Tutti i post della categoria: Europa

Ripensare l’Ue con l’eredità ideale di De Gasperi

postato il 18 Agosto 2015

degasperi

Capita spesso, di fronte a difficoltà legate all’attualità, di domandarsi come si sarebbero comportate le grandi personalità della storia. Una domanda senza senso, perché se è vero che il destino degli statisti è che in nome loro si continui ad agire, ogni stagione ha peculiarità e protagonisti propri, e non è corretto interpretare abusivamente le intenzioni di chi ci ha preceduto.
Ma l’anniversario della scomparsa di Alcide De Gasperi nella giornata di domani ci offre l’opportunità di riflettere su quanto del suo spirito europeista sia rimasto e quanti e quali passi, avanti o indietro, siano stati compiuti.
Egli era un uomo che viveva di ideali, non di pregiudizi ideologici; il suo sentirsi europeo si basava su esperienze vissute personalmente a cavallo tra Austria e Italia e su un convincimento profondo: l’importanza per popoli e nazioni divisi da nazionalismi, guerre e dittature di riscoprire ciò che li unisce in un destino comune.
Nello spirito dei padri fondatori, non solo di De Gasperi, ma anche di Adenauer e di Schuman, l’Europa si sarebbe dovuta configurare come una federazione di Stati, un’entità forte in grado di competere, politicamente ed economicamente, sullo scenario internazionale.
Furono questi gli anni in cui sorsero il Consiglio d’Europa e soprattutto la CECA, pietra angolare per la costruzione del futuro edificio europeo. Ma fu anche il periodo di preparazione della Comunità europea di difesa (CED): nelle intenzioni dello statista trentino questa autorità politica sovranazionale avrebbe dovuto costituire il nucleo centrale intorno al quale sarebbero successivamente sorti altri legami federali. L’obiettivo era garantire e mantenere la democrazia nel continente, impedendo di fatto ogni possibilità di conflitto. In un’Europa di muri crollati e totalitarismi demoliti, tutto questo appare logico e inevitabile; allora, a qualche anno dalla conclusione del conflitto mondiale, era un’ intuizione rivoluzionaria.
E a ben vedere non si tratta dell’unica. Già nei primi anni ’50, quando ancora non erano state poste le basi della Cee, De Gasperi tratteggiava le prospettive della futura Unione; come la moneta unica e l’unione doganale e commerciale.
Ma il punto di partenza indispensabile avrebbe dovuto essere la realizzazione di una istituzione sovranazionale, con base costituzionale. Una cooperazione economica senza fondamenta politiche avrebbe condotto a debolezze e a contraddizioni.
[Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Ripensare l’Ue con l’eredità ideale di De Gasperi

Referendum in Grecia: Il “sì” un argine alla demagogia

postato il 4 Luglio 2015

L’Ue sia solidale
messagg
«Quando si vota è sempre un fatto di democrazia e poi il popolo greco è maggiorenne e non ha bisogno dei nostri consigli. Tuttavia ritengo segno dei tempi che una politica senza coraggio decida di scaricare l’onere della decisione sulla gente che non conosce le trattative europee e i dettagli del debito. Il referendum è stato un atto di disperazione ma soprattutto di disperazione di chi l’ha voluto: il governo Tsipras».
«I primi responsabili sono quei governanti greci che hanno falsificato i conti. Ma non sono da meno le autorità Ue che hanno fatto finta di non vedere. Una fortissima responsabilità ce l’ha la demagogia di un governo che ha fatto promesse impossibili. E poi l’Europa ha prodotto cure da cavallo che hanno tarpato le ali all’economia. Da questa politica bisogna uscire come chiesto nel semestre italiano di guida dell’Ue».

«C’è un proverbio che dice: «Chi ha più intelligenza l’adoperi». Anche se vincesse il “no” la Grecia deve restare in Ue. Per ragioni geopolitiche: Atene è Europa e il Mediterraneo ribolle di problemi. Il rischio dracma sarebbe fortissimo: la Grecia ne pagherebbe le conseguenze perché ha poco da esportare mentre il suo debito resterebbe in euro. Come sempre i più poveri pagherebbero per tutti».
«L’Italia non ha alcun interesse a tornare ad un clima di stagnazione economica generale in Europa né ad un aumento degli interessi sul debito pubblico determinato da una risalita dello spread. Ma è chiaro che l’Europa del futuro non può essere iniqua: i greci non possono andare a riposo a 57 anni mentre gli altri europei prendono la pensione oltre i 65 anni».
«E’ fondamentale un’Europa che parli il linguaggio della solidarietà ma i singoli Paesi europei sono chiamati a dotarsi di classi dirigenti che rifuggano dalla demagogia. Spero che gli italiani capiscano che la convergenza con Tsipras dei Grillo, dei Salvini, dei Fassina è il segno di un populismo che promette l’irrealizzabile e porta solo catastrofe soprattutto per i ceti più deboli».

