Archivio per febbraio 2021

Anche mio figlio positivo, siamo un team Covid

postato il 21 Febbraio 2021

L’interista al Corriere della Sera

Pierferdinando Casini è ritornato a casa ieri dopo nove giorni di ricovero per Covid all’ospedale Spallanzani. L’ex presidente della Camera è ancora positivo ma si dice «risollevato» mentre rimette piede nella sua abitazione.

Presidente Casini, innanzitutto come sta?
«Sono molto stanco. Ho appena fatto una doccia, ho disfatto la valigia. L’isolamento domiciliare è comunque meglio. Mi faccia dire una cosa».

Prego.
«Desidero ringraziare chi si è preso cura di me, i fantastici operatori sanitari e anche i tanti che si sono preoccupati e mi hanno mandato messaggi di affetto».

Ha ricevuto tante telefonate?
«Sì, ma ho cercato di ridurle al minimo per non affaticarmi. Nel frattempo anche mio figlio è diventato positivo. Ormai in famiglia siamo un team Covid. Dopodiché se le cose vanno bene bisogna solo ringraziare il Signore».

Come ha trascorso i giorni?
«Leggevo, guardavo la televisione. Ho seguito tutto il dibattito parlamentare, anche l’ultimo degli interventi. Devo ammettere di non essere stato così attento. E poi dovreste saperlo, sono un fanatico del calcio. Dalle sette di sera in poi solo partite. Ormai ad ogni ora c’è un match. Che meraviglia!».

A proposito del voto di fiducia. Qual è il suo giudizio sull’intervento di Draghi in Parlamento?
«È stato ineccepibile ed essenziale. Mi sembra che si sia innamorato della sua essenzialità. È un fuoriclasse. Il grande rammarico resta di non essere stato presente».

Un’ultima domanda: ha sentito sua madre?
«Certo, è la prima cosa che ho fatto. È straordinaria. Ieri ha fatto il vaccino e mi ha subito detto: “Ora che siamo entrambi immuni possiamo andare in Argentina a trovare tua figlia…”».

1 Commento

«Il gruppo con gli ex M5S? Non esiste. Con Draghi accolto l’appello del Colle»

postato il 21 Febbraio 2021

L’intervista pubblicata su Il Messaggero

«Tutto sommato, a parte il comprensibile psicodramma complessivo dei cinquestelle, questa è stata una settimana in cui la politica ha dato una bella immagine di sé». Per la prima volta dopo tanti anni, Pier Ferdinando Casini non ha vissuto da protagonista la nascita di un nuovo governo. Negli ultimi 8 giorni infatti, Casini è rimasto ricoverato allo Spallanzani dopo aver contratto la Covid-19. Ora che è tornato a casa e fortunatamente sta bene, «sono solo un po’ affaticato» ammette, non si sottrae ad una prima impressione su Draghi e soprattutto smentisce i retroscena circolati nei giorni scorsi che hanno fatto notare come il suo appoggio sarebbe praticamente l’unica strada che consentirebbe ai 5stelle espulsi dai gruppi parlamentari di formarne uno nuovo. «È una questione che non esiste» dice però, liquidando la pratica.

