postato il 12 Settembre 2010 | in "Interventi, Partito della Nazione, Politica"

Pier Ferdinando Casini a Chianciano


Launch in external player

“Il presidente del Consiglio si dimetta e dopo si può aprire nuova stagione politica”. E’ stato questo uno dei passaggi dell’intervista di Enrico Mentana al leader Udc Pier Ferdinando Casini, nella giornata conclusiva della festa del partito a Chianciano.
“Poiché riteniamo che i fatti ci danno ragione – ha spiegato Casini – Berlusconi ne prenda atto, passi dal delirio di autosufficienza al riconoscimento che non ha più una maggioranza e si dimetta. Il giorno dopo si apre un nuova stagione politica ma se il premier, accettando i diktat della Lega limitandosi a fare un bell’elenco di buone intenzioni, noi sulle buone leggi convergiamo, le cattive le contrastiamo, come abbiamo fatto fino a oggi. Abbiamo proposto un governo di responsabilità nazionale ma non siamo ai saldi di fine stagione, non basta che Berlusconi in Parlamento faccia un bel discorso dicendo cose generiche per dire che c’è stata la svolta. Senza dimissioni del governo la politica dell’aggiungi un posto a tavola non interessa a noi né al nuovo polo che si sta creando”. 


Casini ha poi invitato il premier ad occuparsi del Mezzogiorno: “Il presidente del Consiglio deve frequentare di più il Sud invece che Putin e Gheddafi. Il Mezzogiorno è l’Italia e non può essere lasciato al suo destino”.
E sull’emergenza criminalità ha aggiunto: “Chiedo a Maroni un piano straordinario per la lotta alla criminalità in Calabria. La lotta per la pulizia del Paese non è solo della sinistra o di Saviano ma anche nostra. Se non abbiamo la consapevolezza che questa è una battaglia nostra noi regaliamo l’Italia a chi non se lo merita, magari a Di Pietro”. 

Sulla campagna acquisti di Berlusconi, il leader dell’Udc è stato netto: “Se Berlusconi pensa che comprando Ibrahimovic vince il campionato, non è così come dimostrano i risultati. E se le provocazioni di Berlusconi mirano a farmi andare a sinistra, mi dispiace non ci cado. Noi stiamo deve stiamo, noi andiamo dritti al Centro perché siamo convinti che l’Italia deve cambiare e queste sono solo buffonate. Faccio una previsione, Berlusconi non riuscirà neanche a mettere in piedi il gruppo di responsabilità di 20 deputati”. 

Sull’eventualità di elezioni anticipate Casini ha affermato: “Se qualcuno pensa che questo cammino ci spaventi, sbaglia si grosso. Siamo pronti come non mai alle elezioni anticipate”.

15 Commenti

Commenti

  1. […] Pier Ferdinando Casini a Chianciano | Pier Ferdinando Casini,  UDC, Unione di Centro Pier Ferdinando Casini a Chianciano | Pier Ferdinando Casini,  UDC, Unione di Centro. […]


  2. Bravo Presidente!
    Non facciamoci intimorire dal solito raggiro di parole!
    Pensiamo a risolvere i problemi degli italiani, soprattutto di chi ne ha più bisogno.
    Grazie!


  3. […] Casini: “Bossi biasima noi democristiani, ma poi arraffa nelle banche e aiuta pochi allevatori disonesti”Pier Ferdinando Casini a Chianciano | Pier Ferdinando Casini,  UDC, Unione di Centro Pier Ferdinando Casini a Chianciano | Pier Ferdinando Casini,  UDC, Unione di Centro. […]


  4. Oggi a Chianciano ho visto un partito che c’è, è forte e con entusiasmo e tanti giovani, anche, mira a crescere. Il Presidente Casini ha, oggi, fatto un discorso con dei passaggi molto importanti che affermano sempre di piu’ la sua leadership, nonchè, si dimostra la persona sempre piu’ adatta a guidare questo paese. Naturalmente questo deriva anche dal lavoro del nostro segretario Cesa che, con grande competenza ed intelligenza, mantiene in piedi questo che, pian piano, sta diventando un grande partito. Oggi l’aria era questa. Siamo pronti ancora ad impegnarci e costruire, anzi a ricorstruire l’Italia.