Commenti disabilitati su Referendum in Grecia: Il “sì” un argine alla demagogia

Albania: I governi cambiano, amicizia con Italia no

postato il 20 Ottobre 2014

“E’ un minimo comune denominatore della politica estera italiana: i governi passano ma l’amicizia con Tirana rimane”. Con Romano Prodi ed il premier albanese Edi Rama al convegno “Albania-Italia, una partnership per l’Europa”. Una due giorni organizzata dall’ambasciata d’Italia, nell’ambito della presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea, per riflettere sul futuro dell’Albania e sulle sue prospettive di adesione all’Ue.

RamaL’Italia sara’ sempre l’avvocato dell’Albania in seno all’Unione europea. Non e’ un caso che il tema dell’allargamento dell’Unione europea all’intera area dei Balcani, ed ovviamente all’Albania, e’ uno degli obiettivi del programma del semestre di Presidenza italiano: e’ uno strumento indispensabile per rafforzare la stabilita’ e la crescita non solo di quell’area geografica ma dell’intera Europa. L’allargamento dei Balcani serve anche a riportare verso il Mediterraneo il baricentro dell’Unione, che per troppi anni e’ stato troppo a nord.
L’Europa ha bisogno di paesi come l’Albania, non meno di quanto un paese come l’Albania ha bisogno dell’Europa. Ne ha bisogno per tanti aspetti, primo tra tutti la stabilizzazione dell’area, ma anche come arricchimento culturale.
L’ingresso nell’Unione di un paese a maggioranza musulmana, come l’Albania, significa dimostrare una volta di piu’ l’assurdita’ di chi sostiene che quello in atto sia uno scontro di civilta’ e non, invece, uno scontro tra la civilta’, che e’ cristiana e musulmana allo stesso modo, e l’incivilta’ degli estremisti e dei terroristi, di qualsiasi religione siano. E l’Albania e’ un modello di convivenza di diverse religioni e diverse sensibilita’, come ha riconosciuto Papa Francesco nella sua recente visita a Tirana.

Commenti disabilitati su Albania: I governi cambiano, amicizia con Italia no

Ospite di Punto Europa

postato il 4 Ottobre 2014

Futuro dell’Ue, crisi in Ucraina, Isis e Libia al centro dell’intervista di Giuseppe Ardica
clicca per il video
[Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Ospite di Punto Europa

Gli italiani hanno fatto sacrifici, ora cambiare politica UE

postato il 4 Luglio 2014

La Germania non può fare solo i propri interessi

Pier Ferdinando CasiniPer anni abbiamo fatto i compiti a casa, imponendo sacrifici agli italiani. E’ arrivato il momento di dire basta alla politica economica e monetaria della Germania che in tutta Europa fa solo i suoi interessi. Noi non solo non approviamo questa linea politica, così come è stata annunciata da Manfred Weber al Parlamento Europeo, ma si corre il rischio di aprire un serio problema all’interno del Ppe che apprezza la Merkel che è il maggior leader del Ppe, ma non può fare, da sola, la politica del Ppe.

Pier Ferdinando

Commenti disabilitati su Gli italiani hanno fatto sacrifici, ora cambiare politica UE

Semestre Ue: Bisogna cambiare radicalmente la politica europea

postato il 24 Giugno 2014

Frontex deve essere una priorità

Signor Presidente del Consiglio, se posso sintetizzare, direi che lei ha chiesto due mandati: uno l’ha avuto il 25 maggio ed è giusto che lei lo abbia ricordato, perché fa parte della modalità con cui ci presenteremo in Europa; l’altro l’ha chiesto questa mattina alla Camera dei deputati e adesso al Senato.
Noi le diamo il mandato per fare una politica diversa, non per andare – come lei ha detto – con il cappello in mano in Europa. Nessuno, infatti, vuole andare con alcun cappello; non perché noi vogliamo scaricare le nostre inadeguatezze sull’Europa o magari trincerarci dietro i facili alibi europei, ma perché pensiamo che l’Europa non si difenda più con l’euroretorica, con l’evocazione dei grandi Padri fondatori del passato, con la nostalgia di quello che siamo riusciti a realizzare, una grande area di pace, libertà e democrazia. L’Europa si difende cambiando profondamente la politica europea.

