Archivio per luglio 2011

Cento metri quadri per tenere insieme la Lega

postato il 25 Luglio 2011

Il Carnevale fuori tempo della Lega ha fatto tappa a Monza, profondo Nord. Nella data storica del 23 luglio 2011 le camicie verdi sono riuscite a portare a casa l’ennesimo successo: il decentramento amministrativo. Si tratta davvero di un successo? A giudicare dagli spazi di cui potranno godere gli ineffabili ministri di economia, riforme, semplificazione e turismo non si direbbe. Cento metri quadri per tre stanzette, una delle quali riservata alla segretaria, l’altra a Bossi, vero dominus e regista dell’operazione, e la terza in condivisione tra Calderoli, Tremonti e la rossa ministra Brambilla. Gli spazi insomma sono strettini, un po’ come è stretta la via in cui la Lega sta esercitando la sua azione politica. I risultati raggiunti dal “partito del Nord” sono stati molto deludenti, il federalismo ha subito una battuta d’arresto con la politica di austerity inaugurata con la manovra, il governo traballa, il Nord produttivo è in affanno e trova nella Lega una voce sempre più debole. Le difficoltà di Bossi e compari sono evidenti, così l’operazione “sposta l’ufficio in provincia” si è resa necessaria. Una Carnevalata estiva che non ha attratto granché i cittadini di una Brianza che bada più alla sostanza che alla forma. Il ministero può stare a Roma, questo pensa la gente, ma non ditelo alla Lega che si illude di “rappresentare gli interessi del Nord”.

Parlavamo di forma e sostanza: entri in questa “grande” sede ministeriale -scrostata, piccola: questione di forma- e ti accorgi che manca qualcosa di indispensabile in un ufficio: il bagno, ma in fondo lì i ministri staranno davvero poco… ci andranno mai?

E tra protagonisti in ritardo, ministri defilati e banconote sventolate a favor di telecamere è stato trasmesso l’ennesimo spot dei leghisti. Uno spot un po’ casereccio, maldestro, ai limiti del grottesco, dove i ministri sono comparse sbiadite e i leader si trasformano in macchiette di provincia. Immagini che celano -neanche troppo bene- il significato profondo di questa operazione commerciale: scongiurare la fine della Lega, un partito screpolato, diviso e ormai incapace di rendere conto ai suoi. Il decentramento amministrativo (se così si può definire l’inaugurazione di queste anguste filiali ministeriali in comunione, che peraltro non apriranno prima di settembre) è vitale per l’Italia? No. È vitale per la Lega? Ovvio che sì. Senza un risultato da esibire come trofeo agli affamati e irrequieti soldati leghisti -altro che pazienza di Giobbe, questi è dal ’90 che si fanno prendere in giro- il generale Bossi e i suoi colonnelli non potranno far altro che recitare il de profundis alla loro Lega e guardare impotenti il Maroni istituzionale, e in buoni rapporti con le altre forze politiche, prendere il sopravvento.

Infine il dubbio: dureranno le “stanzette del potere” di Villa Reale? Un luogo che ricordi ogni giorno alla gente le contraddizioni leghiste forse non fa il gioco di chi lo ha voluto per gli interessi della sua bottega. Ma qui la logica trova ben poca applicazione.

Stefano Barbero


2 Commenti

Io cambio l’Italia con il Terzo Polo. Anche controvento.

postato il 24 Luglio 2011

“Cambierà, schiena dritta contro il vento”. Mentre aspetto di prendere l’aereo che mi riporterà a casa, dopo la conclusione della convention terzo/nuovopolista a Roma, nelle cuffie nel mp3 passa il ritornello di “Controvento”, canzone di Malika Ayane. E sarà che nella nostra vita non tutto succede mai per caso, ma questa bellissima canzone sembra essere l’inno perfetto per quello che noi del Terzo/Nuovo Polo ci siamo ripromessi di fare: il titolo dell’incontro all’Auditorium della Conciliazione era, infatti, “Io Cambio l’Italia” e come hanno ripetuto ampiamente sia Casini che Fini (e come io avevo già sostenuto qualche giorno fa) questo non è uno slogan come tutti gli altri, ma è una vera e propria ragion d’essere, è il motore della nostra missione, dei nostri progetti e dei nostri programmi.

Quell’IO che campeggiava a caratteri cubitali sui fondali della scenografia sul palco e in tutto l’auditorium non è la semplice prima persona singolare dei pronomi personali, ma – non prendetemi per pazzo – il più collettivo e ampio dei nomi: dentro quell’IO ci stanno i leader del Nuovo Polo che ci guidano, ci stanno i militanti e gli elettori che sono l’anima e la forza del progetto, ci sto io che scrivo e voi che mi leggete; ma allora andava meglio un grande NOI, vi direte: sì, forse. Ma ragionateci un attimo: se leggete NOI al contrario, cos’è che trovate? Un IO alla N, elevato all’ennesima potenza. Uno per tutti, tutti per uno: nel miglior stile del formica-pensiero che abbiamo elogiato più e più volte.

E quell’IO – che siamo tutti noi – ha l’insolubile e irrinunciabile dovere di cambiare le cose. Di dare una scossa, uno super-shock a uno Stato che invecchia ogni giorno sempre più e che avendo un terrore congenito del cambiamento, finisce per atrofizzarsi e spegnersi: lasciar tutto com’è, aspettare tranquilli presidiando le proprie sicure (sic) posizioni è molto, molto più semplice. Ma io non posso permettere che tutto questo succeda, non posso stare con le mani in mano mentre tutto va allo sfascio: ma siccome non posso nemmeno permettermi di cedere al richiamo (anch’esso assai attraente) dell’antipolitica, per cui tutto è brutto e schifoso e tutto è da buttare, che posso fare? Altro che impegnarmi, seriamente e onestamente, non posso fare. Ed è per questo che lo faccio. È per questo che sono convinto che, sì, Io cambio l’Italia con il Terzo Polo – e come canta Malika Ayane – lo faccio con la schiena dritta, anche e soprattutto controvento. Lo faccio con il nostro Polo. Lo faccio con voi.

Ps: nella foto non si vede bene, ma in basso, tra parentesi, io ho aggiunto una scritta fondamentale. Letto tutto, infatti, il cartello viene: Io Cambio l’Italia con il Terzo Polo (ma tanto siamo i primi!). Perché noi saremo il Primo Polo, non il Terzo. Statene certi.

Giuseppe Portonera

4 Commenti

Rassegna stampa, 24 luglio ’11

postato il 24 Luglio 2011
E alla fine pagliacciata fu: la Lega, con una “piccola sagra”, ieri ha aperto a Monza sedi distaccate di alcuni ministeri (ovviamente “padanizzati”, per l’occasione, leggete Del Frate sul Corriere) ed è divampato lo scontro, sia fuori che dentro la maggioranza: come ci raccontano Libero e Il Tempo, ora tutti vogliono un ministero e c’è chi – tra Pdl e sudisti di maggioranza – paventano una crisi di governo qualora non dovessero essere accontentati. Il governatore della Campania, Stefano Caldoro, lo dice chiaramenti: ora anche il Sud vuole “uffici”, proprio come il Nord. Ma la vera partita è quella che si gioca tra Bossi e Berlusconi, da una parte, e Maroni dall’altra (che stia anche lui per compiere scelte simili a quelle di Fini e Casini?): Bei su Repubblica ci racconta del nuovo asse B-B che si fonda su una necessità, “emarginare Maroni” – come riuscirci, però, appare difficile, visto che si tratta del Ministro dell’Interno. Imperdibili, poi, da La Stampa: Michele Brambilla con la cronaca della giornata di ieri, e Jacopo Iacoboni, che analizza la trasformazione del Cav. in fustigatore di promesse mancate, proprio lui che dal 94 non fa che riciclare sempre i soliti slogan. Tutto questo, mentre Gianfranco Fini, intervistato da Claudio Tito su Repubblica, apre a un governo guidato da Maroni con Terzo Polo e Pd. Mentre, da lontano, s’avanza una nuova possibile investitura per il dopo Silvio: quella di Mario Monti.