Onorevole Casini, come sta innanzitutto?
«Dopo 8 giorni sono uscito, sono contento. Quando si entra in questo tunnel, la cosa migliore è uscirne presto. Mi sento ancora un po’ stanco, ma pare normale per questo tipo di decorso».
Il Coronavirus non le ha permesso di essere in Aula per votare la fiducia al governo Draghi, peraltro la presidente del Senato Casellati le ha anche augurato una pronta guarigione prima del voto.
Ma ha sentito qualcuno del nuovo esecutivo?
«Certo, ho sentito molti ministri. Mi hanno telefonato per farmi gli auguri, alcuni sono amici come Franceschini, con altri ho condiviso il lavoro parlamentare. Con Brunetta ad esempio abbiamo fatto assieme la commissione di inchiesta sulle banche».
A differenza di altre volte ha visto dall’esterno la nascita del nuovo governo. Che settimana è stata?
«Tutto sommato a parte il comprensibile psicodramma complessivo dei cinquestelle è stata una settimana in cui la politica ha dato una bella immagine di sé. Anche il dibattito parlamentare tra tutti i partiti, compresi coloro che hanno votato contro come Fratelli d’Italia, è stato sempre costruttivo. Mi pare che l’appello del Capo dello Stato abbia funzionato. Ora si vedranno i fatti, ma se il buongiorno si vede dal mattino, direi che abbiamo iniziato bene».
E il premier Draghi? Come l’ha visto?
«Draghi l’ho visto Draghi. È un uomo essenziale che non ha delle ritualità particolari, che riduce al minimo la comunicazione. E già questo è un indizio importante, anche non comunicare è una scelta. Non l’ho visto impacciato. Uno che è stato presidente della Bce o che ha guidato Bankitalia non è che si impressiona per presentarsi in Parlamento. Credo abbia detto una piccola bugia quando ha detto di essere emozionato, probabilmente ha voluto fare una concessione di cortesia alla platea. L’ho visto come un uomo solido che sa il fatto suo».
Onorevole c’è chi ha ipotizzato un suo sostegno ai ribelli 5s per consentirgli di formare un nuovo gruppo parlamentare.
«È una questione che non esiste, puramente regolamentare. Sono distante anni luce dal tema né intendo avvicinarmene. Rispetto il loro travaglio, ma non è un mio problema».
Perché? 
«Questi ribelli 5s sono gli stessi che volevano mettere sotto accusa Draghi quando io ero alla Commissione banche. Che ora siano a disagio a votarlo li capisco, ma non mi riguarda. Tra i cinquestelle hanno fatto bene Grillo e Di Maio, che hanno dato una prova di realismo brutale. Il M5s non può riprendere la strada del partito rivoluzionario come se nulla fosse successo negli ultimi 5 anni. Hanno governato con Salvini, il PD e appoggiano Draghi. Lei capisce che i propositi rivoluzionari con questa esperienza sono un pochino ridicoli».

Commenti disabilitati su «Il gruppo con gli ex M5S? Non esiste. Con Draghi accolto l’appello del Colle»

«Ho solo febbre, mi affido a Dio»

postato il 13 Febbraio 2021

Il racconto a «L’aria che tira» su La7: «Ho tranquillizzato mia mamma, l’erba cattiva non muore mai»

L’intervista di Giuseppe Alberto Falci pubblicata sul Corriere della Sera

«Mi affido a Dio, mi dispiace che non potrò votare per Mario Draghi». Da ieri sera Pier Ferdinando Casini, uno dei protagonisti della storia democristiana, un intramontabile del Parlamento, già presidente della Camera e senatore oggi di “Per le Autonomie”, ha scoperto di avere il Covid. Casini lo ha confessato ai microfoni di La7, nel corso della trasmissione L’Aria che Tira, condotta da Myrta Merlino. A sera si reca alla Spallanzani per un approfondimento. Ma tiene a specificare: «Nulla di grave». Quando risponde la voce è quella di sempre, con quell’accento bolognese inconfondibile.

Presidente, come sta? Cosa è successo?
«Prima di tutto vorrei dire una cosa».

Prego.
«Sto bene. La mente è ancora lucida. Sono sereno, il gusto l’ho mantenuto integro». [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su «Ho solo febbre, mi affido a Dio»

Casini: «Ho il Covid, non posso votare Draghi»

postato il 13 Febbraio 2021

«Dispiace non esserci, ho una tosse fastidiosa. Serve responsabilità, questo male è subdolo»

L’intervista di Paolo Rosato pubblicata sul Resto del Carlino di Bologna

«Pronto? Sì, buongiorno. Come sto? Abbiamo visto dei giorni migliori. Mi dispiace solo di non poter votare il governo Draghi». Non perde mai la voglia di sdrammatizzare Pier Ferdinando Casini, uno che di burrasche in politica ne ha viste davvero tante. E se pure la bonaccia di speranza portata dall’arrivo del governo Draghi è stata increspata dal toc-toc del Covid, il senatore riesce a scherzarci su rammaricandosi di non poter partecipare personalmente a un passaggio storico per la Repubblica. «Vede, l’influsso del governo Draghi può essere solo positivo, mi dispiace solo che non potrò votarlo», continua Casini, in isolamento a casa. Lo stesso ex presidente delle Camera e attuale esponente dei ’Centristi per l’Europa’ era stato indicato dai rumors di palazzo come uno dei volti possibili per la prossima (manca un anno) scelta del nuovo inquilino del Quirinale. Per ora, però, servirà riposo. «Adesso mi attengo al protocollo e a quello che mi dicono i medici. Siamo nelle mani di Dio, bisogna aggredire e non sottovalutare, avere rispetto del male. Guai a quelli che sfottono gli avversari, anche nella vita politica. Io non li ho mai sfottuti, figuriamoci se lo faccio sulla malattia». [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Casini: «Ho il Covid, non posso votare Draghi»


Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour