postato il 28 Luglio 2012 | in "Interventi"

Subito legge elettorale senza furberie o rinvii

Noi vogliamo la nuova legge elettorale e la vogliamo subito senza furberie o rinvii. Auspichiamo che sia largamente condivisa tra i partiti che sostengono il governo.
La data delle elezioni, che comunque potrà variare solo di qualche mese nel calendario temporale, non è di nostra competenza prevederla. Capisco che ci sia chi cerca di inquinare i pozzi, ma non mi sembra il momento giusto per fare giochini.

 

Pier Ferdinando

2 Commenti

Commenti

  1. Buongiorno, presidente

    Lei dice: “Capisco che ci sia chi cerca di inquinare i pozzi, ma non mi sembra il momento giusto per fare giochini.”
    Sia più chiaro, presidente, almeno nell’ottica della trasparenza, chi sono le persone che cercano d’inquinare i pozzi? Si facciano nomi e cognomi, per favore; magari sono abbastanza intuibili ma, ribadisco, nell’ottica della trasparenza, sarebbe necessario conoscerne esattamente i nomi. Il dire e non dire lascia tutto nell’opacità più assoluta!
    Una citoyenne


  2. Il presidente Casini, dato che deve trattarci purtroppo con chi in modo più o meno subdolo “sta avelenando i pozzi”, i loro nomi non li può ovviamente fare altrimenti favorirebbe proprio che si verifichi quello che loro vogliono: il fallimento del tentativo della riforma elettorale. Ma senza usare nomi e cognomi chi avvelena i pozzi lo si può individuare lo stesso senza possibilità di errore semplicemente vedendo chi pone paletti fissi (più o meno astrusi) alla trattativa o chi introduce ogni giorno diversivi ed elementi per far perdere tempo. Un esempio è la volontà del CDX di introdurre il semipresidenzialismo, riforma costituzionale che ha l’appoggio della sola metà del Parlamento per cui non ha alcuna possibilità di approvazione in questa legislatura. Altro esempio è la inamovibilità di una parte del CSX sull’ introduzione dei collegi uninominali asserendo che le preferenze sono veicolo di clientelismo e voto di scambio, ma nello stesso tempo dicendo che occorre ridare la scelta del parlamentare ai cittadini; ma questo con i collegi uninominali come può avvenire se ilcandidato lo indica il partito? Forse con le primarie non istituzionalizzate come vediamo svolgerle attualmente? E poi se le preferenze nelle politiche sarebbero portatrici di clientelismo e voto di scambio, come mai questo non avverrebbe nelle comunali e nelle europee? Nomi e cognomi? Tutti i politici che portano avanti questi argomenti non lasciando il necessario spazio ad una realistica trattativa. Cittadino.




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • Mario Dereviziis: Auguri caro Presidente Casini. In parlamento si è...
  • Giuseppe Leporini: La saggezza di un leader vero. Grande Pier!
  • Francesco66: Di e cose sacrosante. Ma Intanto vediamo.
  • angelo lucisano: condivido pienamente,”i parlamentari,quelli ovviamente...
  • Fulvio: grande pier ferdinando , ciao, con amicizia,,, c’ero anche io...
  • Pippo Bufardeci: Pier, la classe non è acqua. Hai chiaramente evidenziato la...
  • Edgardo: Sono convinto che gli insulti da chiunque parte vengano non creano...
  • Giuseppe: Condivido parola per parola il ragionamento di un uomo di...
  • Pippo Bufardeci: Perfetto, Pierferdinando non si può gestire solo la...
  • CARLO FIORILLO: Gentile Senatore, Lei ci riporta il suo intervento alla...
udc tour