postato il 17 Dicembre 2023 | in "Politica, Rassegna stampa"

La Russa ha ragione, il premierato così non piace  a nessuno

Meloni non arriverà al referendum

Presidente Casini, pochi giorni fa a Montecitorio, nel corso del convegno “Costituzione, Parlamento, Democrazia”, a proposito del ddl del governo sul premierato, lei platealmente ha detto: “Non prendiamoci in giro”. Perché?

C’è un dovere di trasparenza a cui bisognerebbe attenersi sempre ma, in particolare, quando si parla di Costituzione. Non è corretto dire che Parlamento e Presidente della Repubblica non sono toccati: lo sono e ampiamente. I presidenzialisti hanno tanti argomenti a loro favore senza aver bisogno di cambiare le carte in tavola: il presidenzialismo di per sé non è affatto antidemocratico, ma chiamiamo le cose col loro nome.

Davvero crede che al futuro presidente della Repubblica resterà da tagliare solo qualche nastro?

Non lo credo io. Lo crede anche uno studente al primo anno di Giurisprudenza. Il ruolo del Presidente della Repubblica e la sua autorevolezza si basano su una moral suasion e su una flessibilità che rendono incisivi i suoi poteri. Questo può non piacere, ed è perfettamente legittimo, ma allora la questione va affrontata direttamente e senza mistificazioni. In realtà tra le poche cose che in Italia funzionano bene c’è proprio il ruolo del Presidente della Repubblica. Non a caso gli ultimi due sono stati votati per la seconda volta da un ampio spettro di forze dell’attuale maggioranza e opposizione.

Ci son state scintille, in quel convegno alla Camera, tra lei e gli altri due suoi colleghi ex presidenti, Gianfranco Fini e Fausto Bertinotti…

Nessuna scintilla. Ci conosciamo troppo bene…al massimo qualche puntura di spillo tra colleghi e amici.

Dopo l’altolà di Gianni Letta, anche il presidente della Senato, Ignazio La Russa, ha criticato il ddl: venerdì alla festa di Atreju ha detto che a forza di mediare con l’opposizione il testo è peggiorato. Lei da senatore del Pd che ne pensa?

Vuole sapere un paradosso? Nella sua brutalità, e facendo un discorso chiaramente di parte, La Russa ha ragione: questo è un pasticcio che ovviamente non va bene all’opposizione ma che, alla fine, non andrà bene neanche alla maggioranza. Basta pensare alla retorica del “diamo agli italiani l’opportunità di scegliere il Presidente del Consiglio” palesemente contraddetta dalla possibilità, qualora venisse sfiduciato, di essere sostituto da un successore non indicato dai cittadini e che avrà ben più poteri del primo.

Alla fine crede che si andrà al referendum? Snodo cruciale per il governo di Giorgia Meloni.

Ho sempre votato contro questo governo, ma ciò non impedisce di riconoscere che Giorgia Meloni è una donna intelligente: per me azionerà il freno a mano prima di cadere nel burrone perché questo sarebbe l’effetto di un referendum, comunque lacerante, su un argomento come la Costituzione che dovrebbe unire tutti gli italiani.

Un altro tema è l’autonomia, tanto cara al ministro Calderoli.

Calderoli da anni persegue con coerenza i suoi obiettivi: in realtà essi contrastano non solo con le posizioni delle opposizioni, ma anche con gran parte di quelle della maggioranza. Gli squilibri territoriali ne risulterebbero accentuati e l’unità nazionale largamente compromessa.

Nell’anno che sta arrivando ci saranno le elezioni europee e si voterà anche negli Stati Uniti: se tornasse Donald Trump, muterebbe lo scenario. In Ucraina innanzitutto…

Sono molto sorpreso dall’ingenuità con cui certi pacifisti non capiscono di portare acqua al mulino di Orbán e Trump. Per fortuna su questo Draghi e la Meloni hanno tenuto la barra dritta.

Iscriviti
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti


Twitter


Connect

Facebook Fans

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Instagram