postato il 21 Agosto 2009 | in "Immigrazione"

Eccitati dalla demagogia perdiamo il senso di umanità

Nessuna legge può chiuderci gli occhi davanti alla miseria e alla disperazione di chi sfida la morte per sfuggire agli orrori della guerra. Il governo chiarisca in Parlamento le modalità del ritrovamento dei cinque eritrei al largo di Lampedusa. In questo nostro Paese, eccitati dalla demagogia, stiamo perdendo il senso di umanità che ha sempre contraddistinto gli italiani. Si impone un esame di coscienza ed anche, se possibile, meno propaganda. Basti pensare alle promesse libiche, che sembrano svanite in poche settimane.

Pier Ferdinando

7 Commenti

Commenti


  1. D’accordo con Lei presidente : dobbiamo “restaurare” il senso di umanità e lo spirito di accoglienza con cui noi italiani ci siamo sempre contraddistinti. Il nostro Premier ci sta ridicolizzando e, come in questo caso, ci fa facendo passare per indifferenti a situazioni così estreme davanti a tutto il mondo. Davvero non riesco a capire come, umanamente parlando, si riesca a respingere dall’Italia gente martoriata dalla stanchezza e dalla fame che affronta un lungo viaggio a costi così elevati per cercar fortuna e lavoro in italia e per sfuggire alla guerra che nei loro Paesi d’origine non da’ tregua.
    Ahimè mi vergogno di essere rappresentata in questo modo dal Signor Berlusconi.
    Mi auguro di cuore che noi dell’UDC riusciamo ad affermarci non per ottenere più seggi in Parlamento e un guadagno prosperoso, ma per diffondere ed affermare i veri valori che non sono in vendita e che stanno perdendosi in un modo di governare monarchico e in una politica fatta di leggi tendenti al razzismo.


  2. Regaleremo a Gheddafi miliardi su miliardi di euro, in cambio lui ci vorrà tenere sotto ricatto, facendo partire navi di disperati.
    Riguardo ai poveri eritrei arrivati ieri, vi invito ad informarvi su cosa succede in Eritrea, questi sono rifugiati politici…il mondo é molto più grande della Padania!


  3. Presidente molte cose che accadono quotidianamente a Lampedusa non vengono nemmeno riportate dai giornali, così come le difficoltà d’intervento che le organizzazioni non governative incontrano come se per essere solidali o semplicemente uomini occorra che qualcuno ti dia il permesso. Bene maggiori controlli e riservatezza ma ho l’impressione che questo voglia dire altro o ancora meglio non dire, così come non mi spiego come mai soltanto adesso siano ripresi gli sbarchi o almeno per i mass media! E’ noto che proprio nel periodo estivo sono migliaia gli immigrati che giungono sulle nostre coste. Credo che i deputati dell’Udc debbano recarsi presso il cpt di Lampedusa e constatare loro stessi chi viola i principali diritti umani e civili.


  4. Carissimo Presidente, “pietà l’è morta”, direbbe il poeta… Credo che dobbiamo veramente fare una riflessione su dove sta andando questo Paese che amiamo, tutti insieme. Non si tratta di essere buonisti o meno, cattolici o meno, qui si tratta di UMANITA’, e l’umanità non ha, o non dovrebbe avere, colore politico. Una considerazione prettamente politica, se mi è concesso: riflettiamo bene con chi andare alle Regionali, che sono un test di portata notevole; con certi individui che negano ogni giorno quei Valori che cerchiamo umilmente, dall’opposizione, senza prebende, da “liberi e forti” quali siamo, di portare avantii, NON POSSIAMO STARE.


  5. C’è bisogno di maggior buon senso e meno annunci demagogici. Siamo in una situazione paradossale, dove una certa forza politica, la Lega Nord, sta disegnando le linee del governo. Inarrestabile, sul vento Nordista e razzista continua imperterrita a sorprenderci con proposte ed azioni fuori dal normale. Dobbiamo dire basta a questa superficialità, a questa azione politica, dove ogni colpa in materia di immigrazione viene attribuita all’Europa, che certo avrà le sue, ma è il governo italiano che deve dare delle risposte su quanto accaduto e su quanto sta accadendo. Mattia Ventroni


