Archivio per maggio 2014

Uniti per fermare i populisti ma no ai matrimoni di convenienza

postato il 18 maggio 2014

Non parteciperò alle primarie. Spazio ai giovani
Pier Ferdinando Casini

L’intervista a Pier Ferdinando Casini pubblicata sul Mattino di Maria Paola Milanesio

Senatore Pier Ferdinando Casini, dopo che anche Silvio Berlusconi ha definito inevitabile un’alleanza con il Ncd, sembra che al patto tra i moderati manchi solo la firma del notaio.
«C’è un interesse comune della democrazia italiana ed è evitare che il populismo trionfi su tutta la linea. In questo contesto la prospettiva di un bipolarismo tra Matteo Renzi e Beppe Grillo delinea il rischio di una democrazia incompiuta. Per dirla in altre parole: gli elettori non possono essere obbligati a scegliere tra sinistra e M5S».

Ma se il campo moderato è rimasto sguarnito è anche perché sono venuti meno i consensi nei confronti delle forze di centro.
«È vero che dopo 20 anni il mondo moderato rischia di essere ”non pervenuto” e le ragioni di questa assenza sono molte. Tuttavia, noi abbiamo il dovere di ragionare su come dare voce a chi non si riconosce né in Renzi né in Grillo».

Mette i due leader sullo stesso piano?
«Stando così le cose, ciascuno di noi spera che sia il Pd il primo partito». [Continua a leggere]

1 Commento

Immigrazione: insulto a Italia e vittime budget Frontex invariato

postato il 14 maggio 2014

Triplicano gli arrivi dei migranti e il budget di Frontex non viene adeguato: è un insulto all’Italia e alle migliaia di vittime del Mediterraneo. Se l’Europa continua così non meravigliamoci se proliferano i populismi anti-europei.

Pier Ferdinando

Commenti disabilitati su Immigrazione: insulto a Italia e vittime budget Frontex invariato

Il mio sogno è concorrere alla riunificazione dei popolari

postato il 14 maggio 2014

Serve un cambio di politica a livello europeo o faremo vincere forze come quella di Grillo

Pier Ferdinando CasiniL’intervista di Carlo Muzzi a Pier Ferdinando Casini pubblicata sul Giornale di Brescia

Tra Europa e la rinnovata sfida di un contenitore italiano dei moderati. Corre lungo questi temi il dialogo con Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione esteri del Senato, ieri a Brescia per un dibattito.

Come vede il voto per le elezioni europee?

Purtroppo come spesso capita in Italia, in occasione delle Europee si affrontano tutti i temi salvo quelli legati all’Europa. Mi piacerebbe invece che si discutesse delle politiche connesse all’Ue parlando ad esempio di crescita invece che di rigore.

 Cosa pensa del fenomeno dell’euroscetticismo?

Penso che non basti più l’euroretorica per battere i populismi e la demagogia antipolitica. I cittadini si vedono distanti dall’Unione europea soprattutto se la politica di Bruxelles resta caratterizzata da una ragionieristica tecnocrazia e intrappolata nella matematica del rigore e dei conti. O si torna a parlare di sviluppo, occupazione e crescita oppure la recessione che ha colpito l’Europa non ci permetterà di crescere.

  [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Il mio sogno è concorrere alla riunificazione dei popolari

Riforme o baratro. La palude ingrassa Grillo

postato il 8 maggio 2014

I fatti dell’Olimpico evidenziano un’emergenza nazionale, lo Stato ha perso autorità. Basta attaccare i poliziotti, sono servitori della Repubblica che fanno il loro dovere
Pier Ferdinando Casini
L’intervista di Alberto Gentili a Pier Ferdinando Casini pubblicata sul Messaggero

Presidente Casini, le riforme in Senato arrancano. Ce la farà il governo?
«Le riforme si devono fare. Ed è assurdo che qualcuno non abbia ancora capito che senza riforme la perdita di credibilità dell’Italia e della politica sarebbe totale e definitiva. Qualcuno pensa che Renzi stia mettendo un eccesso di enfasi, forse per ragioni elettorali. Ma ho costatato parlando con la Merkel quanta valenza si dà in Europa al tema delle riforme: il superamento del bicameralismo non è meno importante del pareggio di bilancio».