Il Carroccio apre i ministeri a Monza: è scontro (Rodolfo Sala, Repubblica)

E Silvio ricuce con il Senatur: “Ma bisogna emarginare Maroni” (Francesco Bei, Repubblica)

E Alberto da Giussano entrò nei ministeri monzesi (Claudio del Frate, Corriere)

Ora tutti vogliono un ministero (Il Tempo)

Caldoro: “Ora vogliamo uffici anche al Sud” (Massimiliano Amato, Unità)

Il Pdl si spacca, Noi Sud minaccia la crisi (Libero)

Il Cavaliere delle promesse si scopre fustigatore degli impegni traditi (Jacopo Iacoboni, La Stampa)

Fini: “Sì al governo Maroni anche il Pd lo sosterebbe” (Claudio Tito, Repubblica)

Utoya, l’isola che non c’è per i giovani italiani (Cinzia Romano, Il Riformista)

Penati&Bersani, l’ipocrita tangentopoli dei Democratici (Giuliano Ferrara, Il Giornale)

Macelleria sociale (Stefano Rodotà, Repubblica)

L’investitura di Monti per il dopo Berlusconi (Fabio Martini, La Stampa)

La piccola sagra delle sedi decentrate (Michele Brambilla, La Stampa)

Io, presidente delle Provincie dico: è giusto ridurle (Giuseppe Castiglione, Il Giornale)

Il vento forte dell’antipolitica (Angelo Panebianco, Corriere)

Forse la Grecia si salverà. Ma l’Italia non cambierà (Eugenio Scalfari, Repubblica)

Formigoni: “Sei regioni e zero provincie. Ecco la vera rivoluzione” (Maria Sorbi, Il Giornale)

Commenti disabilitati su Rassegna stampa, 24 luglio ’11

Rassegna stampa, 23 luglio ’11

postato il 23 Luglio 2011
The day after: i giornali ci raccontano la convention di ieri all’Auditorium della Conciliazione, dedicando molto spazio ai retroscena e ai progetti futuri del Terzo Polo (che per noi è sempre Nuovo, sia chiaro); Alberto Gentili su Messaggero da risalto all’ampio discorso che Casini ha tenuto: il nostro leader si è concentrato sul momento difficile che stiamo attraversando (è una nuova crisi, sul modello di quelladegli anni 20 e degli anni 90) e sulla necessità di aprire una nuova fase – così come titola La Discussione, un Terzo Polo per una Terza Repubblica. Liberal dedica diverse pagine all’incontro all’Auditorium, con un discorso complessivo e articolato sulla “sfida a quattro” di Casini, Fini, Rutelli e Lombardo: quattro partiti, un solo futuro. Il nostro compito deve essere quello di dare una scossa fin dalle basi a un Paese con un deficit altissimo di legalità e moralità – da non perdere la Urbinati su Repubblica. Buona lettura.

Casini: ora la Terza Repubblica (Alberto Gentili, Messaggero)

Terzo Polo per l’unità nazionale (Gianni Santamaria, Avvenire)

La sfida dei quattro (Riccardo Paradisi, Liberal)

“La maggioranza cambi cavallo e noi ci staremo” (Fabio Martini, La Stampa)

Fini: “Un nuovo governo di centrodestra, ma senza Berlusconi” (Fatto Quotidiano)

Fini: la maggioranza cacci Silvio e il Terzo polo non si tirerà indietro (La Repubblica)

Il Terzo Polo: “Subito un governo di unità”. Casini tratta con Scajola (Susanna Turco, Unità)

Il Terzo Polo vuole la terza Repubblica (Giampaolo Tarantino, La Discussione)

Il terzo polo tifa Padania pur di uscire dal letargo (Gianluca Roselli, Libero)

Il Terzo Polo punta al governissimo (Ettore Colombo, Riformista)

Prove tecniche di governo politico (Andrea Tognotti, Europa)

Quattro partiti, un solo futuro (Gualtiero Lami, Liberal)

Un Paese impoverito e l’erosione della legalità (Nadia Urbinati, Repubblica)

Quei para-ministeri a Monza adesso irritano i Brianzoli (Daniele Dallera, Corriere)

Il giorno dei ministeri alla Villa Reale. Ma nessuno lo sa (Michele Brambilla, La Stampa)

Perché il Paese non può aspettare (Piero Alberto Capotosti, Messaggero)

