Archivio per aprile 2014

Quella prima volta in Parlamento

postato il 27 aprile 2014

Visita Giovanni Paolo II al ParlamentoLa storia mondiale e italiana porta forte il segno dei piccoli grandi gesti di Papa Wojtyla. Uno di questi fu la sua visita al Parlamento italiano che il Pontefice volle fortemente, malgrado le sue già precarie condizioni di salute.
Accogliendo l’invito che Giovanni Paolo II aveva già rivolto più volte al popolo cristiano e all’umanità intera a “non avere paura”, noi non avemmo paura, in quell’occasione, di superare le diffidenze e le inquietudini di quanti temevano che i tempi non fossero maturi e che quella visita potesse rappresentare la sconfitta dello spirito laico della Repubblica e una violazione dell’autonomia della massima istituzione rappresentativa. E avemmo ragione.

Era il 14 novembre del 2002: in veste di Presidente della Camera, ricevetti Karol Wojtyla in un’Aula intimidita e composta, cosciente che un pezzo di storia la stava attraversando. Gratitudine e commozione aleggiavano in tutti, consapevoli dello straordinario omaggio di questo grande Papa che ci invitava a rintracciare il significato profondo dell’impegno politico al servizio dei cittadini e del bene comune. [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su Quella prima volta in Parlamento

Visita Giovanni Paolo II a Parlamento simboleggiò suo amore per Italia

postato il 26 aprile 2014

Ci richiamò all’attenzione verso gli ultimi e alle radici cristiane dell’Europa


“La visita del Santo Padre al Parlamento italiano fu per noi tutti, indipendentemente dalle posizioni politiche, culturali e religiose, una grande emozione. Simboleggiò il suo amore verso l’Italia e gli italiani. Lui, che era venuto da lontano, da un Paese comunista, ma che più di qualsiasi altro aveva concorso alla caduta del muro di Berlino e al superamento di un regime disumano, ci spronò all’attenzione verso gli ultimi, pensando ai carcerati, a coloro che soffrivano, dimenticati spesso anche dalla politica e ci richiamò alle radici cristiane dell’Europa, un’Europa che deve aprirsi agli altri senza dimenticare chi è, da dove viene e qual è la sua identità profonda”.

Commenti disabilitati su Visita Giovanni Paolo II a Parlamento simboleggiò suo amore per Italia

Marò: la strada internazionale è quella giusta

postato il 24 aprile 2014

marò CasiniMi sembra che la strada intrapresa dal governo sia quella giusta. La scelta di chiedere la risoluzione internazionale della controversia tra Italia e India è stata sollecitata dal Parlamento che ha espresso più volte la completa sfiducia del sistema giudiziario indiano che, dopo due anni, non è ancora riuscito a fornire nemmeno un capo d’imputazione per i nostri militari. Perciò, credo che questo cambio di strategia, sia un atto dovuto e giusto. Le elezioni politiche in programma in maggio in India sono state e sono tuttora condizionanti. Sono certo che, dal giorno dopo le elezioni, si avrà maggiore realismo da parte di tutti.

Pier Ferdinando

Commenti disabilitati su Marò: la strada internazionale è quella giusta

Napolitano: suo richiamo a riforme monito per tutti

postato il 18 aprile 2014

Pier Ferdinando CasiniIl Capo dello Stato merita la riconoscenza di tutti gli italiani per il supplemento di lavoro a cui si è sottoposto, garantendo una soluzione alla drammatica crisi che abbiamo affrontato. Il suo richiamo a riforme condivise tra maggioranza e opposizione costituisce un monito per tutti: un conto è il lavoro dell’esecutivo, un altrol’individuazione di un nuovo vestito istituzionale per l’Italia del futuro.
Questa grande riforma va discussa in Parlamento ed è necessario assecondare lo sforzo di chi si è impegnato a vararla fuori dal perimetro ristretto delle forze che sostengono il governo, perché vi sia un più ampio accordo tra maggioranza e opposizione. La vigile azione del Presidente della Repubblica, rispettosa delle prerogative parlamentari e dell’equilibrio tra le parti, resta per noi un presidio essenziale.

Pier Ferdinando

Commenti disabilitati su Napolitano: suo richiamo a riforme monito per tutti

Al Question time di Uno Mattina

postato il 17 aprile 2014

Ospite dello spazio di approfondimento mattutino del Tg1

Commenti disabilitati su Al Question time di Uno Mattina

Dopo Europee, squadra moderati superi divisioni

postato il 16 aprile 2014

Pier Ferdinando CasiniRenzi deve riuscire ad approvare il testo sulle riforme costituzionali prima del 25 maggio. Grillo è nervoso perché capisce che una politica che taglia se stessa, è una politica che incomincia a fargli male, a dargli fastidio. Una politica che riesce a superare il bicameralismo perfetto è il segnale che qualcosa cambia nel nostro Paese.
Lo schema che purtroppo rischia di esserci per il futuro è un bipolarismo costruito tra Renzi e Grillo, tra una politica che si riforma e un’antipolitica che si propone. Ma la colpa è nostra, è di noi moderati che non sappiamo andare oltre le nostre divisioni, le nostre piccole particolarità, le nostre listine che si disperdono in mille rivoli.
Questo sarà il tema vero, dopo le elezioni europee: la possibilità di rimettere in campo una squadra di moderati che sappia superare le vecchie divisioni.