Anche nel suo gruppo e nel Pd c’è chi non ha capito: l’ordine del giorno di Calderoli è passato grazie al voto di Mario Mauro e all’assenza di Mineo.
«Rispetto i miei colleghi. Ma Mauro per primo sa che non condivido il suo voto. Tra l’altro in una compagnia assai discutibile, se si pensa che l’ordine del giorno è passato con i voti di Cinquestelle e Sel. Soprattutto non condivido i contenuti: se esamino le competenze che si vogliono trasferire alle Regioni, sbalordisco. La riforma del titolo V non è servita a farci capire i danni di un eccesso di regionalismo?». [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Riforme o baratro. La palude ingrassa Grillo

Verso il G7 Energia – Focus sulla sicurezza internazionale

postato il 6 maggio 2014

g7 Il G7 dell’energia a Roma
Importante la scelta del Governo di ospitare a Roma la riunione del G7 energia, anche per il collegamento che si potrà realizzare con il semestre di Presidenza, in cui i temi energetici avranno spazio, sia per quanto riguarda le prospettive energetiche europee 2020/2030, sia sul tema delle energie rinnovabili e progetti di nuove infrastrutture

Energia tra politica e mercato
Il mercato dell’energia non è un mercato come gli altri. Decidere da chi comprare energia non è la stessa cosa che decidere da chi comprare bulloni o macchinari (lo stesso ovviamente vale per chi vende). Il tema degli approvvigionamenti e della sicurezza energetica è sempre un tema che ha una forte connotazione politica e propriamente geopolitica (la questione territoriale ha ovviamente una enorme importanza). La scelta di convocare una riunione del G7 sui temi energetici è stata presa nello stesso vertice dell’Aja, lo scorso 24 marzo, in cui si affrontava il tema dell’Ucraina e si sospendeva il formato G8. Per questo rilievo politico si giustifica la presenza a questo dibattito del Presidente della commissione esteri del Senato. Se è vero che è un mercato molto particolare, per la rilevanza politica delle scelte che si compiono, quello dell’energia è comunque pur sempre un mercato, anche questo aspetto occorre tenerlo bene in mente, non fosse altro perché si muove nell’ambito di un tessuto di regole ben precise (ad esempio a livello UE) e poi perché a decidere gli acquisti e le vendite non sono soltanto gli Stati, ma soggetti economici, che possono avere e spesso hanno una presenza importante degli Stati, ma che devono rispondere anche a esigenze commerciali (per esempio: quando si discute di sostituire il gas russo col gas americano non sempre si considera che, oltre alla questione delle infrastrutture che ancora mancano, bisognerà convincere le aziende americane a vendere gas a prezzi più bassi di quelli che si possono avere in Asia)

Sulla crisi Ucraina
La situazione sta precipitando, la crisi è sempre più vasta. Si inizia a parlare apertamente di guerra.
In maniera un po’ brutale: l’annessione della Crimea è contraria a tutte le regole del diritto internazionale e non può trovare giustificazione. Però, per capire il comportamento di Putin, bisogna anche mettersi un po’ nei suoi panni, nella sua prospettiva e cogliere anche gli errori dell’Europa:
– sbagliato delegare il Partenariato orientale ai Paesi baltici e alla Polonia, perché il loro rapporto con la Russia è condizionato dal passato (ora Tusk chiede maggiore unità in tema di energia);
– sbagliato prospettare adesione all’ UE che in realtà non è mai stata un’ipotesi realistica (soprattutto non avendo le risorse per aiutare l’economia ucraina a uscire dalla sua crisi);
– sbagliato seguire un po’ troppo acriticamente gli Stati Uniti (che nei Paesi baltici e dell’est hanno un’ascendenza particolare, anche qui per ragioni comprensibili). Le relazioni, sia politiche che commerciali, tra Usa e Russia non sono come quelle tra Ue e Russia (l’interscambio della Russia con l’UE è 12 volte quello con gli Usa). In primo piano c’è l’energia. Occorre pertanto rilanciare il dialogo, in tutte le occasioni possibili.
Occorre anche provare strade nuove. Il 1° maggio sul Corriere della Sera si avanzava una proposta per certi versi spiazzante: uscire dalla crisi rilanciando, cioè riprendendo la trattativa con l’Ucraina sull’Accordo di associazione e, nello stesso tempo, avviare le trattative per un trattato di libero scambio con la Russia, partendo dal presupposto che si tratta di mercati complementari. Ora, dopo l’accelerazione della crisi, è fantascienza. Ma di proposte del genere dobbiamo cogliere il significato. Sicuramente bisogna ragionarci bene, valutare la fattibilità, non solo economica, vedere come regolare lo status della Crimea e altro ancora, ma forse si può lavorare anche su strade del genere.