  6. Prendendo spunto dalla recente tragedia che ha colpito i 78 eritrei per 20 giorni alla deriva sul tratto di mare tra Malta e Lampedusa, specchio d’acqua popolatissimo di motovedette, aerei, elicotteri, pescherecci di differente nazionalità (italiani, maltesi, ciprioti, egiziani, tunisini e libici), voglio intervenire anch’io sul problema dell’immigrazione clandestina. Inizio il discorso facendo riferimento al leader della Lega Bossi che quasi per tutta l’estate ha mortificato il Paese con proposte ridicole contro i ‘terroni’, mentre in questi ultimi giorni al centro della sua politica ha messo i profughi (tant’è che ha pure acconsentito a che il figlio inventasse e brevettasse il gioco di società, infame fin dal titolo, ‘Rimbalza il clandestino’). E non è tutto; si è pure permesso di attaccare anche il Vaticano con argomentazioni deliranti e negando il dovere di prestare soccorso. Rebus sic stantibus non posso che concordare con Casini quando sostiene “che è offensivo per tutti gli Italiani, ed anche e soprattutto per i tanti cattolici che hanno votato per il PDL, che un ministro (e qui, aggiungo io, di propria iniziativa e pagato coi soldi pubblici) parta per una campagna di aggressione contro il Vaticano”. Sono del parere che sarebbe ora che Berlusconi ponga un freno al suo alleato Bossi e dica chiaramente da che parte sta, giacché con il suo silenzio si rende complice di chi incoraggia a respingere uomini e donne che fuggono da zone di guerra e di chi ironizza su drammi e sofferenze umane.
    Sul web ho casualmente preso visione di alcuni video riguardanti comizi elettorali di un altro leghista, Giancarlo Gentilini. Sono inorridita ed ho provato un’ istintiva forte repulsione nell’ascoltare un politico che istiga così apertamente all’odio razziale contro immigrati e musulmani e che, incredibile dictu, viene interrotto da fortissimi applausi ed urla di condivisione da parte dei militanti padani che lo circondano. E’ incomprensibile tollerare che si possa arrivare a tanto! Ho voluto approfondire un po’ la figura di Gentilini: tra le altre cose, ho letto che ha proposto pure l’eliminazione, dalle sue parti, di tutti i cani di razza straniera! Nell’ascoltarlo mentre parlava, mi è tornato alla mente il concetto dei ‘corsi e ricorsi storici’ del Vico che non sono una legge universale, ma hanno luogo quando si perde la memoria del passato. Un brivido mi è corso lungo la schiena! Ed a questo punto mi sono chiesta: dove sono e che cosa fanno i politici eletti per arginare questo fenomeno deleterio? Berlusconi sta dimostrando di essere succube di Bossi.
    Ben dette sono allora le parole di Romano Francesco Saverio dell’Unione di centro:”tra l’UDC e la Lega è abissale la distanza culturale, politica ed umana”. Qualcuno ha anche parlato di falso buonismo: in certi casi non si tratta di essere buonisti o no, cattolici o no; si tratta di avere pietà, di dimostrarsi semplicemente umani, senza colore politico, e di rispettare il dovere di prestare soccorso.
    Mi piace terminare col rammentare che quello della pietà è uno dei 7 Doni dello Spirito Santo. Dice SanTommaso: “Il dono della pietà presta culto e onore non solo a Dio, ma a tutti gli uomini in quanto sono figli dello stesso Padre”.
    Da ultimo, riporto la dichiarazione rilasciata recentemente dal leader UDC Pier Ferdinando Casini: “nessuna legge può chiudere gli occhi davanti alla miseria e alla disperazione di chi sfida la morte per sfuggire agli orrori della guerra. In questo nostro Paese, eccitati dalla demagogia, stiamo perdendo il senso di umanità che ha sempre contraddistinto gli Italiani”.
    E’ per questo motivo che io ha scelto da tempo, con orgoglio e con convinzione, di votare UDC.




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Omar Cao: Caro Presidente è ora che prenda Lei l’iniziativa. io sono...
  • Maurizio paladini: Io ci sono. Un partito di centro che guarda a sinistra....
  • Pippo Bufardeci: Caro Pierferdinando è l’impostazione che ha...
  • Giorgio Sorbara: Lucido, come sempre. Speriamo dia una mano.
  • Massimo Biondi: Forza senatore! Noi siamo ancora in tempo per salvarci e lei...
  • CAMILLA PAOLO: Alle Europee cosa VOTIAMO?
  • Enzo M.: Bravo Presidente, A difesa della democrazia e del voto...
  • Giorgio: Potrebbe il senatore Casini ricordarci quando il Parlamento avrebbe...
  • Adolfo Scarano: Avendo numerosi cugini i Caracas ed essendo nato li, vedendo...
  • Gianni: sempre lucida e attuale l’analisi ma si aspetta sempre da lei...
udc tour