Archivio per marzo 2017

Venezuela: tolta immunità parlamentare? Comunità internazionale non resti insensibile

postato il 28 marzo 2017

La notizia che il Tribunale Supremo di Giustizia ha tolto l’immunità parlamentare ai deputati venezuelani è la dimostrazione che il Paese si sta avviando verso una dittatura e lo stato di diritto è ormai un pallido ricordo. Mi auguro che la comunità internazionale non rimanga insensibile al grido di allarme delle forze democratiche.

1 Commento

Lunedì 27/3 convegno su immigrazione a Cividale del Friuli

postato il 22 marzo 2017

Il convegno è organizzato da Confartigianato-Imprese Udine, in collaborazione con il Comitato di Udine della Croce Rossa Italiana e con il patrocinio del Comune di Cividale del Friuli.

Appuntamento lunedì 27 marzo 2017 alle 18.00 a Cividale del Friuli a Palazzo de Nordis (Piazza Duomo, 5).

PROGRAMMA

Saluti introduttivi
Stefano Balloch – Sindaco di Cividale del Friuli
Giusto Maurig – Presidente zonale del Friuli Orientale di Confartigianato-Imprese Udine
Sergio Meinero – Presidente del Comitato di Udine della Croce Rossa Italiana

Interventi
Flavio Ronzi – Segretario Generale della Croce Rossa Italiana
Pier Ferdinando Casini – Presidente della Commissione Esteri del Senato della Repubblica
Rokhaya Ba Toure – Console Generale del Senegal a Milano
Amadou Kane – Autore del libro “Il sogno fasullo”
Fabrizio Anzolini – Protection Officer CRI Udine e collaboratore de L’Espresso

Conclusioni
Graziano Tilatti – Presidente di Confartigianato-Imprese Udine
Vittorio Zappalorto – Prefetto della Provincia di Udine

Modera
Omar Monestier – Direttore del Messaggero Veneto

 

Commenti disabilitati su Lunedì 27/3 convegno su immigrazione a Cividale del Friuli

«Unire le forze moderate, primarie per il leader»

postato il 22 marzo 2017

Berlusconi non ceda alla propaganda di Salvini

L’intervista di Paolo Mainiero pubblicata sul Mattino

Costruire un centro moderato che raccolga le forze che aderiscono al Ppe. È la proposta di Pier Ferdinando Casini, fondatore di Centristi per l’Europa, per sfidare il populismo di M5s e Lega.

I sondaggi danno il M5s m crescita: primo partito, al 32 per cento.
«Scopriamo l’ acqua calda. Siamo succubi culturalmente e psicologicamente dei grillini. Mi limito a due esempi: l’Europa e la politica».

Cavalcare l’ antieuropeismo porta voti?
«Siamo vittime di una incapacità a spiegare che l’Europa, pur con tutti i problemi, è una storia di successi e che procedere in ordine sparso significa condannarsi all’ irrilevanza. Negli anni ’50 l’Europa produceva circa il 50 per cento del Pil mondiale, oggi è al 20; l’Europa copriva la gran parte della popolazione mondiale, oggi è appena 1’8 per cento. Serve più Europa, non meno Europa e invece siamo sballottati di qua e di là dalla propaganda sul nulla di Grillo e Salvini. Dobbiamo uscire da una logica di complesso di inferiorità come se gli europeisti dovessero farsi perdonare qualcosa».

Il voto olandese dice che il populismo può essere battuto?
«In tutto il mondo vincono i partiti di opposizione. Ma come dimostra l’Olanda e, spero accadrà in Francia, arriva il momento in cui la gente si accorge che la propaganda non risolve i problemi. I populisti agitano i problemi per ingrossare il consenso ma raramente li risolvono».

Il secondo esempio, la politica. Dove nasce la sudditanza culturale e psicologica a Grillo e più in generale ai populisti?
«Il mio amico Renzi per sorreggere la campagna referendaria ci ha spiegato che per abbattere i costi della politica andava soppresso il Senato. Io ho votato sì, tuttavia non mi è sembrata una scelta saggia inseguire i grillini sul terreno dell’antipolitica. Così come c’è una classe politica che rincorre i cinque stelle nella battaglia per l’abolizione dei vitalizi, che sono già stati aboliti. Tra una copia e un originale, gli italiani sceglieranno sempre l’originale». [Continua a leggere]

1 Commento

“Delirio Pd, senza di noi regala l’Italia ai populisti”

postato il 14 marzo 2017

L’intervista di Gianluca Luzi pubblicata su Repubblica

«Il delirio di autosufficienza della sinistra in Italia ha già prodotto abbastanza danni. Se nei pressi del Pd c’è nostalgia di questi disastri, affari loro». Il giorno dopo il Lingotto, la vocazione maggioritaria dei democratici, la chiusura al centro pretesa da molti, forse anche quel richiamo a Gramsci e il ritorno della parola “compagni” non hanno avuto un bell’effetto su Pier Ferdinando Casini, promotore dei Centristi per l’Europa, che invita a riflettere i suoi alleati di governo.