Sulla sicurezza energetica
L’Europa condivide l’interesse ad approvvigionamenti sicuri a costi ragionevoli, a ridurre l’impatto ambientale, a rendere le reti efficienti. Finora però si è proceduto in ordine sparso, privilegiando gli interessi nazionali. Le difficoltà non sono poche: gli interessi dei singoli Paesi sono diversi, il loro mix energetico è diverso, in alcuni Paesi ci sono società importanti che hanno strategie globali e in concorrenza tra loro. L’importante è non negare l’esistenza di queste differenze di interessi e partire da qui per cercare una sintesi.
L’Europa è dipendente dalla Russia come la Russia è dipendente dall’ Europa: l’Europa prende un terzo del suo metano dalla Russia (per metà attraverso l’Ucraina) e l’esportazione di gas e petrolio verso l’Europa rappresentano il 70 % delle esportazioni russe. La differenza è nei tempi: nel breve periodo siamo più dipendenti noi da loro che viceversa, a medio termine possiamo trasformare questo rapporto. Ma per farlo dobbiamo rafforzare la cooperazione tra i diversi Paesi in termini di infrastrutture, di diversificazione, di investimenti. La difficoltà è che l’Europa è dipendente dalla Russia in maniera diversificata: alcuni Paesi poco o niente (ad esempio il Regno Unito, che però non vuole condividere le sue risorse con altri Paesi), alcuni molto (come l’Italia o la Germania) e altri quasi totalmente (Paesi baltici e Paesi dell’est)
Anche la Russia rischia molto: non ha interesse a perdere la sua fama di fornitore affidabile, perché si rimetterebbero in discussione progetti già in piedi e si accelererebbero soluzioni e rotte alternative.
In questo quadro si colloca l’Italia. Il rapporto sull’energia pubblicato qualche giorno fa dal Ministero dello Sviluppo economico in questo senso parla chiaro: ci sono luci ma anche molte ombre.
– “L’Italia rimane tra i grandi Paesi europei il più vulnerabile”
– Numerosi operatori internazionali presenti per investire in Italia e “in attesa da anni di ottenere permessi e autorizzazioni, potranno lasciare il Paese, attratti dalle prospettiva crescenti di altee aree internazionali”
La campana dunque non solo suona anche per noi, ma suona soprattutto per noi.

Cosa bisogna fare:
1. progetto di “Unione dell’energia” avanzato dal premier polacco Tusk, su cui la cancelliera Merkel si è già detta d’accordo. Alcuni punti non sono molto facili da realizzare, come la società unica per l’acquisto del gas russo. Ci sono anche difficoltà di competenze, perché il tema dell’energia è ancora essenzialmente nazionale. Su questo si potrebbe stimolare una revisione dei Trattati, magari in occasione del semestre italiano. Ma lo spirito della proposta è senz’altro condivisibile: rafforzare l’interconnessione tra le reti, accrescere le capacità di riserva dei diversi Stati, ecc. E anche qualche meccanismo di solidarietà verso i Paesi che subiscono riduzioni di forniture.
2. agire su diversi piani per rafforzare la nostra sicurezza energetica:
a) diversificare le fonti energetiche + b) diversificare i fornitori + c) diversificare le rotte di approvvigionamento
-giusto puntare su fonti rinnovabili, con investimenti per la ricerca, la green economy, anche se occorre realismo sulle capacità e i tempi di queste fonti
– progetto South stream. Diversificazione delle rotte (gas russo che arriva in Europa senza passare dall’Ucraina). Ci sono molti che sollevano dubbi sulla attualità del progetto, dopo lo scoppio della crisi ucraina, perché importare gas russo senza passare dall’Ucraina sembrerebbe sconveniente dal punto di vista politico e potrebbe significare una preferenza politica. Ma si tratta di un progetto indipendente e precedente. Ieri Renzi nell’intervista al Corriere ha detto che si va avanti col progetto. Ci sono ancora questioni aperte: per esempio la Commissione europea deve valutare se concedere una deroga rispetto al terzo pacchetto energia, sull’accesso alla rete da parte di terzi.