  5. Approvo in pieno tutto il discorso. Avanti con il terzo polo! Avanti con la riforma della legge elettorale per uscire dall’attuale partitocrazia!!


  6. Sono contento e soddisfatto del suo discorso,delle sue affermazioni e dei suoi avvisi anche a chi non vuol capire,ma è palpabile sia a naso che a vista la difficoltà del governo e del centro destra stesso. Aspettiamo,per stare in rima con la formula uno:I semafori rossi sono accesi,aspettiamo il verde e poi …via verso il “vero nuovo”.


  7. MALAPOLITICA: però una soluzione ci sarebbe!

    Non vi sembra strano che ogni volta che governa Berlusconi il Vostro paese si ritrova in condizioni economiche pessime, mentre come affermano riviste di settore il patrimonio di certe famiglie italiane si accresce notevolmente? Ciò non vi fa pensare che Berlusconi sia un ottimo amministratore dei propri beni ed un pessimo amministratore per quelli pubblici? Ora cerchiamo di capire come stanno le cose. Il centro destra rappresenta le esigenze dei ricchi predatori, anche se i suoi rappresentanti dicono di no, e affondano le loro fauci nelle riserve del paese, vedi corruzione, appalti pilotati, tangenti, leggi fatte per non essere arrestati a causa delle loro malefatte e poi dicono che i magistrati li perseguitano, rendite finanziare milionarie tassate al 12,5%, condoni e soprattutto scudi fiscali al 5% e anonimi, cioè portano all’estero i capitali frutto di speculazioni, traffici illeciti di tutti i tipi, perché non ci vogliono pagare le tasse mentre la maggior parte dei lavoratori con un reddito tra i 7.500 euro e i 75.000 euro ci paga tra il 23% e il 43%, e li riportano in Italia pagandoci il 5% di tasse e non saprete mai chi sono e potranno riutilizzare i loro patrimoni lindi e nuovi di zecca in altre attività più o meno lecite. Il centro sinistra, in piccola parte a sua insaputa, ma in gran parte ne è consapevole, rappresenta sempre le esigenze dei ricchi predatori, perché dovrà convincere i lavoratori ad affrontare enormi sacrifici per riportare il paese nei parametri richiesti e di tali sacrifici non ne gioveranno in alcun modo i lavoratori e i poveretti non potranno nemmeno manifestare la loro rabbia, perché il centro sinistra – a suo dire – rappresenta i lavoratori. Con chi potranno prendersela? L’unico modo che avranno per manifestare la propria rabbia è di non andare a votare alle prossime elezioni o per dispetto dare il voto al centro destra, in ambedue i casi è come darsi una martellata su un ginocchio. In conclusione, il centro destra spolpa le casse dello stato e quando deve rientrare nei parametri europei fa cadere il proprio governo, non potendo dopo il disastro causato chiedere ai lavoratori i sacrifici necessari per rientrare nei parametri, perché i lavoratori si arrabbierebbero molto e ci sarebbe il rischio di forti scontri sociali. A questo punto lascia l’onere di farlo al centro sinistra che riuscirà a riportare il paese nei parametri richiesti. Gli uomini invisibili, (cioè quelli che comandano veramente e controllano le S.P.A. internazionali, quelli che con i loro patrimoni personali di 50 