sia lapalissiano, ma l’errore di fondo, il nostro errore, è trascurare queste problematiche.

Come uscirne? Credo che se vogliamo “fare gli Italiani” dobbiamo convincerci che non siamo tutti uguali e abbiamo storie, territori ed esigenze profondamente diverse. L’Unità d’Italia si realizza solamente nel momento in cui ricchezze e problemi di ogni regione diventano patrimonio comune. Non possiamo parlare d’Italia Unita, e non posso definirci davvero italiani se non pensiamo che le bellezze di Firenze, di Roma o della Calabria siano una ricchezza di tutti , e se parimenti non crediamo davvero che la mafia, i rifiuti in Campania o le difficoltà per la ricostruzione de L’Aquila non siano un nostro problema.

Solo se inizieremo a considerare ogni angolo d’Italia come casa nostra, solo quando saremo capaci di condividere il nostro benessere ma anche i nostri problemi, solo allora potremo davvero parlare di italiani uniti oltre che di Italia unita.

“Riceviamo e pubblichiamo” di Maria Pina Cuccaru

1 Commento


Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • GIANNA SERRA: mi piace ricordare il compianto GUAZZALOCA QUANDO PARLAVA DI...
  • Raffaele Reina: Complimenti sempre. Siamo cresciuti e cresciuti bene alle...
  • Pippo Bufardeci: E’ un’analisi perfetta. Lasciare ancora senza...
  • Pippo Bufardeci: Perfettamente in linea con la giusta strategia politica che...
  • Ezio Ordigoni: Credo che il Presidente Casini abbia delle ragioni
  • Lucia: Presidente lei è un ottimo intermediario e di mediazioni ne sa...
  • luigi addesa: Non c’è niente da fare quelli della prima repubblica sono...
  • Omar Cao: Caro Presidente è ora che prenda Lei l’iniziativa. io sono...
  • Maurizio paladini: Io ci sono. Un partito di centro che guarda a sinistra....
  • Pippo Bufardeci: Caro Pierferdinando è l’impostazione che ha...
udc tour