Napolitano: “Da me nessuna invasione di campo” (Giuliano Capecelatro, Riformista)

Milanese, spuntano nuove accuse (Guido Ruotolo, La Stampa)

La vendetta della Casta (Franco Bechis, Libero)

Il giustizialismo di Bobo fa rima con ribaltone (Gerardo Antelmo, Libero)

Una Costituente in carica un anno per ridarsi regole condivise (Davide Giacalone, Libero)

Commenti disabilitati su Rassegna stampa, 23 luglio ’11

Terzo Polo, ora servono i fatti

postato il 23 Luglio 2011

Finalmente dopo la nascita, prima, di Futuro e Libertà, e poi della coalizione denominata fin da subito “Terzo polo”, ieri, 22 luglio 2010, c’è stata la prima Assemblea Nazionale del polo centrista formato da UDC, FLI, API, MPA.

Inizio subito dicendo che il nome “Terzo Polo” sinceramente non mi piace, come non mi piace Polo della Nazione, in quanto non trasmettono niente di politico (e dopo PD, PDL, sarebbe infelice avere il PDN..). Personalmente punterei su un qualcosa che dia immediatamente l’idea che in Italia c’è una terza possibilità di voto, e che questa possibilità non è né di estrema destra né di estrema sinistra.

Infatti secondo il sottoscritto in Italia ormai abbiamo a che fare con l’estremismo politico, sia di destra che di sinistra. Se con le elezioni del 2008 si era riusciti nell’intendo di eliminare i mini-partiti, e soprattutto la parte più estrema di una politica vecchia ed antiquata, dopo nemmeno 5 anni ci ritroviamo da una parte la Lega Nord di estrema destra e dall’altra l’Italia Dei Valori e il Sinistra Ecologia e Libertà, di estrema sinistra.

In questo contesto strano e non concepibile tre anni fa, finalmente si è creata una forza che dovrebbe essere di Centro ma soprattutto che si è dichiarata fin da subito moderata. Casini, nel corso degli anni, ha dimostrato di essere forse uno dei pochi politici italiani coerenti con le proprie scelte. Tre anni fa, infatti,  rinunciò a fondersi in quel pericoloso calderone chiamato PDL per continuare nella sua strada. E’ stato aggredito verbalmente dalla parte più dura del popolo berlusconiano, è stato dato più volte per spacciato ma nonostante tutto è riuscito a mantenere una buona percentuale di preferenze. Accanto a lui, da qualche mese ormai ma da oggi ufficialmente, ritroviamo Fini, che nonostante le numerose uscite, molte delle quali “sospette”, dal neonato partito di Futuro e libertà, è riuscito a reggere il colpo e a rimanere in corsa per dire ancora la sua. Infine completano il quadro Rutelli, che dopo l’esperienza di sinistra è tornato alla “casa madre” e Lombardo per il movimento del sud.

Il manifesto che è stato stilato contiene molti buoni concetti, molte belle parole e tanta voglia di fare, ma a questo punto, in cui la crisi è pronta a colpire pesantemente in italia, in cui il nostro paese è preso in giro in ogni luogo a causa della nostra politica e del nostro premier, SERVONO I FATTI.

Se faranno realmente ciò che hanno scritto allora la percentuale di partenza, data al 12%, salirà, in caso contrario il tanto voluto bipolarismo prenderà il sopravvento su questo povero paese lasciato, da troppi anni, allo sbando.

dal blog di Lorenzo Mazzei

Commenti disabilitati su Terzo Polo, ora servono i fatti

L’intervento di Pier Ferdinando Casini alla convention del Terzo Polo: ‘Io cambio l’Italia’

postato il 22 Luglio 2011

Venerdì 22 luglio 2011 – Auditorium Conciliazione

La storia lo insegna: quando nella vita di una nazione, una crisi economica drammatica si sovrappone ad un evidente decadimento delle istituzioni e la classe dirigente rinuncia ad esercitare il suo ruolo di guida, anche morale, il buio comincia a minacciare il futuro.  Ebbene, l’Italia di oggi si trova esattamente in un tale pericoloso incrocio della storia. Ma nella classe politica non tutti ancora sembrano averne piena consapevolezza.