miliardi di dollari in su e con patrimoni aziendali di oltre 200 miliardi di dollari, quelli che decidono quali prezzi devono salire e quali devono scendere al mondo, quando deve esserci una crisi economica e quando deve finire, quando creare una guerra, perché non penserete che sono i politici a decidere, in particolare quelli italiani , li avete visti in faccia e li avete sentiti parlare), godono, ringraziano il centro sinistra e aspettano per poi fare nuove scorribande nell’economia del Vostro paese. Cari lavoratori vi assicuro che non siete proprio messi bene! Praticamente lavorate, pagate le tasse e soprattutto i contributi pensionistici con i quali gli enti previdenziali investono in titoli di stato, azioni e case che poi i politici vendono a se stessi ed ai loro amici imprenditori a due soldi, svuotando le casse degli enti e poi dicono che non ci sono i soldi per pagare le pensioni, e nonostante il fatto che avete versato i contributi previdenziali per quarant’anni dicono che le vostre pensioni dovranno pagarle i vostri figli. Non paghi di ciò svuotano anche le casse dello stato dando appalti milionari ad imprese create appositamente dai loro familiari, evadono le tasse, portano i capitali rubati all’estero e percepiscono la pensione che a voi vorrebbero negare e non paghi ancora vendono società pubbliche ricche, ma che hanno portato al fallimento, vedi Alitalia, Ferrovie dello Stato e Tirrenia, sempre a due soldi ai loro amici imprenditori, e ancora non paghi di tutto ciò danno in concessione a due soldi sempre ai loro amici la maggior parte delle spiagge italiane dove voi per andarci dovete pagare un bel pò di soldi ed ora si apprestano a regalargli anche l’acqua. Dal loro punto di vista questa è una cuccagna, per voi è un dramma! Chi mai potrà salvarvi da questo meccanismo infernale? Però una soluzione ci sarebbe ed è questa. Quando faranno i loro prossimi comizi politici e vi chiederanno il voto a loro favore, dicendovi io farò questo e questo e poi questo ancora per il paese non applauditeli, non fate grida di approvazione, guardateli seriamente ed ditegli tutti insieme “controlleremo che tu lo faccia e se non lo farai te ne faremo pagare le conseguenze e non avrai diritto a nessuna immunità” ed esigete che tutto sia trasparente e pubblicato, perché gli appalti italiani costano il triplo di quelli tedeschi o francesi o di altri paesi euro, gli stipendi dei politici italiani costano il triplo di quelli tedeschi o francesi o di altri paesi euro ed allora se i vostri patriottici imprenditori possono andare a produrre all’estero per abbassare i costi della manodopera potete fare la stessa cosa anche voi con loro, o no? Potete anche voi prendere imprenditori esteri per i lavori pubblici. Non affermano sempre che il popolo è sovrano ed a lui spetta decidere? Se fosse possibile sarebbe bello prendere anche politici esteri purtroppo non lo è. Non posso nemmeno augurarvi in bocca al lupo perché già ci siete. Non sono ancora riuscito a capire perché utilizzate questa espressione per augurare buona fortuna, certo un po’ strani voi umani lo siete.


