postato il 4 luglio 2015 | in "Europa"

Referendum in Grecia: Il “sì” un argine alla demagogia

L’Ue sia solidale
messagg
«Quando si vota è sempre un fatto di democrazia e poi il popolo greco è maggiorenne e non ha bisogno dei nostri consigli. Tuttavia ritengo segno dei tempi che una politica senza coraggio decida di scaricare l’onere della decisione sulla gente che non conosce le trattative europee e i dettagli del debito. Il referendum è stato un atto di disperazione ma soprattutto di disperazione di chi l’ha voluto: il governo Tsipras».

«I primi responsabili sono quei governanti greci che hanno falsificato i conti. Ma non sono da meno le autorità Ue che hanno fatto finta di non vedere. Una fortissima responsabilità ce l’ha la demagogia di un governo che ha fatto promesse impossibili. E poi l’Europa ha prodotto cure da cavallo che hanno tarpato le ali all’economia. Da questa politica bisogna uscire come chiesto nel semestre italiano di guida dell’Ue».

 

«C’è un proverbio che dice: «Chi ha più intelligenza l’adoperi». Anche se vincesse il “no” la Grecia deve restare in Ue. Per ragioni geopolitiche: Atene è Europa e il Mediterraneo ribolle di problemi. Il rischio dracma sarebbe fortissimo: la Grecia ne pagherebbe le conseguenze perché ha poco da esportare mentre il suo debito resterebbe in euro. Come sempre i più poveri pagherebbero per tutti».

«L’Italia non ha alcun interesse a tornare ad un clima di stagnazione economica generale in Europa né ad un aumento degli interessi sul debito pubblico determinato da una risalita dello spread. Ma è chiaro che l’Europa del futuro non può essere iniqua: i greci non possono andare a riposo a 57 anni mentre gli altri europei prendono la pensione oltre i 65 anni».

«E’ fondamentale un’Europa che parli il linguaggio della solidarietà ma i singoli Paesi europei sono chiamati a dotarsi di classi dirigenti che rifuggano dalla demagogia. Spero che gli italiani capiscano che la convergenza con Tsipras dei Grillo, dei Salvini, dei Fassina è il segno di un populismo che promette l’irrealizzabile e porta solo catastrofe soprattutto per i ceti più deboli».

0 commenti

IN EVIDENZA

Ipu 132: Sviluppo sostenibile, passare dalle parole ai fatti

Ipu 132: Sviluppo sostenibile, passare dalle parole ai fatti

L’intervento in plenaria alla 132ª Assemblea dell’Unione Interparlamentare (UIP) Hanoi (Vietnam),... [Continua a leggere]


Il futuro della Governance globale: il ruolo del MIKTA

Il futuro della Governance globale: il ruolo del MIKTA

Alla tavola rotonda organizzata dall’Istituto Affari Internazionali Roma, 24 luglio 2014 –... [Continua a leggere]



Verso il G7 Energia - Focus sulla sicurezza internazionale

Verso il G7 Energia – Focus sulla sicurezza internazionale

 Il G7 dell’energia a Roma Importante la scelta del Governo di ospitare a Roma la riunione del... [Continua a leggere]


Sull'aumento dell'IVA

Sull’aumento dell’IVA

Riceviamo e pubblichiamo di Mario Pezzati La prima cosa da specificare è che questo aumento non riguarda... [Continua a leggere]



postato il 27 giugno 2015 da | in "Esteri"

Attentati e Isis: ospite di Porta a Porta

Nello spazio di approfondimento di Rai 1, condotto da Bruno Vespa, si parla degli attentati in Tunisia, Kuwait e Francia e dell’emergenza migranti.

1 commento
postato il 26 giugno 2015 da | in "Esteri"

Marò: bene arbitrato, istituzioni e paese uniti

marò2La nota congiunta dei presidenti delle Commissioni Esteri e Difesa del Senato e della Camera, Pier Ferdinando Casini, Nicola Latorre, Fabrizio Cicchitto ed Elio Vito.

“Esprimiamo apprezzamento per la decisione del Governo di attivare, come richiesto da tempo dal Parlamento, la procedura dell’arbitrato internazionale per la risoluzione con l’India della vicenda dei Fucilieri di Marina, attivazione della quale eravamo stati informati nelle ore precedenti.

Ora e’ il momento dell’unita’ delle Istituzioni e del Paese per vedere finalmente affermati, secondo le norme del diritto nazionale ed internazionale, l’innocenza e i diritti dei Maro’ e dell’Italia, dopo oltre tre anni di ingiusta detenzione.
A Massimiliano Latorre e Salvatore Girone rinnoviamo a nome nostro personale e delle intere Commissioni che rappresentiamo, i sentimenti di vicinanza e solidarieta’ che abbiamo piu’ volte manifestato”.

0 commenti

Un errore isolare il Cremlino

È un alleato contro i jihadisti Il colloquio con Alberto Custodero pubblicato su La Repubblica «Le sanzioni alla Russia sono un danno gravissimo alla... [Continua a leggere]

Libia e Migranti: Ospite di SkyTg24

Nello spazio di approfondimento a cura di Federica De Santis  [Leggi tutto]

La guerra all’Isis dell’Occidente: così si perde

L’intervento pubblicato su “Il Messaggero” Le frasi di circostanza e le dichiarazioni ottimistiche non possono occultare la verità:... [Continua a leggere]






Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • cittadino: Caro Casini, lo vuoi finalmente capire che è indispensabile...
  • antonio: @ Cittadino. In questi anni ci siamo scontrati su questo Forum. Io a...
  • lucia: Lei è d ammirare perché sostenere il governo è sodtenere l italia, se...
  • cittadino: Spiace davvero che questi temi saranno probabilmente affrontati...
  • morgan debra: Ciao Am signora, Morgan Debra Am un prestatore di prestito...
  • cittadino: E’ passato un mese dal 25 aprile e non sei più apparso su...
  • antonio: Questa la debbo al Cittadino: http://www.primocana le.it/notizie/c...
  • lucia: Sono d accordo , ma gli emigranti non hanno colpa, penso che sia una...
  • Lucia: Speriamo che lei trovi una soluzione con i governanti africaniper...
  • cittadino: @Redazione, invece di censurare i post critici, fategli leggere al...
udc tour