Solo dopo la prima guerra mondiale si determinò una situazione simile. Le “tre crisi”, sociale, politica e morale, combinarono la loro aggressione al sistema. E gli effetti sono purtroppo noti. Oggi non può certo finire come cent’anni fa: non abbiamo alle spalle una guerra, la società italiana è cento volte più forte e matura di allora. Ma ciò non rende più leggera la realtà: il rischio di un declino della nostra nazione e della sua democrazia aleggia comunque davanti al nostro futuro. [Continua a leggere]

10 Commenti

Gianfranco Fini: grazie a Pier Ferdinando che ha capito prima di noi la verità sul bipolarismo

postato il 22 Luglio 2011

Gianfranco Fini, leader di Futuro e Libertà, nel suo intervento conclusivo della convention terzopolista “Io cambio l’Italia” ha avuto il coraggio e la lucidità di riconoscere gli errori compiuti in un fase della sua attività politica: da quando, cioè, sciolse An nel Pdl – cedendo all’illusione di un partito di destra di masso moderno e liberale – a quando si rese conto che il Pdl non era che una versione allargata di Forza Italia e che lì era impossibile continuare a fare politica. Cose che noi dell’Udc abbiamo sempre sostenuto e per le quali abbiamo seriamente rischiato di fare una brutta fine: nel 2008, nel 2009 e nel 2010 abbiamo affrontato diverse prove elettorali da soli, nella maggior parte dei casi proprio contro quel Pdl che tanto ci odiava. Fini, oggi pomeriggio, ha tributato dal palco un applauso proprio all’Udc e alla lungimiranza di Pier Ferdinando Casini, riconoscendo che proprio il nostro leader aveva capito, come molto anticipo, come stavano veramente le cose.

Le parole del Presidente Fini non possono che incontrare tutta la nostra approvazione: ma non per un gusto di compiacimento personale (perché proprio come ha detto Casini oggi, dire “io avevo ragione”, oltre ad essere inutile è anche antipatico) ma perché sono la prova che all’interno del nostro Polo (che sia Nuovo, Terzo o Primo decidetelo voi, a me i nomi non interessano!) la coesione e la condivisione degli obiettivi sono evidenti e si sviluppano in un clima di rispetto e stima reciproca. Avete voglia, amici del centrodestra, di pensare di spaccarci lusingando ora uno e ora l’altro, ora promettendo all’Udc o ora a Fli: con noi questo giochetto non fa presa. Il Polo è unito, è coeso. Ed ha ragione. Perché le nostre ragioni sono quelle del Paese.

Giuseppe Portonera

3 Commenti

Voci dalla convention. Il Terzo Polo in ascolto.

postato il 22 Luglio 2011

Una delle grandi novità della convention del Terzo Polo è stata la possibilità di dare il proprio contributo di idee e progetti per cambiare l’Italia attraverso una postazione fornita di tre computer e una ben più tradizionale urna dove lasciare appositi moduli compilati. Comuni cittadini, dirigenti di partito ed eletti hanno così avuto l’occasione per far sentire la loro voce ai leaders del Terzo Polo presenti nel grande auditorium della Conciliazione. L’iniziativa, a giudicare dalla partecipazione e dai contributi, è stata particolarmente gradita. Tante le idee per il nuovo Polo che a detta di tanti deve essere uno spazio politico di libertà, dove merito ed esperienza sono gli unici criteri di affermazione e le donne hanno particolare spazio e considerazione. Forte, da parte della base, è la richiesta di un programma chiaro in pochi punti, la richiesta di un impegno concreto contro gli sprechi della politica, e di una presenza forte ed unita delle forze del Terzo Polo nelle realtà locali. Non manca la richiesta di un deciso ricambio generazionale che in alcuni interventi, con buon senso non comune, viene definito “non radicale, ma progressivo”. Tante altre proposte, mentre si succedono gli ultimi interventi, continuano ad essere salvate nei tre pc e altre ancora vanno a riempire l’urna trasparente, tutte completano in modo diverso l’incipit “io cambio l’Italia con…”. E c’è spazio anche per la saggezza, quella saggezza che viene dal vissuto quotidiano della gente e che dice: “ciascuno può cambiare il mondo, iniziando da se stesso”.