Senatore Casini vi sentite scaricati?
«Noi non andiamo con il piattino in mano per elemosinare una alleanza. Anche perché è tutto da dimostrare che in questo momento convenga allearsi con la sinistra, in termini di voti. Da soli forse sarebbe più vantaggioso».

Il Lingotto non le è piaciuto per niente, vero ?
«Sono rimasto molto sorpreso perché a parte Franceschini e Renzi, c’è stata una gara a chi diceva: mai con i moderati».

Soprattutto ce l’avevano con Verdini.
«Ma questa è una interpretazione caricaturale. Come se fosse stato solo Verdini a tenere in piedi il governo Renzi. Io non sono stato eletto con la destra, ma riconosco che se non fosse stato anche per Alfano e per Lupi il governo sarebbe caduto e la legislatura si sarebbe chiusa molto tempo fa».

Quindi ci vorrebbe almeno un po’ di gratitudine.
«Non c’entra la gratitudine. Il discorso è più serio e riguarda l’analisi della società italiana». [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su “Delirio Pd, senza di noi regala l’Italia ai populisti”

Moderati si uniscano, primarie aperte per scelta leader

postato il 13 marzo 2017

L’intervento alla manifestazione organizzata a Le Stelline di Milano: le forze che aderiscono al Ppe scelgano un minimo comune denominatore

Davanti ai grillini e ai Salvini che imperversano in questo Paese i moderati devono smetterla con le divisioni del passato e devono mettersi insieme cercando di scegliere il leader con il metodo democratico delle primarie. Dovranno essere primarie aperte a chi ci vuole stare, evitando le divisioni del passato e accuse ridicole come quella di avere appoggiato Renzi. Le forze che aderiscono al Ppe scelgano un minimo comune denominatore. Basta recriminazioni, certamente Ncd fa parte di quest’area, Forza Italia dipende da loro, se vuole fare una lista antieuropea ne prenderemo atto.

Commenti disabilitati su Moderati si uniscano, primarie aperte per scelta leader

Centristi per l’Europa: Sabato 11/3 Assemblea a Milano

postato il 7 marzo 2017

Commenti disabilitati su Centristi per l’Europa: Sabato 11/3 Assemblea a Milano

Tutti i moderati insieme, ultima chiamata per salvare il Paese dai populisti

postato il 6 marzo 2017

L’intervista ai microfoni del Tg2 sul futuro dei moderati

Commenti disabilitati su Tutti i moderati insieme, ultima chiamata per salvare il Paese dai populisti

Moderati, su la testa blocchiamo i populisti

postato il 5 marzo 2017

Da Berlusconi ad Alfano, da Calenda a Parisi, insieme si può fare la differenza

L’intervista di Marco Ventura pubblicata su Il Messaggero

Se non ora quando? Moderati di tutta Italia, rialzatevi e unitevi. Pier Ferdinando Casini vede un ruolo per una grande area di centro che andrebbe da Berlusconi a Alfano, dai Centristi per l’Europa di D’Alia e Galletti a Parisi e Calenda. Il presidente della Commissione Esteri del Senato vede un compito («Opporsi alle derive populiste e giustizialiste di Grillo e della Lega») e una pluralità di leader tra i quali scegliere attraverso le primarie. «Il Paese dev’essere salvato da una deriva demagogica che un giorno vagheggia l’uscita dall’euro e il giorno dopo ripropone il cappio di memoria leghista di un giustizialismo che è il contrario della moralità pubblica».

I moderati non sono troppo divisi tra loro?
«Siamo all’ultima chiamata. I moderati devono sotterrare furberie, piccole convenienze e tatticismi a cui sono stati ancorati negli ultimi anni. Hanno l’occasione irripetibile di poter essere quelli che salvano il Paese dalla doppia sfida di Grillo e dei leghisti, tenendo conto anche della crisi profonda del Partito democratico che propone agli italiani un dibattito surreale, quasi intimistico».
Il progetto qual è?
«Tutti i moderati si devono mettere assieme. Chi ha più responsabilità ha più oneri, a partire da Berlusconi che mi auguro segua la strada indicata dal Partito popolare europeo e non si rinchiuda nel fortilizio di un accordo coi cosiddetti sovranisti che sostengono l’opposto del Ppe e non hanno votato Tajani alla presidenza del Parlamento europeo, scoprendo ogni giorno un giustizialismo pentastellato». [Continua a leggere]

5 Commenti


Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

udc tour