postato il 22 settembre 2016 | in "Esteri"

Libia: incontro all’Onu con l’inviato speciale Kobler

A margine della 71esima sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni unite
2016-09-22-photo-00000060-2

Lungo incontro alla Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite tra Martin Kobler, Rappresentante Speciale Onu per la Libia, e la delegazione parlamentare composta da Pier Ferdinando Casini e Fabrizio Cicchitto, presidenti delle Commissioni Affari esteri di Senato e Camera, e da Andrea Manciulli, vicepresidente della terza Commissione di Montecitorio.
Al centro del colloquio, avvenuto ieri sera a margine della 71esima sessione dell’Assemblea generale dell’Onu, il contrasto al terrorismo e al Daesh e l’esigenza di preservare l’unità della Libia, evitando ipotesi di tripartizione. Infine, condivisione tra le parti anche sulla necessità di intensificare il dialogo politico tra il Consiglio presidenziale libico ed il Generale Khalifa Haftar

0 commenti

IN EVIDENZA

Riforma costituzionale: le ragioni di un Sì

Riforma costituzionale: le ragioni di un Sì

Senato della Repubblica, 20 gennaio 2016 – Ho chiesto di intervenire nella discussione generale... [Continua a leggere]


Ipu 132: Sviluppo sostenibile, passare dalle parole ai fatti

Ipu 132: Sviluppo sostenibile, passare dalle parole ai fatti

L’intervento in plenaria alla 132ª Assemblea dell’Unione Interparlamentare (UIP) Hanoi (Vietnam),... [Continua a leggere]



Il futuro della Governance globale: il ruolo del MIKTA

Il futuro della Governance globale: il ruolo del MIKTA

Alla tavola rotonda organizzata dall’Istituto Affari Internazionali Roma, 24 luglio 2014 –... [Continua a leggere]


Verso il G7 Energia - Focus sulla sicurezza internazionale

Verso il G7 Energia – Focus sulla sicurezza internazionale

 Il G7 dell’energia a Roma Importante la scelta del Governo di ospitare a Roma la riunione del... [Continua a leggere]



postato il 18 settembre 2016 da redazione | in "Riforme"

Referendum: se non passa il Sì, Italia giudicata irriformabile

Parole Parisi di buon senso, ma senza novità
Pier Ferdinando CasiniL’intervista di Angelo Picariello pubblicata su Avvenire

Al di là di quanto sostiene l’ambasciatore americano, se non passasse il referendum in tutto il mondo si dirà che l’Italia è definitivamente irriformabile, con gravi danni per l’immagine e la credibilità del nostro Paese». Pier Ferdinando Casini mette in campo i “centristi per il sì”, e per il futuro, «con questo centrodestra», ritiene inevitabile continuare il sostegno al governo Renzi.

Parisi l’ha convinta?
Nelle sue parole ho trovato un condensato di buon senso, ma non vedo atti di coraggio o vere novità. È una persona seria, ha messo in fila le questioni. È un’occasione persa, i veri problemi del centrodestra li ha elusi.
Meglio collaborare al progetto riformatore di Renzi?
Non ho dubbi che il nostro compito sia quello di continuare a sostenere questa maggioranza. Se le prospettive sono queste non vedo come il centrodestra possa costituire un’alternativa credibile a Renzi.
Voi votaste anche la riforma, poi bocciata, del centrodestra. C’è chi dice che non era poi così diversa.
Lo penso anch’io, e non mi spiego come mai, a parte singole personalità come Pera e Urbani, nessun altro nel centrodestra lo dica. C’è un aspetto in cui esse differiscono, il recupero di centralità delle scelte su alcune materie. Ma l’equilibrio energetico del Paese, ad esempio, non può esser messo a repentaglio dall’ultimo Comune italiano. E questo, insieme al superamento del bicameralismo perfetto, l’abolizione del Cnel, ci induce al sì convinto.
Forza Italia insiste per il no.
Ne fa una scelta contro Renzi. O forse c’è la riserva mentale di sostituirsi, in caso di vittoria del no, all’area centrista. Ma non ce ne sarà bisogno, quest’area è solida, ampia e contribuirà a dare stabilità alla legislatura.
C’è dolore per la scelta diversa dell’Udc?
Il dolore è una categoria dell’animo, non la scomoderei. Ognuno fa le sue scelte, va dove lo porta il cuore.
L’Italicum non può creare problemi nel combinato disposto con la riforma?
 Dopo aver parlato di rischio di deriva autoritaria per Berlusconi, ora la cosa si ripete con Renzi. Ma non era vero ieri e non è vero oggi. La legge elettorale si può cambiare con legge ordinaria, e credo verrà cambiata per alcuni aspetti (penso al ballottaggio, al premio alla coalizione) ma se anche rimanesse così non ci sarebbe da spaventarsi. Anzi, visto che i parlamentari della maggioranza verranno eletti quasi tutti con le preferenze, è sbagliato pensare che Renzi riuscirà a tenerli a bada facilmente, altro che deriva autoritaria. D’altronde se tutti sono sempre stati favorevoli a dare più poteri al premier, questo è un capitolo che manca nella riforma, e questa legge elettorale sarebbe in grado di completalo.