“Riceviamo e pubblichiamo”, di Adriano Frinchi

Commenti disabilitati su Voci dalla convention. Il Terzo Polo in ascolto.

Voci dalla convention. Dal mondo della ricerca per il Terzo Polo

postato il 22 Luglio 2011

Questo e’ un nuovo inizio, è l’atto fondativo di una nuova coalizione. Ma stavolta c’è qualcosa di diverso: non  si tratta di passerelle e o scelte calate dall’alto ma di una forte spinta dalla base, dal popolo dalle forze rappresentative e migliori della nostra società. Un esempio di questa forza pacifica di cambiamento è la microbiologa Giovanna Riccardi dell’Università di Pavia, a guida di un team di ricerca promotore di un nuovo farmaco contro la tubercolosi, frutto di quella ricerca troppe volte maltrattata e bistrattata,  frutto di giovani precari ricchi solo di inventiva e passione. Il terzo polo vuole guardare a questa realtà per una istruzione che non sia solo fatta di tagli nascosti sotto il bel nome di rimodulazione e razionalizzazione. Una sfida per il nuovo polo, per l’Italia, per tutti noi.

“Riceviamo e pubblichiamo” di Jakob Panzeri

Commenti disabilitati su Voci dalla convention. Dal mondo della ricerca per il Terzo Polo

Voci dalla convention. L’italia migliore al centro.

postato il 22 Luglio 2011

Porsi come alternativa all’attuale bipolarismo significa essere diversi, essere in grado di invertire la rotta, mettersi in gioco. Essere alternativa significa anche far parlare chi, troppo spesso, é lasciato ai margini della società, far parlare chi in Italia lavora davvero, ogni giorno, chi nella società vive e, con difficoltà, sopravvive, é già un segnale forte e determinante. Brillante per questo motivo è stato l’intervento di Monica Lucarelli, presidente dei giovani di Confindustria Lazio che, dopo molti anni, porta sul palco di un incontro politico dei problemi reali, veri. Una donna, una madre, un’imprenditrice che parla delle difficoltà che ogni giorno si incontrano e che, nonostante tutto, ha ancora speranza e voglia di portare avanti proposte e soluzioni.

Il cambiamento passa anche di qui: nell’accettare e nell’attuare le riforme che servono e che hanno, come scopo, il bene comune. Proposte semplici per problemi articolati e con radici profonde, ma ancora risolvibili.

Investire su giovani e donne, permettere ai ragazzi di andare all’estero per formarsi e fare esperienza, ma portare avanti piani strategici che permettano loro di ritornare in Italia, creare una banca dati nazionale delle eccellenze, sia per il privato che per il pubblico, far sì che ci sia una maggiore coesione tra scuola e lavoro, in modo da favorire una formazione eterogenea ed utile, puntare sui settori strategici di sviluppo, dimostrare di meritare il titolo di settima potenza economica mondiale ma, soprattutto, riportare nel nostro Paese regole e coscienza civile. Soltanto con responsabilità e determinazione si può costruire una valida alternativa. Dobbiamo essere qualcosa di diverso e parlare diversamente dell’Italia e dare, finalmente, risposte concrete.

Riceviamo e pubblichiamo Marta Romano
Commenti disabilitati su Voci dalla convention. L’italia migliore al centro.


Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • CAMILLA PAOLO: Alle Europee cosa VOTIAMO?
  • Enzo M.: Bravo Presidente, A difesa della democrazia e del voto...
  • Giorgio: Potrebbe il senatore Casini ricordarci quando il Parlamento avrebbe...
  • Adolfo Scarano: Avendo numerosi cugini i Caracas ed essendo nato li, vedendo...
  • Gianni: sempre lucida e attuale l’analisi ma si aspetta sempre da lei...
  • Gianni: Analisi come sempre perfetta, peccato che a suo tempo non sia stato...
  • Alzetta Gianfranco: Credo che anche questo governo vada giudicato per quello...
  • Lucia: Montese strada provinciale 27 della docciola ci sono muraglie del dopo...
  • Pini lucia: Speriamo bene! Sulla strada provinciale 27 della docciola montese...
  • Giuseppe: Il popolo italiano, al momento del voto, deve avere. Il coraggio e...
udc tour