  8. ho ascoltato l’intervento dell’on.Romano e mi è sembrato, se pur con qualche critica, che condividesse il progetto ambizioso che stai portando avanti. Leggendo poi le interviste rilasciate al Corriere della Sera dall’on Romano e dall’on Mannino a Repubblica sono precipitato nello sconforto pù profondo. Sono tornato da Chianciano con la gioia di poter raccontare agli amici ciò che le televisioni non hanno fatto vedere:la gran massa di gente comune che da tutta Italia è venuta a Chianciano(a proprie spese si badi bene).Io credo che ciò non deve farci desistere da quel progetto ambizioso che abbiamo immaginato per riportare l’Italia alla attenzione del mondo come ai tempi d Alcide De Gasperi. Vai avanti, Presidente, io sono con te come tutti quelli che ho visto acclamarti a Chianciano.


  9. Vorrei esprimere alcune considerazioni riguardo la situazione interna al nostro partito e alle ultime dichiarazioni dell’On. Mannino.
    Certamente l’U.D.C. è forza responsabile che svolge la sua azione nell’interesse del Paese. Va inoltre detto, alla luce dei numerosi interventi dei maggiori leader nazionali delle varie forze politiche, che emerge a mio avviso ancor di più una emergenza governo. Il Presidente del Consiglio in quella pittoresca manifestazione organizzata dal Ministro Meloni ha ostentato sicurezza, rivendicando la solidità della maggioranza ed il “Buon Governo” dell’esecutivo da lui guidato. Devo dire che fare una manifestazione del genere senza contraddittorio appare sin troppo facile…
    Allora vengono spontanee alcune domande:
    perchè Berlusconi ha bisogno di quel tipo di platea e sino ad ora è sempre fuggito dal confronto con l’opposizione nel luogo deputato per il confronto, cioè il Parlamento?
    Come mai, visto che secondo lui l’azione del governo è stata ineccepibile a domande sul lavoro giovanile, egli stesso ha candidamente risposto “cari giovani andate a lavorare all’estero”. Affermazione di una gravità inaudita me che certifica, se mai ce ne fosse bisogno, il fallimento delle politiche giovanili e del lavoro del suo Governo ?
    Per quale motivo, se l’azione del Governo in questi due anni è stata così efficace e positiva Berlusconi non affronta a viso aperto il prossimo discorso alla Camera di fine mese senza andare in questa fase a tentare di cooptare tra i ranghi della maggioranza numerosi parlamentari dell’opposizione ?
    Perchè il Presidente del consiglio non si è degnato di rispondere alle questioni programmatiche poste da Fini ?
    E’ vero che l’U.D.C. fa parte di una area di responsabilità ma non certo fa parte di una area che in decenni passati veniva definita di “Soccorso Rosso”…
    Auspico che il dibattito interno all’U.D.C. sia vivace ma tenga conto anche della volontà degli elettori e soprattutto ci sia rispetto per il mandato avuto dopo la combattuta battaglia delle Politiche 2008: OPPOSIZIONE AL GOVERNO BERLUSCONI


  10. Io oserei, vorrei essere scomodo ……. dopo tutte le offese ricevute dalla LEGA (e dal Pdl)occorreva un’alzata di scudi e forse sarebbe stato necessario uscire da tutte le amministrazioni che ci vedono alleati con LEGA e PDL …. sarebbe stato un atto di chiarezza e dimostrazione che sono le idee ed i valori che contano non le poltrone e la spartizione del potere.
    NUOVO PARTITO
    BARRA AL CENTRO
    NESSUN COMPROMESSO
    ALTERNATIVI A LEGA IDV PDL PD
    in poche parol III° polo non deludiamo chi ci ha votato PRESIDENTE CASINI.

    La gente sta aspettando e vedendo se veramente siamo il “nuovo” ….

    Grazie

    Giampaolo Cerri
    Lomello Pv


  11. L’onorevole Casini ha concluso in questo modo:
    “Sulla campagna acquisti di Berlusconi, il leader dell’Udc è stato netto: “Se Berlusconi pensa che comprando Ibrahimovic vince il campionato, non è così come dimostrano i risultati. E se le provocazioni di Berlusconi mirano a farmi andare a sinistra, mi dispiace non ci cado. Noi stiamo deve stiamo, noi andiamo dritti al Centro perché siamo convinti che l’Italia deve cambiare e queste sono solo buffonate. Faccio una previsione, Berlusconi non riuscirà neanche a mettere in piedi il gruppo di responsabilità di 20 deputati”.
    Ha dimenticato, però, un fatto molto importante: che,Berlusconi ha una sola e unica specializzazione:
    è specializzato nel ” mercato delle vacche”, e….. le vacche contano! e, contano tanto!!!