0 commenti
postato il 18 settembre 2016 da redazione | in "Memoria"

Ciampi: ha ridato al Paese l’orgoglio di essere italiani

ciampi_casiniL’intervista di Marco Ventura pubblicata su Il Messaggero

Fu con Ciampi al Quirinale che entrò nel gergo della politica l’espressione «bipartisan»? Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri al Senato e all’epoca presidente della Camera, invita a «capire il contesto in cui Ciampi fu eletto nel 1999: si veniva da una presidenza Scalfaro in alcuni passaggi molto divisiva, il clima politico era incandescente. C’era l’esigenza di un voto ampio per evitare la solita bagarre dei franchi tiratori e delle votazioni interminabili».

Non c’era la candidatura del popolare Franco Marini?
«Veltroni virò immediatamente sul nome di Ciampi e attorno a quella scelta costruì un consenso ampio. Il centrodestra non vedeva l’ora di votare un candidato non solo super partes, ma che apparisse anche tale. Il partito della sinistra non portò popolari al voto, e dietro la spinta di Veltroni propose senza esitazione Ciampi».
Cinque dei suoi 7 anni furono poi segnati dalla coabitazione con Berlusconi.
«Non furono anni facili e al netto della cortesia, Ciampi non ha mai amato Berlusconi. Però lo ha sempre rispettato, rispettando con lui il risultato delle urne. Chi ha lavorato molto, e molto bene, per smussare gli angoli, è stato Gianni Letta, nel quale Ciampi aveva una fiducia totale. È stato un gioco di pesi e contrappesi, di moral suasion esercitata con intelligenza dal Presidente».
Momenti di maggior disaccordo e, invece, condivisione?
«Il cammino della legge Gasparri fu costellato da una sorveglianza stretta del capo dello Stato che non ne condivideva l’impianto. Fu un continuo lavoro di correzione, esercitato in modo morbido. In realtà quella legge respinta per alcuni articoli alle Camere era stata già molto emendata dall’operato sottotraccia di Ciampi. I presidenti della Repubblica non hanno il compito di farsi applaudire ma di incidere. Ciampi lo ha fatto con determinazione. Se non ci fosse stato questo lavoro, non ci sarebbero stati neanche i momenti di unità fondamentali che ci consentirono di affrontare quei tempi».
Per esempio?
«Ricordo il suo straordinario spessore umano la notte in cui rientrarono i caduti di Nassiriya. Dalle famiglie era visto come un nonno che non li lasciava soli. Ciampi si schierò subito per l’unità nazionale e non diede spazio ad alcuna possibile polemica. Per questo subì contestazioni dalla sinistra, che lo accusava di non essere sufficientemente assertivo contro Berlusconi. Il che dice quanto il suo atteggiamento sia stato equilibrato e ispirato al senso dello Stato». [Continua a leggere]

0 commenti

Ospite di Otto e Mezzo

Nello spazio di approfondimento politico di La7 condotto da Lilli Gruber dal titolo “Renzi senza alternative?”, insieme a Beppe Severgnini... [Continua a leggere]

“Caro Matteo, dammi retta il ballottaggio è pericoloso”

Votare sì al referendum è un dovere morale Ma eliminiamo il doppio turno dalla legge elettorale L’intervista di Alessandro di Matteo a Pier Ferdinando... [Continua a leggere]

«Un dovere dare all’Italia la riforma. Il mio Sì è coerente»

Casini: il no al referendum è masochista L’intervista di Natalia Lombardo a Pier Ferdinando Casini  pubblicata su L’Unità I “Centristi per... [Continua a leggere]






Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • scardavi giacomo: La complessità dei problemi che insorgono col...
  • tarquiny: tutti i grandi paesi che hanno fatto l’Europa la migliore e...
  • tarquiny: Altrimento detto lei vuole che il suo paese guida l’america e...
  • Sandra Granzotto: Sono un cittadino, moderato da sempre e che non ama gli...
  • tarquiny: la sua intervista richiede qualque riflessione, il ruolo di...
  • tarquiny: Benissimo, per rapresentare il vostro paese cosi come lei dice puo...
  • tarquiny: questa riforma puo essere intitolata: definire per 100 Senatori...
  • tarquiny M: mi permetto un commento dovuto a anni di supremazia...
  • cittadino: Allora se non vuoi essere corresponsabile della vittoria alle...
  • corrado casalino: Condivido quanto detto su Putin.
udc tour