postato il 24 agosto 2015 | in "Esteri"

Maro': Casini, sentenza Amburgo primo segnale incoraggiante

marò CasiniLa sentenza del Tribunale di Amburgo conferma la complessità della situazione dei nostri due marò ma stabilisce uno stop importante alle iniziative della magistratura indiana. Ci sarà ancora da intensificare gli sforzi ma, dopo un’attenta lettura del dispositivo, c’è da considerare questa pronuncia come un primo segnale incoraggiante.

0 commenti

IN EVIDENZA

Ipu 132: Sviluppo sostenibile, passare dalle parole ai fatti

Ipu 132: Sviluppo sostenibile, passare dalle parole ai fatti

L’intervento in plenaria alla 132ª Assemblea dell’Unione Interparlamentare (UIP) Hanoi (Vietnam),... [Continua a leggere]


Il futuro della Governance globale: il ruolo del MIKTA

Il futuro della Governance globale: il ruolo del MIKTA

Alla tavola rotonda organizzata dall’Istituto Affari Internazionali Roma, 24 luglio 2014 –... [Continua a leggere]



Verso il G7 Energia - Focus sulla sicurezza internazionale

Verso il G7 Energia – Focus sulla sicurezza internazionale

 Il G7 dell’energia a Roma Importante la scelta del Governo di ospitare a Roma la riunione del... [Continua a leggere]


Sull'aumento dell'IVA

Sull’aumento dell’IVA

Riceviamo e pubblichiamo di Mario Pezzati La prima cosa da specificare è che questo aumento non riguarda... [Continua a leggere]



postato il 20 agosto 2015 da redazione | in "Spunti di riflessione"

In ricordo dell’archeologo Khaled Asaad

Ricordo uno straodinario eroe della cultura, un Maestro che mi ha svelato Palmira!

image

0 commenti
postato il 18 agosto 2015 da redazione | in "Europa"

Ripensare l’Ue con l’eredità ideale di De Gasperi

degasperi

Capita spesso, di fronte a difficoltà legate all’attualità, di domandarsi come si sarebbero comportate le grandi personalità della storia. Una domanda senza senso, perché se è vero che il destino degli statisti è che in nome loro si continui ad agire, ogni stagione ha peculiarità e protagonisti propri, e non è corretto interpretare abusivamente le intenzioni di chi ci ha preceduto.
Ma l’anniversario della scomparsa di Alcide De Gasperi nella giornata di domani ci offre l’opportunità di riflettere su quanto del suo spirito europeista sia rimasto e quanti e quali passi, avanti o indietro, siano stati compiuti.
Egli era un uomo che viveva di ideali, non di pregiudizi ideologici; il suo sentirsi europeo si basava su esperienze vissute personalmente a cavallo tra Austria e Italia e su un convincimento profondo: l’importanza per popoli e nazioni divisi da nazionalismi, guerre e dittature di riscoprire ciò che li unisce in un destino comune.
Nello spirito dei padri fondatori, non solo di De Gasperi, ma anche di Adenauer e di Schuman, l’Europa si sarebbe dovuta configurare come una federazione di Stati, un’entità forte in grado di competere, politicamente ed economicamente, sullo scenario internazionale.
Furono questi gli anni in cui sorsero il Consiglio d’Europa e soprattutto la CECA, pietra angolare per la costruzione del futuro edificio europeo. Ma fu anche il periodo di preparazione della Comunità europea di difesa (CED): nelle intenzioni dello statista trentino questa autorità politica sovranazionale avrebbe dovuto costituire il nucleo centrale intorno al quale sarebbero successivamente sorti altri legami federali. L’obiettivo era garantire e mantenere la democrazia nel continente, impedendo di fatto ogni possibilità di conflitto. In un’Europa di muri crollati e totalitarismi demoliti, tutto questo appare logico e inevitabile; allora, a qualche anno dalla conclusione del conflitto mondiale, era un’ intuizione rivoluzionaria.
E a ben vedere non si tratta dell’unica. Già nei primi anni ’50, quando ancora non erano state poste le basi della Cee, De Gasperi tratteggiava le prospettive della futura Unione; come la moneta unica e l’unione doganale e commerciale.
Ma il punto di partenza indispensabile avrebbe dovuto essere la realizzazione di una istituzione sovranazionale, con base costituzionale. Una cooperazione economica senza fondamenta politiche avrebbe condotto a debolezze e a contraddizioni.
[Continua a leggere]

0 commenti

Migranti: demagogia Lega non risolve problemi

Mi sembra che stiamo assistendo a un’estate di stupidari collettivi. Salvini sta facendo demagogia, ma con lui non si risolverebbe uno solo dei problemi... [Continua a leggere]

Torture inaccettabili sui figli di Gheddafi

Lettera appello pubblicata sul Corriere della Sera e firmata da Emma Bonino, Pier Ferdinando Casini, Fabrizio Cicchitto, Massimo D’Alema, Antonio... [Continua a leggere]

Non condivido Orlando su immunità, no a invasioni campo

Ai microfoni del Tg5, rispondo alle domande di Simonetta di Pillo Rispetto l’idea di Orlando, ma non la condivido. Ci sono principi del costituzionalismo... [Continua a leggere]






Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • cittadino: Caro Casini, lo vuoi finalmente capire che è indispensabile...
  • antonio: @ Cittadino. In questi anni ci siamo scontrati su questo Forum. Io a...
  • lucia: Lei è d ammirare perché sostenere il governo è sodtenere l italia, se...
  • cittadino: Spiace davvero che questi temi saranno probabilmente affrontati...
  • morgan debra: Ciao Am signora, Morgan Debra Am un prestatore di prestito...
  • cittadino: E’ passato un mese dal 25 aprile e non sei più apparso su...
  • antonio: Questa la debbo al Cittadino: http://www.primocana le.it/notizie/c...
  • lucia: Sono d accordo , ma gli emigranti non hanno colpa, penso che sia una...
  • Lucia: Speriamo che lei trovi una soluzione con i governanti africaniper...
  • cittadino: @Redazione, invece di censurare i post critici, fategli leggere al...
udc tour