postato il 11 febbraio 2017 | in "Europa, Politica"

Prima Assemblea dei Centristi per l’Europa

Tutti gli interventi al Teatro Quirino di Roma

0 commenti

IN EVIDENZA

Riforma costituzionale: le ragioni di un Sì

Riforma costituzionale: le ragioni di un Sì

Senato della Repubblica, 20 gennaio 2016 – Ho chiesto di intervenire nella discussione generale... [Continua a leggere]


Ipu 132: Sviluppo sostenibile, passare dalle parole ai fatti

Ipu 132: Sviluppo sostenibile, passare dalle parole ai fatti

L’intervento in plenaria alla 132ª Assemblea dell’Unione Interparlamentare (UIP) Hanoi (Vietnam),... [Continua a leggere]



Il futuro della Governance globale: il ruolo del MIKTA

Il futuro della Governance globale: il ruolo del MIKTA

Alla tavola rotonda organizzata dall’Istituto Affari Internazionali Roma, 24 luglio 2014 –... [Continua a leggere]


Verso il G7 Energia - Focus sulla sicurezza internazionale

Verso il G7 Energia – Focus sulla sicurezza internazionale

 Il G7 dell’energia a Roma Importante la scelta del Governo di ospitare a Roma la riunione del... [Continua a leggere]



postato il 2 febbraio 2017 da redazione | in "Politica"

Ospite di Otto e Mezzo

Nel programma di Lilli Gruber, insieme a Antonio Padellaro e Luca Telese, in una puntata dal titolo “Elezioni, Napolitano stoppa Renzi”.

0 commenti
postato il 28 gennaio 2017 da redazione | in "Politica, Rassegna stampa, Riforme"

Così non si governa, coalizioni in campo e premio già al 35%

IMG_20170128_093121

L’intervista di Paola di Caro, pubblicata sul Corriere della Sera.

La data delle elezioni non lo appassiona: «È un falso problema. Si può votare a giugno come a febbraio, non sono 7-8 mesi che cambiano la situazione». Quello che invece interessa, e molto, a Pier Ferdinando Casini — leader dei Centristi per l’Italia — è che i partiti si impegnino perché il giorno dopo l’apertura delle urne il capo dello Stato «non sia costretto a sciogliere di nuovo le Camere per l’impossibilità di formare un governo». Rischio concreto con la legge uscita dalla Consulta, che va modificata per arrivare a una competizione reale fra i tre poli.

Poli formati da chi?
«Bisognerà capire verso quali modifiche alla legge si andrà. Perché bisognerà assolutamente lavorare sui punti critici, se non vogliamo ritrovarci in una situazione come quella della Spagna senza avere la solidità di fondo di quel Paese. Sarebbe un disastro».

L’attuale legge prevede un premio di maggioranza.
«Ma se non è attribuito alla coalizione, o comunque se è troppo alto, rischia di non scattare, e invece un premio di governabilità è assolutamente essenziale. Si potrebbe pensare ad esempio ad abbassare la soglia al 35% e attribuire un premio di governabilità alla prima lista o coalizione che la porti al 42-43%. Questo eviterebbe frammentazioni e sventerebbe un grande pericolo».

Quale?
«Si parla con troppa leggerezza di grande coalizione dopo il voto. Se passasse l’idea che alcune forze sono rassegnate a questo scenario, sarebbe il trionfo dei partiti populisti, è un messaggio che metterebbe loro le ali. E va cambiata anche la legge del Senato. Così com’è si correrebbe in collegi regionali con le preferenze: immaginiamo cosa possa significare in termini di costi, e quale dispendio comporti, un candidato che debba battersi per conquistare il voto di milioni di persone».

Parlava della necessità di costruire aggregazioni. Come vedrebbe un listone Renzi-Alfano-Pisapia?
«Immagino che le coalizioni si formino partendo da quello che abbiamo vissuto negli ultimi anni. Mi sorprenderebbe se Alfano e Renzi, che hanno governato assieme, non corressero assieme. Pisapia? Personalmente ho grande stima di lui da quando sedeva sui banchi di Rifondazione comunista: persona seria, perbene, garantista. Ma immaginare di correre in un listone che ci veda assieme non è nel novero delle cose. Se si trattasse di coalizione poi, la domanda andrebbe rivolta a lui».

E il centrodestra come può ricostruirsi?
«Seguo sempre attentamente quello che dice Berlusconi, è grandissimo nel percepire gli umori dell’opinione pubblica, ma sinceramente non ho capito come pensa di sviluppare il rapporto con la Lega. Noi abbiamo collaborato con Renzi, lui ha sostenuto i governi Monti e Letta, cosa abbiamo a che fare con questa Lega sempre più lepenista? Vorrei capirlo».

Quali strade ha?
«Deve decidere se seguire la linea sovranista di Salvini, Meloni, Toti con FI a seguito, o guardare a quel mondo che fa riferimento al Ppe che – a differenza di Salvini – ha votato compatto per Tajani. Il bivio è questo».

E Renzi, che insiste per il Mattarellum o il voto subito, la convince davvero?
«Ho sostenuto con forza il Sì al referendum e non sono pentito. Ritengo fondamentale che si renda possibile la nascita di un governo della prossima legislatura da lui capeggiato e non mi piace il clima di accanimento contro di lui. Noi siamo impegnati ad aiutarlo, ma è importante che anche lui si aiuti. In politica si vince e si perde, ma è importante che quando si perde si sia subito pronti a comprendere le ragioni della maggioranza. Questa è la premessa per tornare a vincere. Se non c’è, è difficile»

0 commenti

«Sarraj non basta, dialogo con Haftar»

Così fallisce l’obiettivo di contrastare la lotta agli scafisti Il colloquio con Lorenzo Bianchi pubblicato su QN La Colpa dell’Italia in Libia?... [Continua a leggere]

Voto anticipato? Per Renzi sarebbe un harakiri

Sì alla sfida di Parisi: primarie di centro aperte alle forze che si riconoscono nel Ppe L’intervista di Tommaso Ciriaco pubblicata su Repubblica “Sa... [Continua a leggere]

«Gli italiani a Caracas senza cibo né medicine assediati dai criminali»

Il colloquio con P. Di Caro pubblicato sul Corriere Le linee telefoniche non reggono, si comunica faticosamente con WhatsApp dal Paese che fu tra i più... [Continua a leggere]






Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Rina Giorgi: L’ammiro,Presi dente. Lei è una persona corretta e saggia....
  • lucia: Penso che d alema bleffa e cambierà idea con un bel si al referendum.
  • scardavi giacomo: Se dopo Obama anche con Hillary continua il disimpegno USA...
  • maurizio trincas: quasi perfetto. 13 anni di confusione legalizzata. non...
  • scardavi giacomo: La complessità dei problemi che insorgono col...
  • lucia: Personalmente non credo che i 5 stelle siano in grado di governare l...
  • umberto borzi: Benissimo,sono d’accordo,meno male che lo hai capito,...
  • tarquiny: tutti i grandi paesi che hanno fatto l’Europa la migliore e...
  • tarquiny: Altrimento detto lei vuole che il suo paese guida l’america e...
  • Sandra Granzotto: Sono un cittadino, moderato da sempre e che non ama gli...