Pier Ferdinando

Commenti disabilitati su Dopo Europee, squadra moderati superi divisioni

Somalia: consolidarla per stabilizzare Corno d’Africa

postato il 16 aprile 2014

L’Italia, anche in virtù dei forti legami storici, è uno dei partner principali della Somalia. Il consolidamento del Paese, che abbiamo cercato di sostenere anche negli anni più difficili della guerra civile, è necessario non solo per consentire la ricostruzione civile ed economica, ma anche per favorire la stabilizzazione del Corno d’Africa, da cui hanno origine fenomeni come terrorismo, pirateria e traffico di essere umani.

Pier Ferdinando

Commenti disabilitati su Somalia: consolidarla per stabilizzare Corno d’Africa

Ucraina: distanze su Crimea, ma il dialogo deve continuare

postato il 4 aprile 2014

Oggi al Senato l’incontro tra le delegazioni parlamentari di Italia e Russia

Incontro Italia-RussiaUn potenziale campo di scontro può diventare di collaborazione. L’incontro con i senatori russi è stato importante: bisogna guardare avanti e tenere in piedi il dialogo tra la Russia e la comunità occidentale.
L’Ucraina deve diventare terreno d’incontro tra Russia ed Europa perché non vogliamo tornare al passato, all’epoca della guerra fredda. Così come la collaborazione tra Nato e Russia, varata da Berlusconi a Pratica di mare, non può interrompersi definitivamente.La diplomazia parlamentare ha il vantaggio di interloquire con maggiore libertà rispetto a quanto possano fare i governi. È stato uno scambio molto positivo che dobbiamo continuare.

Pier Ferdinando

Commenti disabilitati su Ucraina: distanze su Crimea, ma il dialogo deve continuare

«Matteo un po’ pazzo, la follia serve. E chi è intelligente lo asseconda»

postato il 2 aprile 2014

Il piano su Palazzo Madama porterà più efficacia

Pier Ferdinando CasiniL’intervista di Aldo Cazzullo a Pier Ferdinando Casini

«Renzi è un po’ pazzo. Ma non c’è dubbio che un elemento di follia in questo momento serva. Mi ricorda molto qualcun altro…».

Casini, non dirà anche lei che Renzi è come Berlusconi.
«Ci sono differenze. Renzi ha il cinismo di chi capisce i meccanismi della politica: ad esempio capisce perfettamente che, se non crea una discontinuità con i governi precedenti, ne fa anche la fine. E ha una grande forza: non essendo un neofita della politica, né uno che si schifi della politica, perché ne è il prodotto, ha preso le misure al Parlamento ed è nelle condizioni di dire che o va avanti l’impianto di riforma, o si va alle elezioni».

Praticamente, un ricatto.
«Sarà un ricatto, ma non è che con i metodi delle Bicamerali, da Bozzi alla Iotti a D’Alema, si siano avuti grandi risultati».

Ma il Senato deve essere elettivo o no?
«Renzi sarà anche stato troppo ruvido, brutale. Ma mi rifiuto di pensare che un Senato a elezione indiretta sia un attentato alla democrazia; è un modo per rendere più efficace il processo legislativo. Non sono un resistente, non mi iscrivo all’albo dei conservatori. Non sono un nostalgico del Cnel: sfido a trovare un italiano che sappia cosa fa il Cnel e a cosa può essere utile, oltre che a sistemare sindacalisti a fine carriera. La riforma del titolo V sarà un merito storico di questo governo, come il superamento delle Province. Noi l’avevamo proposto. Se ora si riesce a farlo, meglio». [Continua a leggere]

Commenti disabilitati su «Matteo un po’ pazzo, la follia serve. E chi è intelligente lo asseconda»



Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • carlo: Non si apre il modulo per iscriversi
  • Vittoria Buttiglione: Macron si è rivelato inaffidabile e senza rispetto, a...
  • vincenzo venuta: Facciamo seguire alle parole I fatti. Solo Il 20% scappa...
  • lucia: Mi sembra giusto.va bene accogliere ma se un paese non ce la fa ci...
  • Luciano Gorini: Caro Casini, per anni ho votato e fatto votare il suo nome e...
  • Renato Meduri: Il commento abbastanza rispettoso lo avevo già mandato. Se...
  • Renato Meduri: Leggere l’intervista di Pierferdinando Casini, per uno...
  • Lino Bertuzzi: Non credo che Berlusconi si farà ammazzare da Salvini. Del...
  • Maurizio Ribechini: segnalo breve intervista a Casini di poche ore fa…...
  • Omar Caiti: Caro Presidente, condivido la sua analisi. Un pochino meno la...
udc tour