-progetto TAP, che consente una diversificazione dei fornitori (gas azero)
Anche qui l’Unione europea ha fatto degli errori: il Commissario per l’energia, il tedesco Ottinger, non si è certo comportato in maniera neutrale, come avrebbe dovuto, nella competizione tra Nabucco e TAP, e non ha mai nascosto il proprio appoggio al progetto Nabucco addirittura impegnandosi, una maniera ufficiale e ufficiosa, in Azarbaijan perché quel progetto avesse la meglio. Ora Tap ha vinto la gara, per ragioni essenzialmente commerciali (a conferma che il mercato dell’energia è un mercato particolare ma poi è pur sempre un mercato)
Adesso bisogna evitare che l’Italia perda quest’occasione (pericolo di cui parla anche il rapporto del Ministero), sia per i tempi troppo lunghi per l’autorizzazione, sia per il prevalere della logica “non nel mio giardino” da parte delle popolazioni locali. Tap ha fatto errori di comunicazione e di coinvolgimento delle popolazioni locali (come ha ammesso) ma adesso ha imboccato una strada diversa, che bisogna proseguire.
Ci vuole responsabilità anche da parte delle forze politiche. In Senato l’iter di approvazione del Trattato Tap si è svolto in maniera tutto sommato fisiologica. Il passaggio in Commissione esteri è stato rapido, poi in aula c’è stata una richiesta anche legittima da parte delle opposizioni di chiarimenti sugli aspetti ambientali e sulla compagine proprietaria del consorzio. La Viceministro Dassù ha fornito i chiarimenti in aula e poi il trattato è stato approvato. Alla Camera il percorso è stato più complesso, non sono mancati momenti di tensione, sia in commissione che in aula, anche per la strumentalizzazione di alcune forze politiche (come il M5S). Spesso gli stessi che lamentano la nostra debolezza nei confronti delle crisi che ci sono in giro per il mondo sono gli stessi che quando si presenta l’occasione per ridurre la nostra dipendenza si mettono di traverso.
Qui vale lo stesso discorso che vale in altri settori: solo se faremo la nostra parte, in termini di cultura energetica e industriale, saremo credibili per chiedere riforme agli altri, in primo luogo all’Europa.

Commenti disabilitati su Verso il G7 Energia – Focus sulla sicurezza internazionale


Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • carlo: Non si apre il modulo per iscriversi
  • Vittoria Buttiglione: Macron si è rivelato inaffidabile e senza rispetto, a...
  • vincenzo venuta: Facciamo seguire alle parole I fatti. Solo Il 20% scappa...
  • lucia: Mi sembra giusto.va bene accogliere ma se un paese non ce la fa ci...
  • Luciano Gorini: Caro Casini, per anni ho votato e fatto votare il suo nome e...
  • Renato Meduri: Il commento abbastanza rispettoso lo avevo già mandato. Se...
  • Renato Meduri: Leggere l’intervista di Pierferdinando Casini, per uno...
  • Lino Bertuzzi: Non credo che Berlusconi si farà ammazzare da Salvini. Del...
  • Maurizio Ribechini: segnalo breve intervista a Casini di poche ore fa…...
  • Omar Caiti: Caro Presidente, condivido la sua analisi. Un pochino meno la...
udc tour