postato il 26 Giugno 2009 | in "Politica"

Solidarietà a Cesa, non ci intimidiscono

Lorenzo Cesa ha la solidarietà senza riserve mia e di tutto l’Udc. Abbiamo ben chiari la logica e il disegno del quotidiano “Il Giornale”. Capiamo bene come si cerchi di fare di tutta l’erba un fascio, di omologare stili di vita, frequentazioni e abitudini tra loro molto diverse. Non siamo ingenui e se qualcuno pensa di intimorire l’Udc ancora una volta non ha capito nulla. Abbiamo avuto un atteggiamento rispettoso in tutte queste settimane verso le persone e le loro famiglie.
Non lo cambieremo, perché non siamo soliti trafficare nella melma e non vogliamo abituarci a una politica così sporca.

Pier Ferdinando

3 Commenti

Commenti

  1. Intanto il premier “liberale”, fondatore del partito a uomo unico chiamato Popolo delle Libertà, dice che bisogna «chiudere la bocca a tutti questi organismi internazionali che ogni giorno dicono la crisi di qua e la crisi di là e anche agli organi di stampa che tutti i giorni danno incentivi alla paura e diffondono il panico». «Gli organi di stampa – ha insistito Berlusconi – riprendono le posizioni del tanto peggio tanto meglio delle opposizioni e danno incentivi alla paura». Questa, dunque, è la linea del partito sulla libertà di stampa. Ma gli iscritti – liberali si presume – sono d’accordo?
    Infine, un episodio simpatico. In merito agli effimeri titoli del Giornale su vicende che avrebbero toccato Cesa e D’Alema e che non hanno avuto alcun seguito, il premier nobilmente e anche un po’ ipocritamente (il Giornale è roba sua, dunque lui è stato il mandante di quei titoli) ha offerto loro la sua solidarietà. Ma Cesa, ingrato, ha ribattuto: «Non accetto solidarietà da nessuno, in particolare dal presidente del Consiglio». Berlusconi: «Mi dispiace che l’onorevole Cesa non accetti la mia solidarietà. La sua risposta è offensiva e disdice sia la sua immagine, sia la considerazione che nutrivo nei suoi confronti. Spero che torni in sé e che risponda alle provocazioni con la stessa serenità e con lo stesso stile con cui reagisco io».
    Silvio, non tutti possiedono il tuo stile. E menomale.


  2. Secondo me che hanno fatto tutta questa polemica mettendo le mani avanti per le Regionali visto che l’Udc risulta al momento determinante e che sta guadagnando terreno.


  3. Napolitano chiede una tregua. Anche noi!
    «Sarebbe giusto, di qui al G8, data la delicatezza di questo grosso appuntamento internazionale avere una tregua nelle polemiche».
    «Io capisco le ragioni dell’informazione e della politica, ma il mio augurio ed il mio auspicio in questo momento sono di una tregua nelle polemiche»…
    Notevole intento, davvero. Però nell’interesse del paese, sarebbe anche auspicabile una certa reciprocità.
    Anche noi, caro Presidente, vorremmo una tregua in nome della democrazia, data la delicatezza dell’argomento, cioè che Berlusconi e la sua maggioranza smettessero un po’ questo sfascio continuo della giustizia e della libertà in Italia, presentando a ripetizione “pdl porcate” per trasformare la democrazia italiana in una democratura.
    Spero che se lo ricorderà, caro Presidente Napolitano, quando sarà chiamato a mettere la sua firma.




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour