postato il 4 Giugno 2019 | in "Politica, Rassegna stampa"

«Un nuovo partito di centro vale più del 10%. Renzi? È in grado di parlare ai moderati»

C’è uno spazio enorme, non lasciamo l’Italia in mano a irresponsabili estremisti anti-UE. A Calenda dico: non ha senso chiedere l’autorizzazione a Zingaretti. Dentro FI c’è chi non vuole morire salviniano.

 

L’intervista di Fabrizio Nicotra pubblicata sul Messaggero

«Se vogliamo evitare che gli irresponsabili al governo portino l’Italia verso la rovina e che l’ondata di demagogia e pressappochismo travolga tutto, noi dobbiamo coprire lo spazio immenso che si è creato al centro». Pier Ferdinando Casini, ex presidente della Camera e oggi senatore del gruppo delle Autonomie, è uno che di centro se ne intende e secondo lui è arrivata (o ritornata) l’ora che i «moderati si mettano al lavoro per occupare questo spazio. Che nel Paese vale più del 10%». E gli interlocutori possono essere tanti: da Matteo Renzi a Carlo Calenda fino a chi, dentro Forza Italia, non vuole morire salviniano.

Presidente davvero ritiene che in una fase di tripolarismo Lega, Pd, M5S ci sia la possibilità di un nuovo soggetto di centro?
«C’è uno spazio immenso, che è un delitto non coprire se non vogliamo che l’Italia resti vittima degli estremismi, dell’antieuropeismo e dei populismi. Per arrestare l’ondata di demagogia e di pressappochismo, dobbiamo capire che al centro ci sono praterie che vanno colmate. Gli italiani non possono essere lasciati nelle mani di irresponsabili che, senza alcuna cognizione di economia e di finanza, ci stanno portando a una guerra con l’Europa che per i nostri interessi sarà letale».

Quali segnali le danno questa convinzione?
«Io giro l’Italia e c’è tanta gente che chiede ai moderati di rimettersi in marcia. FI ondeggia ormai tra il vassallaggio a Salvini e la voglia di rinascere facendo qualcosa di più decoroso. Nel Pd Zingaretti sta facendo un lavoro serio, che non sottovaluto. Ma ci sono tanti elettori che il Pd non lo votano: alle Europee il Pd ha preso il 22% e, se pensiamo che Leu non ha presentato la lista, la somma è quella delle Politiche. Anche con qualche alleato, ma senza una massa critica diversa, i dem sono condannati alla testimonianza».

Calenda ha parlato della possibile nascita di un nuovo soggetto che possa allearsi con il Pd.
«Io apprezzo molto Calenda, però c’è un punto che mi divide da lui: è pronto a fare un partito chiedendo l’autorizzazione a Zingaretti. Un’autorizzazione che non arriverà mai. Non si può creare un partito che guarda ai moderati chiedendo l’autorizzazione al segretario del Pd. Non funziona così. Il Pd va rispettato, ma fare un’operazione al centro significa rivolgersi a un’area liberal-democratica che sta aspettando qualcosa di nuovo. Oggi il mondo dei moderati non ha riferimenti».

Lei dice noi. Chi si immagina come compagni di viaggio?
«Se c’è un modo di compromettere un disegno politico è quello di fare l’elenco di chi c’è e chi non c’è. Non faccio elenchi però credo che al momento giusto quelli disponibili a impegnarsi saranno molti di più di quanti immaginiamo. Quando c’è la domanda da parte degli elettori, la risposta arriva».

Allora non facciamo elenchi, ma un nome lo facciamo: Renzi.
«Lui ha parlato a un 20% di elettori moderati. Il giorno dopo che ha conquistato questi consensi per molti, nel Pd, l’obiettivo è stato come perderli e non come conservarli. L’apertura a quell’elettorato è stata vissuta come lesa maestà da parte di qualcuno. Io non so se Renzi ci sarà o meno, lo chiarirà lui. Però l’ex segretario del Pd è uno di quelli in grado di parlare ai moderati. Come Calenda, come molti che sono in +Europa, penso tra gli altri a Bruno Tabacci».

E in Forza Italia?
«Nel gruppo dirigente di FI c’è chi non accetta di morire salviniano».

Questo governo dura?
«Durerà poco perché è un esecutivo che si regge sugli equivoci e Salvini ha tutto l’interesse ad andare al voto».

In Italia non si è mai votato in autunno, pensa che il 2019 sarà una prima volta?
«Queste sono decisioni che spettano al Quirinale. Ma fine settembre, novembre o febbraio non cambia molto: la legislatura ha esaurito la spinta propulsiva».

SalvaRoma, governo e maggioranza stanno combinando un pasticcio?
«Questi ragazzi hanno molti problemi. Il Salva-Roma deve andare in porto. Non per aiutare la Raggi, ma per aiutare la Capitale, che è in una situazione fatiscente. Se non si corre ai ripari sarà una vergogna per tutti gli italiani».

Commenti disabilitati su «Un nuovo partito di centro vale più del 10%. Renzi? È in grado di parlare ai moderati»

Commenti

  1. Caro Pierferdinando è l’impostazione che ha caratterizzato la nostra azione politica negli anni passati e che ci ha permesso, da soli, di entrare in Parlamento quando tutti ci davano spacciati. Oggi, condivido con te, ci sono le condizioni per una proposta politica di centro che va elaborata da subito senza pensare prima a chi è disponibile. Ma non possiamo perdere ulteriore tempo.


  2. Io ci sono. Un partito di centro che guarda a sinistra. Tanto per cambiare!




Twitter


Connect

Hai già cliccato su “Mi piace”?

Community

Login with Facebook:
Last visitors
Powered by Sociable!

ULTIME SEGNALAZIONI FACEBOOK

Facebook Fans

Twitter EstremoCentro

Ultimi commenti

  • GIANNA SERRA: mi piace ricordare il compianto GUAZZALOCA QUANDO PARLAVA DI...
  • Raffaele Reina: Complimenti sempre. Siamo cresciuti e cresciuti bene alle...
  • Pippo Bufardeci: E’ un’analisi perfetta. Lasciare ancora senza...
  • Pippo Bufardeci: Perfettamente in linea con la giusta strategia politica che...
  • Ezio Ordigoni: Credo che il Presidente Casini abbia delle ragioni
  • Lucia: Presidente lei è un ottimo intermediario e di mediazioni ne sa...
  • luigi addesa: Non c’è niente da fare quelli della prima repubblica sono...
  • Omar Cao: Caro Presidente è ora che prenda Lei l’iniziativa. io sono...
  • Maurizio paladini: Io ci sono. Un partito di centro che guarda a sinistra....
  • Pippo Bufardeci: Caro Pierferdinando è l’impostazione che ha...
udc tour