  12. Da Chianciano si riparta per ridare un futuro all’Italia!!!


  13. Flop sicurezza: quartieri senza poliziotti e ronde!

    Li avevano vestiti e attrezzati, quei tanto voluti Poliziotti di Quartiere, pronti con i loro cappelli rigidi, le divise, i palmari e gli scooter per dare la caccia ai cattivi. Peccato, però, che pochi li abbiano visti. Era il dicembre del 2002 quando l’allora ministro dell’Interno Peppino Pisanu propose, su idea geniale di Berlusconi, questa figura di poliziotto più vicino ai cittadini che avrebbe dovuto «combattere il crimine», e oggi, a otto anni dalla proposta è scomparso dalle nostre strade. Il progetto prevedeva di destinare all’iniziativa quasi 6 mila uomini tra poliziotti e carabinieri. Secondo un’indagine della Corte dei Conti ne sono entrati in servizio nemmeno 3900. In totale sono stati investiti quasi 500 milioni di euro. Un flop all’italiana: gli uomini sono stati presi e destinati ad altre mansioni, possibilmente dietro una scrivania! Ma niente paura. I poliziotti di quartiere si sono persi per strada? Ci pensa la Lega Nord che nel 2009 ha proposto le Ronde di Quartiere, dei volontari, quasi supereroi del rione, con l’incarico di difendere il territorio e fare le veci di polizia e carabinieri, promossi e legalizzati dal ministro dell’Interno Bobbo Maroni. Anche stavolta… li avevano vestiti e attrezzati… mascherati! Un altro fiasco clamoroso! Nessun iscritto a Milano. Nemmeno a Torino, Roma e Verona. E così in tutta Italia. I registri per iscriversi alle ronde restano bianchi. E la stessa cosa si ripete a Bologna, Treviso e Padova. Da nord a sud le ronde sono un fallimento. Insomma tanto rumore per nulla! No tripe for cats! Nemmeno la Lega è più quella di una volta. S’è ammorbidita all’ombra del Cupolone e “il ce l’ho duro” di bossiana memoria e roba d’altri tempi! Infatti, mentre la Lega si schiera in favore della legge bavaglio criminalizzando le intercettazioni che disturbano cosche e farabutti di Stato, ecco che a Treviso esulta per aver piazzato ottanta nuovi occhi elettronici per controllare il territorio. Di cui non si fida. Valla a capire. Si tratta di un progetto di videosorveglianza estesa a 27 comuni della Marca trevigiana. Per questo, hanno speso oltre cinque milioni di euro, il prezzo della diffidenza. Il costo della conversione della cultura delle ronde e dell’olio di ricino a quella, più tecno, dell’occhio elettronico. Fanno i fighetti con i soldi di Roma Ladrona e qualcuno ancora li vota.


  14. Leggo ,con grande stupore nelle ultime della stampa,il passaggio di diversi deputati UDC siciliani,al gruppo di responsabiltà(si fa per dire) del deputato Nucara.La cosa mi rattrista ed addolora, profondamente,come iscritto e memore di una storia democristiana che non conobbe simili vergogne.Ad ognuno libertà di scelta certamente anche se il nostro cammino dignitoso ci dovrebbe far riflettere tutti sulle scelte da prendere.Se costoro ritengono che così facendo possano ottenere qualcosa in più per la Sicilia,sbagliano in modo stellare,anche perché chi governa non é Berlusconi,ma Bossi ed il suo entourage che dei siciliani non gliene può fregar di meno.


  15. nello, allora leggi meglio… tutti i deputati menzionati dai quotidiani hanno smentito di essere passati con nucara….

    ragà… ma ancora credete a tutto quel che leggete???
    Se domani leggete sui giornali che gli asini volano, voi ci credete senza pensarci, o vi viene qualche dubbio???




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • GIANNA SERRA: mi piace ricordare il compianto GUAZZALOCA QUANDO PARLAVA DI...
  • Raffaele Reina: Complimenti sempre. Siamo cresciuti e cresciuti bene alle...
  • Pippo Bufardeci: E’ un’analisi perfetta. Lasciare ancora senza...
  • Pippo Bufardeci: Perfettamente in linea con la giusta strategia politica che...
  • Ezio Ordigoni: Credo che il Presidente Casini abbia delle ragioni
  • Lucia: Presidente lei è un ottimo intermediario e di mediazioni ne sa...
  • luigi addesa: Non c’è niente da fare quelli della prima repubblica sono...
  • Omar Cao: Caro Presidente è ora che prenda Lei l’iniziativa. io sono...
  • Maurizio paladini: Io ci sono. Un partito di centro che guarda a sinistra....
  • Pippo Bufardeci: Caro Pierferdinando è l’impostazione che ha...
udc tour