Oggi siamo ad un bivio. Fino ad ora si è pensato illusoriamente di difendere l’Europa con l’euroretorica: oggi questo discorso non attacca più. Oggi l’Europa si difende dicendo che la politica europea va cambiata, che la stabilità è un valore e che la crescita vale quanto la stabilità. Forse sarebbe anche il caso di guardare agli Stati Uniti d’America che, con una politica espansiva attraverso la quale hanno prodotti investimenti per la ricerca, lo sviluppo, la tecnologia e l’ambiente, sono riusciti a rimettere in moto l’economia del Paese. [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Semestre Ue: Bisogna cambiare radicalmente la politica europea

Serve un’Europa diversa. Il premier ponga il problema

postato il 31 Marzo 2014

L’intervento di Pier Ferdinando Casini pubblicato su ‘la Stampa’

Casini Pier FerdinandoCaro Direttore,
è in corso un dibattito molto serio, anche su La Stampa, sui rischi che le prossime elezioni europee segnino una grande vittoria delle coalizioni e dei partiti populisti ed antieuropei che sembrano godere non solo nel nostro Paese delle «migliori condizioni di salute». Dalle prime elezioni dirette del Parlamento europeo, nel 1979, è risultato chiaro che queste competizioni favoriscono i partiti antisistema, o comunque collocati alle estremità dello spettro politico. Lo stesso elettore che alle elezioni politiche nazionali privilegia un «voto utile» per un partito che ha concrete possibilità di partecipare alla formazione del governo, alle elezioni europee, in assenza del vincolo della governabilità, compie una scelta diversa, magari anche solo per segnalare insoddisfazione nei confronti del proprio governo.

Se questa tendenza è insita nel gioco elettorale europeo, alle elezioni di fine maggio, nonostante l’aumento dei poteri del Parlamento europeo, nonostante l’inedita indicazione da parte delle principali famiglie politiche di un proprio candidato a Presidente della Commissione, rischia di andare ben oltre il livello di guardia.

In realtà la questione europea è diventata un banco di prova permanente, su cui emergono divisioni trasversali tra i partiti e al loro interno. Da una comune accettazione, spesso acritica, dell’Europa come denominatore comune di popoli e Paesi, fattore di pace e di progresso, si è oggi scivolati ad una visione dell’Europa come mostro burocratico e parassitario, prima responsabile di un disagio sociale generalizzato e di uno scontro intergenerazionale. [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Serve un’Europa diversa. Il premier ponga il problema

Daul assuma vicepresid​enza IDC

postato il 12 Novembre 2013

Sarà prestigioso successore di Martens
Pier Ferdinando CasiniEsprimo le più vive congratulazioni a Joseph Daul, neo presidente del Partito Popolare Europeo. Sono certo che continuerà ad assicurare la sua alta e prestigiosa collaborazione all’Internazionale democratico cristiana di cui lo invito ad assumere la vicepresidenza, sostituendo così il nostro Wilfried Martens che ha cooperato sempre, durante la sua vita politica, per rafforzare nel mondo l’impegno contro il populismo per la libertà e la pace.

Pier Ferdinando

Commenti disabilitati su Daul assuma vicepresid​enza IDC

L’Europa cambi musica, occorre farsi carico dei milioni di disoccupati

postato il 20 Giugno 2013

casinippeL’Europa deve cambiare musica, perché se continua così sorgeranno in ogni paese movimenti anti europei e populismi che travolgeranno le forze politiche tradizionali. Il Ppe deve farsi carico non solo dell’applicazione ragioneristica delle politiche di rigore, ma dei milioni di giovani disoccupati e della disperazione delle loro famiglie.
Ora bisogna puntare su sviluppo e crescita conquistando in Europa la possibilità di scorporare dal Patto di stabilità gli investimenti strategici ed indispensabili per il rilancio della nostra economia. L’Italia ha fatto il suo dovere col governo Monti, che abbiamo sostenuto con forza, e a cui oggi è giusto riconoscere i meriti che ha avuto. Letta continua la strada intrapresa, ma punta giustamente su una seconda fase del risanamento nazionale.E’ bene sfatare gli equivoci: Berlusconi e il Pd sul tema europeo sono molto più vicini di quanto possa apparire. Tutti noi chiediamo che l’Europa cambi il messaggio che dovremo trasmettere agli elettori.

Pier Ferdinando

*foto dal vertice del PPE tenutosi oggi a Vienna.

Commenti disabilitati su L’Europa cambi musica, occorre farsi carico dei milioni di disoccupati

Serve piano straordinario per lavoro e giovani, avanti verso Stati uniti d’Europa

postato il 15 Giugno 2013

Ospite di “Punto Europa”

Commenti disabilitati su Serve piano straordinario per lavoro e giovani, avanti verso Stati uniti d’Europa


Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour